PalermoWeb sta cambiando... resta in contatto su: www.palermoweb.net !

Tutti i comuni della provincia di Palermo ? CLICCA QUI

Welcome to, Benvenuti a...

Cefal¨
www.comune.cefalu.pa.it   

 

Terra di mito
(testo di Nico Marino *)

Cefal¨ Ŕ terra del mito: qui Dafni, poeta cantore della natura, accecato dalla suocera per vendetta, viene trasformato in roccia dal pietoso Mercurio; qui Ercole nel 1283 a.C, costruisce un tempio al Sommo Padre Giove; qui i Giganti, discendenti da lavan figlio di lafet figlio di NoŔ, vissero le loro grandi avventure.

Della pi¨ antica frequentazione umana di Cefal¨ troviamo tracce preistoriche nelle due grotte, sul versante settentrionale della Rocca chiamate "delle giumente" e "delle colombe". Ras Melkart (promontorio di ╚rcole ) Ŕ il nome punico della CittÓ, Kephaloidion quello greco. La CittÓ, pur vantando antichissime origini mitologiche e leggendarie, sarebbe, come attestano i ritrovamenti archeologici, un centro indigeno della fine del V secolo a.C. resosi florido e prosperoso grazie ai contatti con i popoli che in quel periodo gestivano i commerci in Sicilia.

Nel 396 a.C. Imilcone, Generale Cartaginese si allea con gli abitanti di Cefal¨. Nel 307 a.C. la CittÓ viene conquistata dai Siracusani e assegnata al governatorato di Leptine. Nel 254 a.C. viene presa, con l'inganno, dai Romani diventando, poi, CittÓ Decumana. Cefal¨ subisce, quindi, le dominazioni di quei popoli che si avvicendavano, alla detenzione del potere: Impero Romano d'Occidente, Vandali e Goti, Impero d'Oriente, poi gli Arabi e quindi i Normanni.

Tracce del sistema viario ellenistico - romano sono disseminate un po' dappertutto  per la cittÓ, la parte pi¨ significativa si trova all'interno della sala polifunzionale della Corte delle Stelle ( Corso Ruggero), mentre della cinta muraria megalitica (fine del V sec. a. C.) oltre a varie piccole porzioni, rimangono solide vestigio lungo la scogliera della Giudecca ( Postierla ), presso Piazza Garibaldi (l'antica Porta Terra) e lungo la discesa del Distretto Paramuro.

Dello stesso periodo delle mura Ŕ il cosiddetto tempio di Diana, sulla rocca, edificio megalitico forse legato ad un culto dell'acqua, come proverebbe la vicina "cisterna protostorica" (IX sec A.C.) con copertura di tipo dolmenico.

Il tempio, il castello e le mura di cinta merlate, casermette, magazzini, cisterne, forni ed altre costruzioni costituiscono l'attrattiva per una passeggiata sulla rocca (ml.270 s.l.m.), dalla cui sommitÓ Ŕ possibile osservare un magnifico panorama.

La rocca Ŕ costituita dalla lumachella, roccia calcarea di origine organogena, ricca di fossili (molluschi, gasteropodi, lamellibranchi, e, talvolta brachiopodi), le cui sezioni spiccano sulla superficie levigata della roccia come curiosi arabeschi. Poche le tracce lasciate dagli Arabi che conquistarono Cefal¨ nell'858, magnifiche e monumentali quelle lasciate dai Normanni.

Il Gran Conte Ruggero nel 1063 prende possesso della CittÓ, aiutato nella lotta contro gli arabi da un cittadino di Cefal¨, Rodulfo Rufo, alias Raul. Ruggero II, riconsegna definitivamente alla CristianitÓ Cefal¨, fondando, prima la chiesa di  S. Giorgio (1129) e, poi , la basilica Cattedrale (1131). Quest'ultima costruzione permetterÓ al Re di sciogliere il voto fatto quando, colto da una improvvisa terribile tempesta, prometteva di costruire, ad onore e gloria del SS. Salvatore, una cattedrale nel luogo che lo avrebbe visto salvo.

Altri esempi di costruzione medievali, ben visibili, sono: il palazzo Maria ( Piazza del Duomo ) e l'Osterio Magno (Corso Ruggero). Queste due costruzioni erroneamente, sono state identificate come la Domus Regia ruggeriana che, invece, fu inglobata dal palazzo Vescovile, in quella parte adiacente alla Canonico.

L'Osterio Magno Ŕ un complesso monumentale del XIII secolo, accertata residenza, a Cefal¨, dei Ventimiglia Marchesi di Geraci. Questi, che possedevano in CittÓ vaste proprietÓ con torri e vigne, svolsero un ruolo molto importante a Cefal¨ reggendone, talvolta, il governo e interferendo spesso con il potere della Chiesa. La loro presenza rese sempre pi¨ solido quel vincolo, oggi ancora vivo, che ha sempre legato Cefal¨ al territorio ed ai paesi delle Madonie.

Ai Ventimiglia si devono varie altre costruzioni cittadine: la parte pi¨ antica di porta Pescara, la Torre di porta Ossuna, forse, parte della chiesa di S'Antonio  di Padova. Arrigo Ventimiglia , nel 1263, interveniva nella definizione del tetto della Cattedrale e Francesco II, nel suo testamento ( 1386), chiedeva di essere sepolto nel sarcofago della Cappella di famiglia in Cattedrale, dove oggi riposa.

Il sarcofago, assieme ad altri mausolei, arricchisce il patrimonio artistico della basilica di Cefal¨: il mosaico bizantino dell' abside (1148), la croce lignea bifronte dipinta da Guglielmo da Pesaro ( seconda metÓ del XV secolo ), gli stucchi barocchi (1650) di Scipione li Volsi arricchiti dalle pitture di Ignazio dongiovanni, una Madonna con bambino (1533) di Monello Gagini, l'Altare del SS. Sacramento (1764-1779), pregevole lavoro degli argentieri palermitani Gregorio Balsamo, Giovanni Rossi, Giuseppe Russo ed altri. Il Paliotto fu realizzato su I disegno del pittore cefaludese Geronimo Cassata ' ( 1714 -? ). Il Tesoro della Cattedrale Ŕ arricchito da due Reliquiari quello della Santa Croce e quello delle Sante Spine. L'interno della Cattedrale, a tre navate con copertura lignea, Ŕ arricchito da un fonte battesimale romanico con vasca di lumachella grigia. Annesso alla Cattedrale Ŕ il bellissimo chiostro , decorato da colonne binate con capitelli scolpiti. All'esterno la facciata Ŕ opera del Panittera (1240 ) e il portico di Ambrogio da Com˛ ( 1473 ).

Il sagrato, antico cimitero pubblico, sempre secondo la tradizione, fu costituito con la Terra Santa fatta venire, per volontÓ di Ruggero II, da Gerusalemme, da quella localitÓ chiamata Aceldama che accolse il cadavere di Giuda in una fossa pagata con i trenta denari, prezzo del suo tradimento. Il Sagrato oggi,con termine, popolare, viene chiamato turniali, termine preso in prestito dall'antico nome del chiostro.

Il patrimonio monumentale della CittÓ Ŕ ricchissimo. Il lavatoio "Medievale", foce del fiume Cefalino che, nascendo dalle montagne alle spalle di Gratteri, giunge a Cefal¨ attraverso un percorso sotterraneo, rafforzando quel legame ancestrale, mare - monti, che ha permeato la storia di Cefal¨ e del comprensorio delle Madonie. Il Barocco Ŕ rappresentato dai prospetti del : Monte di PietÓ (1716) e della chiesa delle Anime Purganti (1668), mentre, tante altre chiese, ricordano epoche e stili diversi. Una visita a Cefal¨ non pu˛ escludere una sosta al Museo Mandralisca che contiene una pregevole collezione archeologica, una Pinacoteca della quale fa parte il "ritratto d'Ignoto" , capolavoro di Antonello da Messina, una collezione malacologica e una biblioteca storica.

A circa 4 Km. da Cefal¨, sorge il placido Borgo di S. Ambrogio, frazione di Cefal¨ sorta intorno al 1783, con un bel panorama e tanta simpatica accoglienza. Ancora a pochi chilometri da Cefal¨ presso la contrada San Biagio sorge la chiesetta omonima, antica pertinenza di un Cenobio benedettino. All'interno della cappella Ŕ possibile ammirare magnifici affreschi del XIII secolo, opera di maestranze della scuola pittorica siciliana.

Tra gli ulivi di Settefrati, svetta la torre del coltello Ortolani di Bordonaro, antica dimora della famiglia Duca, donato dal Barone Gabriele Ortolani di Bordonaro, Principe di Torremuzza, ( 1907- 1992) alla CittÓ di Cefal¨, perchÚ diventasse centro propulsore di attivitÓ socio- culturali. Sul poggio del monte S.Angelo, a 15 Km. da Cefal¨, a 800 mt. s.l.m., tra una fýtta vegetazione di castagni, querce e frassini, sorge il santuario di Gibilmanna, interessante luogo di culto e meta di pellegrinaggi. All'interno si pu˛ ammirare l'altare barocco con marmi policromi di pregevole fattura, eseguito per la Cattedrale di Palermo dallo scultore Baldassare Pampillonia su disegno dell'Archi. Paolo Amato, acquistato dal guardiano del Convento di Gibilmanna nel 1785. All'interno dell'antico Convento Ŕ possibile visitare un ricco Museo che raccoglie opere d'arte provenienti da chiese e conventi, non pi¨ attivi, della provincia cappuccina di Messina. Il Museo contiene anche una ricca collezione etno - antropologica.

Cefal¨, oggi, frequentata da un pubblico internazionale, offre a tutti un mare pulito con una splendida costa; alberghi e villaggi turistici per tutte le esigenze; spiagge attrezzate, sicure ed animate; servizi ed itinerari culturali ricchi di Mito, Storia e Natura.

Il suo territorio propone splendide passeggiate che permettono di godere della natura circostante che offre, oltre a tantissime bellezze naturali, le orchidee, che numerose popolano la campagna cefalutana, e alcuni gasteropodi quali la Helix Mazzullii , la vermiculata e la cephaleditana. La variegata serie di proposte offerte da Cefal¨ fa della CittÓ e del suo territorio una realtÓ privilegiata che, l'appartenenza ad un pi¨ vasto comprensorio, il Parco delle Madonie, rende unica sia per la posizione geografica che per le caratteristiche storico- culturali.

La chiusura al traffico del centro storico ha dato un nuovo accattivante impulso alla fruizione della CittÓ e del suo territorio, contribuendo a migliorare l'accoglienza e a rendere pi¨ confortevole il soggiorno.Merita attenzione la prima domenica di giugno per la festa del Corpus Domini con la tipica sfilata di carri allegorici.

Tra gli appuntamenti culturali cefaludesi vanno ricordati, lungo i mesi di luglio, agosto e settembre, gli spettacoli di musica, folklore, cabaret e teatro di "Cefal¨ incontri" e in ottobre la rassegna "le cittÓ del cinema'. Tra le feste religiose Ŕ molto sentita quella in onore del SS. Salvatore il 4,5 e 6 agosto.

* tratto dall'opuscolo turistico della Provincia di Palermo

Altro articolo clicca qui


IL DUOMO DEL SS. SALVATORE di Cefal¨, tra storia e leggenda

╚ uno dei pi¨ imponenti monumenti di etÓ arabo-normanna ed il pi¨ importante di Cefal¨. La sua costruzione fu iniziata nel 1131 e dur˛ per lungo periodo essendo stata interrotta alla morte di Ruggero II.
Secondo la tradizione, fu innalzato al Salvatore in esecuzione di un voto fatto da Buggero II che, travolto da una tempesta, trov˛ scampo presso la costa di Cefal¨.
La leggenda, per˛, quasi certamente cela la vera motivazione che Ŕ di natura politica e militare come, del resto, lascia supporre il carattere di fortezza, con due possenti torrioni in facciata e la stessa mole dell'edificio che domina su tutto l'abitato.
La costruzione
Si tratta di una delle pi¨ grandi cattedrali siciliane che, realizzata su progetto normanno, risente fortemente della componente
culturale araba, bizantina, latina e nordica. Vi sý accede attraverso un ampio sagrato al cui centro si trova la Porta dei RŔ. Entrando, si presenta a trÚ navate di otto colonne per lato e pavimento a croce latina in pietra grigia locale. Le pareti laterali oggi sono completamente nude ma alla fine del '500 vi erano stati inseriti dieci altari. Imponente nello slancio dato dalle due torri laterali, s'inserisce in un tutto armonico nel paesaggio della cittÓ. Di particolare interesse i mosaici del catino absidale con la figura del Pantocratore, di pura fattura bizantina, figura elle sarÓ ripresa, successivamente, nella Cattedrale di Monreale e nella Cappella Palatina di Palermo. Un maestoso altare si trovava al centro, sotto l'abside; al suo posto oggi insiste una Croce di legno del 1300.


ALTRE INFO

Per chi arriva via mare

IL PORTO NUOVO (PRESIDIANA)
Coordinate di riferimento: 38░ 02' 12" N 14░ 02' 19" E.

E situato a levante ed Ŕ costituito da un molo foraneo a tre bracci al cui interno si trovano due pontili uno in cemento armato ed uno in ferro; il primo, con tre pennelli laterali, Ŕ adibito in parte ad ormeggio per imbarcazioni da diporto.

L'ingresso al porto Ŕ consentito dall'alba al tramonto. Nell'accesso allinearsi con il pontile in cemento o in ferro, mantenendosi ad almeno cento metri dalla testata del molo foraneo. Sono presenti massi semisommersi in vicinanza della testata del molo di sopraflutto e scogli nel bacino portuale.

Il fondo marino Ŕ sabbioso con fondali in banchina da 0,20 a 3,50 m.

Servizi
Le banchine sono illuminate ed il porto dispone di fontanella e prese d'acqua, prese elettriche, scivolo, scalo d'alaggio fino a 100 tonnellate, riparazione scafi in legno, servizi antincendio, parcheggio auto, servizi igienici e telefono.

Faro e fanali
Faro a lampi bianchi periodo 5 sec., portata 25 m., sulla punta NE di Capo Cefal¨; fanale a lampi verdi periodo 4 sec., portata 5 m. sulla testata del molo di sopraflutto; fanale a luce fissa verde e rossa 2 vert., portata 3 m. sul pontile di ferro.

IL PORTO VECCHIO
Coordinate di riferimento: 38░ 02' 25" N 14░ 01' 08" E.

E costituito da un moiette di 70 m. non segnalato da segnali luminosi e privo di qualsiasi attrezzatura. E' vietato ormeggiare.

Il fondo marino Ŕ sabbioso con fondali in banchina da 0,30 a 3,50 m.


<BACK

HOME

FEEDBACK PRIVACY

info@palermoweb.com

 PalermoWeb NEWS - Reg.Trib. Pa. n.26-17/09/07 - 1999-2015ęCopyright PalermoWeb - Direttore: Rosalinda Camarda