A Villa Malfitano va in scena la XII edizione del Premio “Donna Attiva”. Undici donne e due uomini i premiati

355

Si svolgerà alle 19 di martedì 7 luglio, nella splendida cornice di Villa Malfitano, in via Dante 167, la cerimonia di premiazione del Premio “Donna Attiva” che, in questa XII edizione ha scelto 11 donne e 2 uomini a testimonianza della ferma volontà di valorizzare e promuovere l’identità di genere, ma anche per l’impegno  che, giorno per giorno, profondono a vantaggio della collettività, offrendo un valido esempio di professionalità ed intraprendenza in un contesto in continuo divenire.

A promuovere il premio è l’associazione “DonnAttiva” di Monreale, presieduta dalla giornalista Ina Modica, in collaborazione con diversi partner ed enti pubblici che hanno assicurato il patrocinio. Tra gli altri l’Assemblea Regionale Siciliana, comune di Monreale, Logos, Logo Med, Fondazione Sicilia, Ordine dei Giornalisti di Sicilia, Associazione Siciliana della Stampa – Comitato Pari Opportunità, Caritas, Unicredit, Euro Manager Sanità – Consorzio Area e Vita, Zuccaro Designer e Daniela Cocco.

L’edizione 2020 si sarebbe dovuta tenere lo scorso marzo, ma la pandemia ha costretto l’associazione a “rinviare” il Premio. Ora di “riparte” realmente attraverso un’occasione di confronto e riflessione.

«Abbiamo voluto riproporre il Premio fuori dal periodo canonico dell’8 Marzo – dice Ina Modica –, ma nel rispetto delle misure anti-covid per dare anche noi un contributo alla ripresa. Stiamo, inoltre,  lavorando alla pubblicazione di un libro di testimonianze legate al modo in cui le socie e tante professioniste hanno vissuto la pandemia. La forza dell’associazione risiede nella nostra capacità di fare rete».

A condurre la cerimonia di premiazione sarà Giada Adelfio. Ecco, invece, l’elenco dei premiati di quest’anno: Catena Fiorello, Francesca Cacciola, Beatrice Casamassa, Daniela Crimi, Giusy Fabio, Giulia Giuffrè, Nadia Lo Bosco, Vania Pistolozzi, Agostina Porcaro, Roberto Puglisi, Margherita Rizza, Fabio Venturella e Pamela Villoresi. Menzioni per Alessandra Palma e Marta Pasquini.