PalermoWeb sta cambiando... resta in contatto su: www.palermoweb.net !

 ISOLE EGADI - Marettimo

Il lavoro paziente della Forestale ha permesso da una parte il recupero del meraviglioso patrimonio boschivo che si integra con la incontaminata macchia mediterranea, odorosa di un mare di timo da cui prende il nome la più lontana e selvaggia delle isole Egadi, dall'altra il rifacimento degli antichi e dimenticati "passi" che consentivano ai vecchi marettimari di attraversare per tutta la sua lunghezza la pur impervia isola, ha reso possibile la sua fruizione piena.

Oggi i sentieri permettono lunghe e comode passeggiate ed interessanti escursioni mentre una strada carrabile rende possibile, muovendo dal piccolo paese dei pescatori, costeggiando la costa fin quasi alla Praia delle Nacche, di immettersi nel verde dei boschi di pino marittimo. Se invece si percorre il sentiero interno si può raggiungere dalla parte opposta dell'isola il faro, posto a circa 40 mt. dal mare e continuando il percorso a piedi è possibile apprezzare lo splendore di Cala Nera, chiusa dal piccolo promontorio di Punta Libeccio.

Molto suggestivi gli itinerari a piedi che conducono verso Sud fin sopra Punta Bassana, e verso Sud-Ovest, presso le spiaggette di Conca e Cala Galera.Due diversi itinerari attraversano l'isola a Nord, di questi uno in direzione Nord-Ovest conduce alle case romane, testimonianza storica del periodo romano a circa 300 mt. dal livello del mare, e raggiunge Monte Falcone a mt. 686, la vetta più alta dell'arcipelago delle Egadi; l'altro sentiero, partendo dal paese, sempre in direzione Nord, costeggia in alto la costa e consente di raggiungere le luminose spiagge Libano e Scalo Maestro, quindi Punta Troia con il suo castello spagnolo e già torre di avvistamento arabo-normanna. Un pò prima, in Contrada Rumurale, invece, proseguendo per il sentiero maestro in direzione Nord-Ovest, è possibile costeggiare in alto tutta la costa a Nord dell'isola fino a raggiungere Punta Mugnone per poi immergersi nelle splendide acque di Cala Bianca. Il fronte a mare posto ad Ovest dell'isola che va da Cala Bianca a Cala Nera non è raggiungibile da terra per la presenza dei Barranchi, grandi strapiombi di roccia dolomitica che raggiungono i 400 mt. di altezza sui quali è possibile, per i più esperti, muovendo dal mare fare roccia.

Particolarmente fascinosa l'escursione in barca attorno all'isola che offre una costa suggestiva e variegata con presenza di numerosissime grotte sottomarine, sul livello dell'acqua e sui fianchi della montagna a strapiombo sul mare e fondali di ghiaia calcaree. Partendo dal porto in direzione Nord, si incontra la Grotta del Cammello in prossimità dell'omonimo scoglio e quella del Tuono a Punta Troia, immediatamente dopo la Grotta della Pipa. Proseguendo dopo Punta Mugnone e Cala Bianca, si trova la Grotta Mammarino, superando la Punta di Testa di Polpo si arriva alla Grotta Perciata e subito dopo a quella del Presepe. Dopo Punta Pegna la Grotta delle Bombardella e della Bombarda. Più in giù, verso Sud di fronte a Punta Martino la stupenda Grotta Sommersa su un fondale di circa 30 mt.

Itinerari di Trekking a Marettimo (difficolta' di I - II e III grado)

  • Primo itinerario
    Dal Fosso Bonagia  a canalone Barranco, tempo prevedibile da 2,30 a 3 ore.
    Nel Fosso Bonagia si vede  in alto una torre rocciosa. Raggiungerne la base, dove una parete di 10 mt. sbarra il  cammino. Superarla da sinistra a destra ( passi di III) poi salire l'altro salto (II). Alla biforcazione del Canalone prendere a destra mirando a un grosso macigno caratteristico; 30 mt. dopo si taglia a Sud (destra) fino ad una sella che collega il Fosso Bonagia con un ramo secondario del Canalone Barranco. Scendere quest'ultimo, poi nel principale fino a 50 mt, dal mare, dove una cengia fa possibile la traversata a Sud-Ovest.
     
  • Secondo itinerario
    Dal Canalone Barranco, alla Baia di Punta Pegna, tempo prevedibile da 1,30 a 2 ore
    Seguire la cengia, in un canale secondario raggiungere un'altra 5 mt, sopra (II). Seguirla come pure i terrazzi che seguono (si passa sotto un monolite). Per roccette (I) a umida nicchia nera, salire la parete di 10 mt. a sinistra della nicchia (III) e per roccette a destra. Verso Sud (II) al fondo del Fossone Gatti. Si saie in obliquo e per un canale si scende alla Baia di Punta Pegna (caverna).

ITINERARI SUBAQUEI -MARETTIMO

  • PUNTA MUGNONE
    Lungo il lato Nord della secca partendo da terra , il fondale cade sui 20 mt e successivamente intorno ai 40 mt. La zona è molto ricca di pesci di passo e di tana. Nelle grotte sotto il primo orlo è frequente l'incontro con corvine e cernie. Su tutta la secca la corrente è molto forte, l'immersione è consigliata a subacquei medio esperti. A ridosso della Cala dai venti del I quadrante è possibile gettare l'ancora a circa 250 m. dalla riva e scendere nella piccola spiaggia.
  • PARETE SOTTO COSTA DA O A 25 M. CIRCA
    Presenta frequenti tane, spaccature e grotte con buona possibilità di incontro di pesce di tana. Immersione facile.
  • SPUNTA LIBECCIO E SECCA DEL CRETAZZO
    In prossimità di Punta Libeccio le scogliere si abbassano e si allungano all'altezza del Faro. Nei bassifondi una frana lunga un chilometro è ricca di tane a fior d'acqua. La Secca del Cretazzo si protende a Sud-Ovest per circa 400 m. dai 5 ai 10 m. di profondità. Sotto l'orlo, sulla sabbia, si arriva a 20 m. Zona particolarmente ricca di tane, sono frequenti gli incontri con mustelle, cernie, saraghi e corvine. Immersione facile.
  • PUNTA S. SlMONE
    Un'orlata corre davanti al paese con fondali dai 20 ai 40 m. In alcuni punti le pareti sono fittissime di gorgonie e paramunicee. La zona molto bella, in particolare nel punto in cui si eleva un grande masso che affianca la parete a quota 19 m, si offre agli appassionati di fotografia. L'immersione è di un certo impegno in mancanza di corrente, difficile se quest'ultima è presente. Si consiglia a subacquei esperti.
  • PUNTA TROIA
    Immersione tranquilla sulla punta sino a 20 m.. Interessante una grotta con sifone dai 21 ai 9 m.. La zona è attraversata da forti correnti anche in profondità. La parete è ottima per foto per la presenza di gorgonie, attinie, spirografi, spugne, aragoste, murene.
  • SCOGLIO DEL CAMMELLO
    Si gira intorno allo scoglio con quote massime di 18 m. circa, a metà un tunnel di 15 m. lo attraversa. Interessante per i fotografi. L'immersione è piuttosto facile. Si consiglia come inizio di eventuali itinerari subacquei dell'isola.
  • SECCA DEL CAMMELLO
    700/800 m. fuori dalla costa, questa secca si erge sino a 20 m. con pareti molto ripide su una quota che scende rapidamente sino a 40 m.. Si possono incontrare con facilità gronchi, murene, saraghi, aragoste. Di rilievo un passaggio alla base di uno scoglio dai 38 ai 32 m.. L'immersione è di media difficoltà.
  • PUNTA BASSANA
    Immersione difficile a causa della notevole corrente quasi sempre presente se ci si allontana dalla punta. Se è fatta bene può dare notevoli soddisfazioni: dentici, aragoste, gronchi, murene, saraghi, con possibilità di incontrare pesci di passo.
    Lungo la parete solcata da continue fenditure verticali sino a 20 m. crescono forme di vita variopinta quali le gorgonie gialle, le attinie, spugne, parazoanthus.
  • RELITTO
    800 m. fuori dalla costa si trova un relitto di un mercantile affondato molti anni fa. La nave si presenta capovolta e spaccata in due tronconi. L'immersione è interessante ed abbastanza facile, la profondità è inferiore ai 30 m.
  • GROTTA SOMMERSA
    Splendida grotta sul fondale di 30 m. molto ampia ed unica nel suo genere. Presenta all'interno colonne che sembra ne reggano la volta. Immersione molto impegnativa a causa della presenza di sabbia che può rendere difficile la visibilità. E' consigliata a sub con un perfetto controllo dell'assetto.

<Index Itinerari

<BACK

HOME

FEEDBACK PRIVACY

info@palermoweb.com

 PalermoWeb NEWS - Reg.Trib. Pa. n.26-17/09/07 - 1999-2015©Copyright PalermoWeb - Direttore: Rosalinda Camarda