PalermoWeb sta cambiando... resta in contatto su: www.palermoweb.net !

Tutti i comuni della provincia di Palermo ? CLICCA QUI

Welcome to, Benvenuti a...

Roccamena
www.comune.roccamena.pa.it 

 

Dal nucleo originario delle "quattro case"
(testo a cura dell''Amministrazione Comunale *)

L'attuale centro urbano ha origini piuttosto recenti (metà del XIX sec.), fu infatti fondato da Giuseppe Beccadelli, marchese di Sambuca e principe di Camporeale. 

Sorge su una delle tenute aggregate al feudo della Sparacia, che faceva parte dell'immenso patrimonio dei Gesuiti. Il territorio, dopo l'espulsione di questi ultimi (1767) e l'esproprio dei loro beni, rientrò nel piano di riforme volute da Bernardo Tanucci (Ministro di Ferdinando IV, re delle Due Sicilie), mirante a favorire la ridistribuzione dei possedimenti ex gesuitici in favore dì piccoli proprietari.

Nel 779 don Gaetano Morales, prestanome di Giuseppe Beccadelli, acquistò tra gli altri anche il feudo di Sparacia e nello stesso anno il principe, ottenuta la "licentia populandi", avviò la costituzione di diversi centri abitati, tra cui il villaggio di Roccamena. Questa denominazione sembra che deriva dall'esclamazione del principe: "Che rocca amena" perché colpito dalla bellezza del paesaggio, caratterizzato da asperità rocciose che qua e la sembrano affacciarsi in varia guisa dalla rotondità della collina su cui il centro, tuttora in gran parte, sì erge.

Il centro si sviluppò intorno ad un nucleo "Le Quattro Case" da identificarsi, forse, con le antiche abitazioni che sorgono a monte del nucleo urbano nel quartiere omonimo. Il primo registro parrocchiale risale al 1798, data a cui si fanno risalire, per tradizione, i natali di Roccamena. Poco documentata è invece la storia del villaggio fino al 1833, anno in cui divenne frazione di Corleone.

Il 28 Novembre 1846, con Regio Decreto, il villaggio fu elevato a Comune e gli furono assegnati come territorio alcuni ex feudi, ma la piena autonomia gli fu riconosciuta con una ministeriale del Ministero dell'Interno, il 18 Giugno 1998.

Il nuovo Comune dipendeva dal circondario di Corleone e dalla diocesi di Monreale.

L'ubicazione stessa dì Roccamena rappresenta una valida testimonianza dell'importanza che il suo territorio ha avuto nel passato, infatti il paese sorge fra i due rami del fiume Belice, conosciuto in passato col nome di Crimiso, dove nell'anno 342 a.C. si combatté la famosa battaglia guidata dal condottiero greco Tìmoleonte.

Nel territorio di Roccamena insiste un interessante sito archeologico posto su Monfe Maranfusa, una grande rocca ben difesa naturalmente da pareti a precipizio su tutti i versanti e sulla cui sommità si possono ammirare i ruderi di una fortezza, il castello di Calatrasi, che il geografo e viaggiatore arabo Idrisi, nel suo "Libro di re Ruggero" descrive in questi termini, "castello appariscente e fortilizio primitivo e valido da farvi affidamento...", e che testimonia la presenza mussulmana nella Valle del Belice.

Ma numerosi altri ritrovamenti archeologici venuti alla luce durante le campagne di scavi effettuate dalla Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali negli anni 1980/90, testimoniano l'esistenza di un fiorente centro indigeno, probabilmente elimo, ellenizzato intorno al VI sec. a.C.

Poco più a valle, stagliatesi in un suggestivo scenario naturale, si può ammirare lo splendido ponte Calatasi detto "Ponte del Diavolo", risalente alla seconda metà del XII sec. d.C. e caratterizzato da una bellissima arcata a sesto acuto e che costituisce uno dei più importanti e meglio conservati esempi di architettura araba della zona.

Questo notevole ed importante parco archeologico, fino ad ora poco noto e sfruttato, costituisce una delle più importanti "sfide" che l'Amministrazione Comunale ha con convinzione lanciato per risollevare le sorti economiche e culturali di questo piccolo centro da troppo tempo relegato in un pressoché totale isolamento.

In tale direzione ci si sta muovendo per inserire questo patrimonio storico - culturale, più volte oggetto di importanti studi effettuati dall'Università e dalla Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali di Palermo, in un più ampio circuito storico - turistico a livello provinciale e comprensorio e comprendente anche altre emergenze storico - archeologiche vicine alla nostra come Entella, nel territorio dì Contessa Entellina, Jaitas a San Giuseppe Jato, Città Vecchia a Corleone.

Tutto ciò avverrà anche sfruttando le risorse progettuali ed economiche offerte dal "Patto Territoriale per l'Occupazione Alto Belice Corleonese" di cui Roccamena fa attivamente parte e che potrà rappresentare una fondamentale occasione di sviluppo economico ed occupazionale soprattutto mediante l'attuazione di un serio e credibile progetto per l'incremento del turismo.

Oggi Roccamena è un tranquillo paesino di circa duemila abitanti che fonda la sua economia sull'agricoltura (vite, ulivo, cereali e soprattutto sulla coltura del melone bianco) e la zootecnia, che soprattutto d'estate richiama numerosi visitatori grazie ad un nutrito programma di manifestazioni culturali e di intrattenimento patrocinate e promosse dall'Amministrazione Comunale.


Cultura e tradizioni

Si incomincia il 19 Marzo con la prima delle due importanti ricorrenze dedicate al Patrono San Giuseppe con messa suffragio, sfilate per le vie del paese della locale Banda musicale e soprattutto con la preparazione dei cosiddetti "Altari di San Giuseppe"consistenti in lauti banchetti originariamente preparati per i poveri, da devoti e fedeli, come ringraziamento al Patrono per la grazia ricevuta. Tali banchetti prevedono la preparazione di piatti e specialità locali come la pasta con le sarde, cannoli, cassateddi, nonché dei "cucciddati", particolare varietà di pane che viene benedetto e distribuito ai poveri.

Si continua nella seconda settimana di Agosto in cui si celebra la seconda festa dedicata al Patrono che ha il suo momento più significativo nelle "Finzioni", sacra rappresentazione tratta dai Vangeli Apocrifi, che rievoca il ritorno della Sacra Famiglia dall'Egitto; attaccata dai briganti vi latri", viene liberata da un angelo e successivamente riceve ospitalità e ristoro da un ricco possidente "l'ammitaturi". Gli interpreti, sfarzosamente abbigliali e scelti fra gli abitanti, danno vita ad una evocativa rappresentazione un tempo diffusa in tutta la Valle del Belice ed ora eseguita solo a Roccamena, che si ripete annualmente da tempo immemorabile. Particolarmente suggestiva e molto seguita è la "Pigghiata di li Santi", corteo festoso che si snoda lungo le vie del paese accompagnando gli interpreti della rappresentazione fino al palco allestito nella centralissima piazza.

Ma l'estate a Roccamena è anche Sagra del Melone, una festa laica nata con l'intento di promuovere questo tipico prodotto locale che, nell'ultima settimana di Agosto e nell'ambito di un corposo programma di manifestazioni culturali e di svago che rappresentano il momento più significativo dì aggregazione sociale fra i suoi abitanti ed i visitatori, si conclude con l'immancabile abbuffata di prodotti tipici e di "muluni".

* tratto dall'opuscolo turistico della Provincia di Palermo

<BACK

HOME

FEEDBACK PRIVACY

info@palermoweb.com

 PalermoWeb NEWS - Reg.Trib. Pa. n.26-17/09/07 - 1999-2015©Copyright PalermoWeb - Direttore: Rosalinda Camarda