PalermoWeb sta cambiando... resta in contatto su: www.palermoweb.net !

 CATENANUOVA

 

 

 

CATENANUOVA, localizzata in una zona pianeggiante, a differenza degli altri paesi della provincia ubicati in zone montane, risale al 700.

Fondata dal Principe Andrea Riggio della Catena e del Campo Fiorito, nel feudo Maliventri, zona di passaggio e di sosta per i viandanti che da Catania si recavano a Palermo, Catenanuova viene ricordata da Goethe, nel suo «Viaggio in Italia» come un luogo ameno ed accogliente.


da Luigi Proietto - Presidente del Comitato Festività Pasquali, riceviamo e pubblichiamo:

Festa del Patriarca San Giuseppe dal 10 al 19 marzo di ogni anno:
Novena in dialetto siciliano in chiesa madre, tavolate pubbliche in piazza con prodotti tipici, e il 19 solenne processione del simulacro del Santo per quasi tutte le vie cittadine, con banda musicale e giochi pirotecnici.

Festività Pasquali dal Venerdì delle Palme alla Domenica di Pasqua di ogni anno:
Venerdì delle Palme in serata processione dell'Ecce Homo; Domenica delle Palme mattina benedizione dei ramoscelli di ulivo in piazza e processione fino in chiesa madre, in serata sacra rappresentazione vivente della Passione di Cristo per le vie del centro; Giovedì Santo Messa in Coena Domini e lavanda dei piedi in chiesa madre che resterà aperta per tutta la notte e il giorno dell'indomani; Venerdì Santo nel pomeriggio adorazione della Santa Croce in chiesa madre e in serata commovente salita al Calvario con Cristo morto e la Vergine addolorata; Sabato Santo nella tarda sera veglia di Pasqua, con la caduta della grande Taledda che svelerà il Cristo risorto posto sull'altare maggiore; Domenica di Pasqua nel pomeriggio dopo la Messa vespertina, festosa processione dell'Incontro tra Cristo risorto e la Madonna, con suggestivi giochi pirotecnici e banda musicale. (Luigi Proietto - Presidente del Comitato Festività Pasquali)

Info Utili
Municipio, piazza Municipio, Tel. 0935.75177


Festa Patronale – Catenanuova (EN)
(dalla penultima all’ultima domenica di settembre)

La più importante festa di Catenanuova, è quella in onore dei Santi Patroni, San Prospero martire e Maria Santissima delle Grazie, che si svolge ogni anno dalla penultima all'ultima domenica di settembre.
La festa venne istituita nel 1752 dal fondatore di Catenanuova, Andrea Giuseppe Riggio-Statella, principe della Catena, che portò nella cittadina le reliquie del martire Prospero, estratte dalle catacombe di San Callisto di Roma.

Tra queste ultime due domeniche di settembre, nella piazza principale si svolgono spettacoli di vario genere, le vie del centro si accendono con le luminarie, bancarelle di dolciumi ed altro per le piazze, la gente, i turisti, gli emigrati, ritornano a fare da spettatori a quest'evento a cielo aperto; e Catenanuova assume un volto nuovo, che solo la Festa Patronale sa dare.

• La penultima domenica in mattinata le campane a festa e lo sparo di 10 colpi a cannone, annunciano l'inizio dei festeggiamenti, e si fa memoria della compatrona, Maria Santissima delle Grazie. Alle 11:00 e alle 18:30 si celebra la Santa Messa in chiesa madre, intorno alle 19:30 il simulacro della Compatrona viene portato in processione per le due vie principali; con giochi pirotecnici e banda musicale.

• Giovedì, venerdì e sabato in chiesa si celebra il triduo di preghiera in onore di San Prospero; che inizia alle 17:30 con il santo rosario, le preghiere al Patrono e alle 18:30 la Santa Messa.

• L'ultima domenica di settembre, già dalle prime ore del mattino rintoccano a festa le campane di tutte le chiese con i tradizionali 21 colpi a cannone per salutare il giorno solenne; il corpo bandistico percorre le vie cittadine annunciando la festa di San Prospero martire, mentre in chiesa madre si celebra la Santa Messa in suo onore, alle 11:00 e alle 18:00. Intorno alle 19:00 tra spari a salve e in un tripudio di gente festante, le sacre reliquie e il simulacro del Santo in modo trionfale escono dalla chiesa, percorrendo le vie del centro storico, della parte nord dell'abitato e della zona meridionale. Giunti in piazza Madonna del Rosario il parroco legge il messaggio inviato agli emigrati catenanuovesi in Argentina che contemporaneamente onorano San Prospero con una processione analoga; subito dopo in via Caduti in guerra si svolge un suggestivo spettacolo pirotecnico, dopo il quale la processione riconduce in chiesa madre le reliquie e il fercolo con il Santo; dopo il rientro, in piazza si tiene il maggiore spettacolo musicale delle feste.

• Lunedì a chiusura dei festeggiamenti, per tutto il giorno in via Umberto si svolge la tradizionale Fiera di San Prospero che è una versione allargata del tradizionale mercato del martedì.

<< Index Tour di Enna

<BACK

HOME

FEEDBACK PRIVACY

info@palermoweb.com

 PalermoWeb NEWS - Reg.Trib. Pa. n.26-17/09/07 - 1999-2015©Copyright PalermoWeb - Direttore: Rosalinda Camarda