PalermoWeb sta cambiando... resta in contatto su: www.palermoweb.net !

Tutti i comuni della provincia di Palermo ? CLICCA QUI

Welcome to, Benvenuti a...

Sclafani Bagni
www.comune.sclafani-bagni.pa.it 

 

Sclafani: tour
Sclafani:tradizioni
Sclafani:economia

Sclafani Bagni, paese antichissimo le cui origini si perdono nella notte dei tempi, contiene già nella denominazione la sua peculiarità distintiva rispetto agli altri paesi del Parco delle Madonie. La acque termali, note sin dall'antichità, costituiscono una risorsa unica che potranno essere fondamento per uno sviluppo turistico di qualità che funga da traino per tutta l'economia locale.

L'impianto urbanistico ancora intatto, il patrimonio monumentale e storico-artistico di tutto riguardo si sommano a una ricezione agrituristica di grande livello che si collega alla genuinità dei prodotti della terra e dell'allevamento di cui Sclafani Bagni va giustamente orgogliosa.

Tutto ciò, assieme allo spirito di accoglienza degli sclafanesi, costituisce motivo valido perché il viaggiatore includa Sclafani Bagni nel suo itinerario.

Con il silenzio delle sue linde stradine, vicoli e cortili e la quiete della sua campagna profumata, Sclafani Bagni saprà essere scoperta carica di fascino per chi vorrà passare qualche lontano dal frastuono e dal caos della vita cittadina.

il Sindaco


Le Terme (foto Comune)

Le origini di Sclafani Bagni sono molto antiche e altrettanto incerte. Alcuni storici hanno identificato l'odierno centro abitato con il sito dell'antica Ambica, citata da Diodoro Siculo nel contesto di episodi bellici avvenuti nel IV secolo a. C.

La città sarebbe poi stata denominata Aesculapii fanum in relazione alla presenza di sorgenti termali, sacre al dio Esculapio.

In realtà, anche se è molto probabile un'esistenza del centro in epoca molto antica per la sua naturale vocazione difensiva, mancano, fino a oggi, idonei riscontri archeologici che possano confermare tali ipotesi.

Bisogna così risalire fino al 938 per avere certezza documentaria (Cronaca di Cambridge) dell'esistenza del centro che allora, epoca della dominazione musulmana della Sicilia, era denominato 'Isqulafmah'.

Successivamente Sclafani conosce le varie dominazioni avvicendatesi in Sicilia: Normanni, Svevi, Angioini. Il centro perviene a nuova importanza durante il regno aragonese, quando il conte Matteo Sclafani, uno dei principali protagonisti della vita del Regno di Sicilia, dota la cittadina di cinta muraria, in parte ancora esistente, e rafforza le strutture difensive consolidando il castello, che oggi appare ancora come un vero nido d'aquila in posizione imprendibile.

Al periodo medievale risale la Chiesa Madre che, oltre a interessanti opere d'arte figurativa e decorativa, conserva uno stupendo sarcofago greco-romano riutilizzato in epoca medievale come tomba dei signori di Sclafani. Nel Settecento proprio il sarcofago indusse Jean Houel ad includere Sclafani nel suo Grand Tour. Nel periodo del feudalesimo la vastissima Contea di Sclafani è passata ad alcune delle principali famiglie del Viceregno, come i Prades, i Rosso, i Luna e i Moncada.

Cosi, anche con il concorso dei suoi cittadini più sensibili, Sclafani si arricchisce di alcune importanti istituzioni come il Monte di Pietà e l'Ospedale, l'Accademia letteraria della Pace, il monastero femminile di clausura di Santa Chiara e numerose chiese.

In epoca moderna, il territorio della contea di Sclafani è stato smembrato con il sorgere, in feudi a esso pertinenti, di alcune "città nuove": Valledolmo, Alia e Aliminusa.

A caratterizzare il territorio sclafanese sono le acque termali, note sin dall'antichità. Ricche di proprietà terapeutiche, utilizzate in moderne e idonee strutture di accoglienza, potranno costituire una svolta per il rilancio turistico ed economico di Sclafani Bagni.

Testi © forniti dell'Amministrazione Comunale


Leggi il libro su Sclafani Bagni: sclafani.pdf


<BACK

HOME

FEEDBACK PRIVACY

info@palermoweb.com

 PalermoWeb NEWS - Reg.Trib. Pa. n.26-17/09/07 - 1999-2015©Copyright PalermoWeb - Direttore: Rosalinda Camarda