PalermoWeb sta cambiando... resta in contatto su: www.palermoweb.net !

 Musei di Sicilia

CALTANISSETTA

Museo Archeologico

Indirizzo

 Caltanissetta  Via Napoleone Colajanni, 3  Tel. 0934.25936 

Visite

Tutti i giorni 9-13 / 15.30-19 ultimo lun. del mese chiuso

Ingresso

Euro 2,00; ridotto euro 1,00 - Gratuito per i cittadini della Comunità Europea di età inferiore ai 18 anni e superiore ai 60 anni.

Direttore

 

Informazioni

La sede museale è una costruzione degli anni '60 realizzata in contiguità ad un edificio del ventennio fascista creato per la "Casa della Gioventù Italiana". L'istituzione, prima qualificata come Museo Civico, dal 1993 è transitata alla Regione, che recentemente ha annesso l'edificio limitrofo degli anni '30 facendone la sede degli uffici della Sezione Archeologica della Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali. Il museo illustra la storia dei siti antichi del territorio urbano ed extraurbano di Caltanissetta e di altri centri del territorio della provincia, dalla preistoria all'età tardo antica. Tra i più importanti siti si segnalano Dessueri, nel territorio di Mazzarino, con i resti di un complesso abitativo risalente all'età del bronzo recente e finale (XI-X sec. a.C.) e con la sua necropoli, costituita da 3000 tombe a grotticella scavate nella montagna, seconda per vastità ed importanza solo a quella di Pantalica (Siracusa); Polizzello, presso Musso-meli, con i resti del villaggio indigeno e della necropoli (IX-VII sec. a.C.); i siti indigeni di Gibil Gabib e Sabuci-na nel territorio di Caltanissetta, posti su alture a controllo del fiume Salso, una delle principali vie di penetrazione commerciale e militare dell'antichità, centri che furono ellenizzati da Gela per poi ricadere entrambi sotto il dominio di Agrigento, alla quale ultima è legata anche l'ellenizzazione del sito indigeno di Vassallaggi.

Le collezioni

Il nucleo più antico è costituito da un consistente numero di reperti recuperati negli anni Sessanta dall'Associazione Archeologica Nissena, e provenienti, per la maggior parte, dai siti di Pie-trarossa, San Giuliano, Palmintelli, Gibil Gabib, Vassallaggi, Sabucina. Dal 1996 sono esposti nel Museo anche i materiali archeologici degli scavi condotti negli altri centri del territorio della provincia nissena, prima dalla Soprintendenza di Agrigento e dal 1992 in poi dalla Soprintendenza di Caltanissetta. L'istituzione museale si qualifica come una delle più importanti a livello siciliano per la presenza di reperti di notevole interesse ai fini della conoscenza delle civiltà indigene. Si segnalano infatti i reperti bronzei ma soprattutto quelli ceramici provenienti dagli insediamenti di Sabucina e di Dessueri. Ed ancora i reperti provenienti dal sito di Polizzello, fondamentali per la conoscenza delle culture indigene dell'età del ferro, la cui produzione artistica fu influenzata dalla tradizione egeo-micenea trasmessa dalle popolazioni migrate nell'isola già nel XV-XIV sec. a.C. Il museo espone anche una parte delle collezioni archeo-logiche di Capodarso, un sito che pur ricadendo oggi nella provincia di Enna, è geograficamente e storicamente legato a questa parte del territorio della  Sicilia, poiché insieme a Sabucina controllava la valle del fiume Salso (Imera meridionale). L'ordinamento è nello stesso tempo cronologico e topografico e si articola in cinque grandi sale, nelle quali l'esposizione è sempre associata a ricco materiale didattico e didascalico.

Sala 1 - Il territorio urbano di Caltanissetta (Pietrarossa, San Giuliano, Santa Lucia, Palmintelli) e Gibil Gabib (abitati e necropoli) si segnalano ricchi corredi di vasi decorati.

Sala 2  - II centro indigeno ellenizzato di Vassallaggi (abitato e necropoli di età arcaica e classica) si segnalano corredi con oggetti metallici (ornamenti ed utensili) e vasi attici a figure rosse.

Sala 3  - Sabucina dall'età preistorica all'età greca (abitato capannicolo del bronzo tardo, abitato, santuario e necropoli dell'età greca).

Sala 4 - I siti del territorio meridionale della provincia (dalla preistoria all'età romano imperiale; insediamenti di Gar-rasia, Dessueri e Monte Bubbonia, presso Mazzarino, necropoli romana di Contrada Lannari, presso Sabucina).

Sala 5 - I siti del territorio settentrionale della provincia, dall'età del ferro all'età tardo antica (Cozzo Scavo, presso Santa Caterina di Villermosa, Polizzello e Monte Raffe, presso Mussomeli, Mimiani, presso Caltanissetta) e Capodarso (in provincia di Enna)

<Index Musei

<BACK

HOME

FEEDBACK PRIVACY

info@palermoweb.com

 PalermoWeb NEWS - Reg.Trib. Pa. n.26-17/09/07 - 1999-2015©Copyright PalermoWeb - Direttore: Rosalinda Camarda