Al Teatro Agricantus concerti etno e folk “Punto d’incontro”

348

Punto di incontro al Teatro Agricantus: musica popolare, etnica e sperimentazione

Il Festival energie alter-native e il Teatro Agricantus presentano “MusicAccogliente”, rassegna di suoni che uniscono. Quattro concerti di musiche “altre”: etno, folk, jazz, world. Al di là di ogni etichetta, musiche che uniscono culture, paesi, suoni, emozioni, idee diverse.

I concerti si terranno alle 21.30 presso il Teatro Agricantus a Palermo, in Via Nicolò Garzilli 89, luogo storico per la musica etnica e “altra” a Palermo. Più di 40 musicisti si alterneranno sul palco dell’Agricantus per una rassegna che vuole lanciare forte il messaggio che la musica è un linguaggio universale e unisce e accoglie tutti.

Il 12 settembre sarà il turno dei Punto di incontro, una super band formata tra gli altri da Giovanni Floreani (Furclap) e Paolo Tofani (ex chitarrista degli AREA). Un concerto unico con cinque musicisti di livello assoluto e con diverse sorprese musicali per un concerto “accogliente” che verrà aperto dal Trio Pi Prio (Germana Salone, Daniela e Laura Mollica), musiche etniche e aperte al mondo. L’innovativa esperienza del gruppo Furclap di Giovanni Floreani che ha in questi lunghi anni elaborato una ricerca mirata all’approfondimento delle tradizioni popolari assieme alle sperimentazioni del mondo contemporaneo, incontra Paolo Tofani, già chitarrista dello storico gruppo Area ma anche noto sperimentatore, affascinato dalla ricerca del “Suono” e caparbio amante dell’elettronica.

Tutti i concerti saranno preceduti alle ore 21 dalla proiezione del cortometraggio “Resilienza”, storia di migrazioni “altre”. È la vera storia di un senegalese che lascia gli agi di una famiglia ricca in patria per rifarsi una vita in Europa. Dopo un inizio difficile riesce a diventare mediatore culturale e oggi lavora ai confini della Libia sulle navi della Guardia Costiera italiana per dare il primo soccorso ai migranti che cercano di raggiungere l’Europa. Con Youssoupha Thiam, Claudio Ambrosetti e Luigi Maria Rausa. Il cortometraggio è stato scritto e diretto da Dario Marzio Sciabbica e prodotto dal Festival energie alter-native.