La Musica del Sole
il sito di Sara Cappello
Dedicato alla musica popolare tradizionale siciliana

Le novene di Natale

Home Page Il taccuino di Sara I miei CD preferiti Strumenti tradizionali Guest Book Cultura popolare Musica popolare
Cantastorie Rosa Balistreri Ascolta la musica Foto Album Un invito speciale Video Contatta Sara

La musica popolare siciliana: LE NOVENE

I canti del Natale

La tradizione musicale del Natale in Sicilia non è scomparsa anzi è molto vivace; le Novene rappresentano in Sicilia non solo religiosità e fede ma anche l’occasione per stare insieme, fare festa in chiesa, per le strade in piazza.

Le Novene di Natale, canto narrativo suddiviso in 9 parti che narrano le vicende della natività sono eseguite per le 9 sere che precedono il Natale, ad opera di un gruppo di musicanti che suonano davanti ad edicole sacre addobbate con frutta, alloro ed asparago ed eseguendo un vario e suggestivo repertorio commissionato da devoti che alla fine offriranno cibo e bevande a loro ed ai presenti; In diversi paesi, vengono accesi dei falò per "quadiari lu Bammineddu".

A Monreale, diverse coppie di zampognari (ciaramiddari) si esibiscono la mattina e la sera, dall’Immacolata all’Epifania con la zampogna " a chiave", o a Licata con quella "a paio" con il sostegno ritmico del cimmulu (cerchietto) munito di piattini e sonagli.

La Novena da Madonna, a Novena di Natali, l’Ottava dell’Epifania, della Natività, dall’Annunciazione alla Nascita, alla fuga in Egitto ed il Triduo (triinu), che conclude i tre giorni dal 3 al 5 gennaio, sono alcuni degli antichi canti proposti nelle novene; i brani più richiesti e commissionati dai devoti sono Lu viaggiu dulurusu (lu caminu di San Giuseppi), A la notti di Natali, Ninu Ninu lu picuraru, Li tri re, Dinghi dinghi la campanedda, la Sarvi Regina di Natali, e melodie strumentali come le Pasturali che sono l’esito di scambi tra la musica dotta e quella popolare; i Ballitti concludono le Novene. Temi ricorrenti sono l’adorazione dei pastori, le ninna nanne al Bambino.

"Lu caminu di San Giuseppi" è un lungo testo in quartine di ottonari che narra le vicende evangeliche della nascita di Gesù di cui fu autore un monaco monrealese Binidittu Annuleri, pseudonimo del canonico Antonio Di Liberto. Dal suo "Viaggio dulurusu di Maria Santissima e lu Patriarca San Giuseppi in Betlemmi", nacquero nei secoli molte varianti, diversi brani simili, con svariate combinazioni vocali e strumentali.

Un’altra interessante novena è attribuita a Giacomo D’Orsa, celebre poeta popolare dei primi anni del Settecento, dal titolo "Curteggiu di li pasturi a lu Santu Bambinu Gesù, la ninna di la Gluriusa Virgini Maria"; da queste discendono le numerose varianti riproposte ancora oggi.

Il Pitrè testimonia di novene di Natale, eseguite con svariati strumenti: friscalettu, scacciapensieri, violino, contrabbasso e flauto. Alla fine dei canti, i cantanti ricevevano il compenso. "Fari u firriatu" cioè offrire ai suonatori ed ai presenti, vino, ceci, cucciddati, uva passa e fichi secchi dai devoti.

"E’ nasciutu u Bammineddu: datici lu carrineddu!", o "la nuvena è terminata, datici li cucciddata".

Il contenuto delle Novene, i personaggi trovano origine molto spesso, dai Vangeli apocrifi trasmessi nel tempo per via orale.

Esempio di novene

Quannu Cesari iccau ddu gran bannu rigurusu,
Quando Cesare proclamò quell'editto rigoroso,
San Giuseppi si truvau ntra la chiazza rispittusu
San Giuseppe si trovava nella piazza rispettoso:
San Giuseppi era cunfusu-Comu fazzu cu Maria-
San Giuseppe era confuso -come faccio con Maria-
siddu senti chistu bannu, voli veniri cu mmia..-
-se lei sente quest'editto vorrà venire con me.-..
E Maria ci ha rispunnutu- fatta sia la vuluntati
ma Maria gli rispose-fatta sia la volontà-
giacchè Diu l’ha dispunutu, vegnu dunni mi purtati…
-giacchè Dio l'ha disposto, vengo dove mi portate.
(Corpus Favara)

Ora veni lu picuraru

e nun ha chi ci purtari

porta latti e nti la cisca

cascavaddi e tuma frisca.

Arrivisciti o matri mia,

ca nui semu a la campìa.

E ninna hò, e ninna ahò

e lu mè figghiu dormiri vò.
(Corpus Favara)

E la notti di Natali c’è la festa principali
E la notte di Natale, c'è la festa principale,
parturiu la gran Signora nna n’afflitta manciatura
partorì la gran Signora in un'afflitta mangiatoia
mmenzu l’oi e l’asineddu fici a Gesù bammineddu
in mezzo al bue ed all'asinello fece a Gesù Bambinello,
e ognirunu lu biniricia: chistu è lu fruttu chi fici Maria
ed ognuno lo benediceva -questo è il frutto che fece Maria...
(Corpus Favara)

< cappellosara@virgilio.it >

Crediti - GuestBook:<leggi><scrivi>

INFO LINE1: +39 333 4813467  -INFO LINE2: +39 329 5670724 - cappellosara@virgilio.it
Copyright 2005/2013 ©PalermoWeb.com - ©Sara Cappello - Questo sito partecipa al programma Anch'iOnLine di PalermoWeb
Ogni riproduzione è vincolata da autorizzazione dell'autore del sito