PalermoWeb sta cambiando... resta in contatto su: www.palermoweb.net !
 ENNA E LA SUA PROVINCIA

 

 

Itinerario archeologico
«Dall'Italia, dove abitavano, i Siculi che sfuggivano gli Opici, passarono in Sicilia su delle zattere... Passati dunque in Sicilia in gran numero, vinsero in battaglia i Sicani, che confinarono nelle regioni meridionali e occidentali e fecero sì che risola Sikana si chiamasse Sikelia. Compiuto il passaggio, occuparono e abitarono le zone più fertili del Paese, circa 300 anni prima che vi ponessero piede i greci, ed ancora adesso essi si trovano al centro e al nord dell'isola»: cosi Tucidide ci presenta uno dei momenti cruciali della storia antica della Sicilia, con particolare riferimento alla situazione venutasi a creare all'interno dell'Isola.

Questo flusso migratorio, avvenuto intorno all'anno 1000 a.C, vede la partecipazione di altri gruppi etnici; anche i Morgeti, capeggiati dal leggendario Morges, si stanziarono al centro dell'Isola, fondando la città di Morgantìna, come ci riferisce Strabone.

 

Le testimonianze più preziose del ricco passato di cui la provincia ennese si fa vanto sono custodite nei musei della zona. Tra questi il Museo Alessi (ad Enna) che ospita reperti e stampe appartenuti al canonico Giusepe Alessi. Da menzionare anche il Museo Varisano, sempre ad Enna, con le cinque sale del Museo Archeologico Regionale, il Museo di Aidone, ospitato presso l'antico Convento dei Cappuccini (XVII secolo); il Museo Civico di Centuripe con la ricca Collezione Archeologica; il Museo archeologico di Sperlinga ed il Museo dell'arte mineraria e della civiltà contadina, a Villarosa.

Il periodo preistorico e protostorico è testimoniato da numerose presenze che occuparono in modo capillare tutto il territorio della provincia ennese; la particolare conformazione geofisica, ricca di grotte, di corsi d'acqua, di terreno fertile, era abbastanza funzionale per il tipo di vita condotto dai suoi primi abitatori. La sua posizione centrale inoltre dava la possibilità di trovarsi costantemente attraversata dai principali flussi culturali. L'incontro con il sistema socio-economico greco produsse, a partire dalla fine del VII - inizio del VI secolo d.c., notevoli mutazioni nell'organizzazione sociale ed urbanistica di queste popolazioni; si fa più pressante l'esigenza di abitare luoghi che rispondano a criteri di difesa e nello stesso tempo siano funzionali rispetto alle vie commerciali. Tutti gli altipiani risultano occupati da impianti stabili che seguono quasi tutti gli stessi criteri di edificazione. Le caratteristiche urbane dei centri dell'interno segnano un comune modo di vedere e di vivere la città. Numerose testimonianze di queste vicende permangono nell'ennese, dove un itinerario archeologico consente di rivivere affascinanti secoli di storia. Si tratta di siti ricchi di tracce del passato, ma non sempre sufficientemente conosciuti. Se sono infatti note la Villa Romana del Casale, nei pressi di Piazza Armerina e Morgantina, a 4 chilometri da Aidone, non può dirsi lo stesso di altre zone che sono egualmente importanti.

LA VILLA ROMANA DEL CASALE
Una sosta in Sicilia non può indubbiamente prescindere da una visita alla Villa Romana del Osale, un complesso asimmetrico, ma funzionalmente unitario, la cui realizzazione dovette richiedere tempi lunghi, com'è deducibile dalla complessità e grandezza della costruzione e dall'ampia superficie musiva che l'abbellisce.

Essa è infatti di circa 1.000 mq. e per la varietà dei temi, la plasticità, l'eleganza e la forma delle immagini e per la sapienza compositiva fa pensare alla mano di validi maestri. Edificato a terrazze per seguire l'andamento del terreno, il monumento comprende, sistemati su tre diversi livelli: le thermae, le stanze degli ospiti, le stanze del proprietario e della sua famiglia e, a parte, una vasta sala da pranzo. La villa, dichiarata dall'UNESCO patrimonio dell'umanità, simbolizza perfettamente l'utilizzo della campagna - centro di potere e fondamento dell'economia rurale dell'Impero d'Occidente -durante il periodo romano. Secondo la tipologia del IV sec. d.C., la Villa Romana del Osale e uno degli esempi monumentali più lussuosi: i mosaici che decorano quasi ogni stanza, sono i più belli esistenti dell'età romana.

MORGANTINA
A 14 chilometri da Piazza Armerina e nelle vicinanze di Aidone, si trova Morgantina. Portata alla luce nel 1955 ad opera dell'Università di Princetown,è da considerarsi la scoperta archeologica più importante fatta in Sicilia nel XX secolo. La città, abbandonata intorno al 36 a.C., ricoperta da un consistente strato di polvere e cenere, è pervenuta a noi cosi com'era al tempo di Jerone 11, verso la metà del III secolo a.C., che fu quello de! suo massimo splendore. 11 suo centro urbano è caratterizzato da un reticolato stradale costituito da un'arteria principale da cui si dipartono altre vie ad essa perpendicolari. L'abitato era dotato di un complesso idrico con una cisterna ed un sistema di canalizzazione alimentato da grandi serbatoi.

I reperti provenienti dagli scavi effettuati nell'antica città sono esposti nel Museo Archeologico Regionale allestito nell'ex Convento dei Cappuccini.

LE NECROPOLI DI ROSSOMANNO
Tra Piazza Armerina e Valguarnera si trova Rossomanno, località nota per le necropoli di Rocca Crovacchio, che conserva a Serra Casazze tracce dell'abitato di età arcaica e, sulla sommità di Castellazzo, una costruzione di età medioevale.

MONTAGNA DI MARZO
Tra Piazza Armerina e Barrafranca c'è Montagna di Marzo, sito in cui sono visibili mura risalenti alla meta del IV sec. a.C., che presentano una porta d'ingresso ed un torrione.

COZZO MATRICE
Imboccando una trazzera sulla «Pergusina», strada che collega Enna a Piazza Armerina, si giunge a Cozzo Matrice, dove sono stati rinvenuti i resti di un'officina della tarda età del rame, una necropoli rupestre con tombe a camera scavate nella roccia; un edificio arcaico si trova, inoltre, nei pressi della stessa necropoli.

GROTTE E NECROPOLI
Nelle pendici di Enna, infine, si trovano numerose grotte, di cui non è facile stabilire la cronologia, ma che dovevano essere adibite ad abitazioni o per usi funerari.

All'ingresso meridionale della città è visibile la Grotta della Spezeria, che merita particolare attenzione, caratterizzata com'è da numerose cellette scavate nella parete per la deposizione di statuine votive. Notevole interesse riveste poi l'area attorno a Qlascibetta, dove sono state esplorate quattro necropoli rupestri databili dal 111-11 millennio a.C. La più antica e quella che si trova a Malpasso; cinque tombe a Grotticella a più camere hanno restituito una ceramica rossa monocroma consentendo l'estensione della facies di Malpasso ai ritrovamenti in altri siti della Sicilia dello stesso tipo di Vasellame. La più conosciuta è la necropoli Realmese, con le sue 300 tombe a grotticella. Utilizzata dalla meta del IX sec. a.C. [Bronzo finale - prima età del ferro] sino al secondo quarto del VI sec. a.C., presenta la particolarità della convivenza di due diverse facies culturali. Interessanti le numerose camere sepolcrali pre-ellenistiche scoperte di recente a Pietraperzia.

Una necropoli con tombe a fossa e a camera, con corredi che indicano una frequentazione che va dalla preistoria al periodo romano, è stata, di recente, portata alla luce ad Assoro.

TROINA E CENTURIPE DI ETÀ ROMANA
A Troina, la più importante zona archeologica si trova in località Catena in cui, oltre ad alcuni resti della fortificazione ellenistica, sono stati messi in luce alcuni settori dell'area urbana, che comprendono strutture abitative con impianti termali romani.

A Centuripe, nella stessa zona della città, possono vedersi i resti dei bagni romani, risalenti all'epoca imperiale, sul Monte Galvano e quelli di una casa ellenistica e di un antico edificio, denominato «la Dogana», su Monte Porcello. Merita, inoltre, particolare attenzione l'Edifìcio degli Augustali.

<< Index Tour di Enna

<BACK

HOME

FEEDBACK PRIVACY

info@palermoweb.com

 PalermoWeb NEWS - Reg.Trib. Pa. n.26-17/09/07 - 1999-2015©Copyright PalermoWeb - Direttore: Rosalinda Camarda