Al via la Macchina dei Sogni, il festival di teatro di figura di Mimmo Cuticchio: che parla di tolleranza all’interno del percorso UNESCO

Condividi su:

La Macchina dei Sogni – Palermo Araba e Normanna
31 maggio – 4 giugno  Inaugurazione: mercoledì 31 maggio alle 18
Palazzo Belmonte Riso | piazza Bologni | Palermo

Uno sguardo lungo alla convivenza, un altro al percorso arabo normanno: la nuova Macchina dei Sogni – la trentaquattresima – sarà un’edizione profondamente avvinghiata al presente. Che guarderà ai popoli lontani e ai migranti vicini, ma offrirà a tutti una città bellissima su cui si affacciano i monumenti voluti di chi dalla Sicilia è passato e ha lasciato le sue tracce. In un momento storico in cui si alzano muri e si discute di confini, da Palermo parte un messaggio di convivenza e appartenenza. Fatto di pupi, marionette, burattini, musica, gesti e narrazioni, declinate sui passi dell’UNESCO. La nuova Macchina dei Sogni quest’anno ha scelto di “abitare” Palazzo Belmonte Riso, a Palermo – nel cuore del percorso arabo normanno, appunto – trasformato in un’unica scatola sonora che ospiterà mostre, concerti e spettacoli, oltre a particolari e bellissime installazioni che pescano nella memoria delle luminarie di paese, riadattate e reinterpretate. Si inizia mercoledì 31 maggio, alle 18 (ingresso libero) con l’inaugurazione delle mostre: che sono tante e invadono, oltre al museo, anche piazza Bologni: dove per esempio nasce “Arabia”, installazione di Fabrizio Lupo ispirata alla Palermo araba; o “Normanna”, ideata e disegnata da Alessia D’Amico, che pesca tra le formelle e negli archetti per trovare la foglia d’oro dei mosaici della Cappella Palatina. E ancora, “Normaniche”, collage di trame e tessuti di Roberta Barraja sulla parete dell’atrio principale di RISO. Al calare del sole accoglierà le proiezioni di Fabrizio Lupo, con scene di caccia dei mosaici delle stanze di Ruggero al Palazzo dei Normanni. “Sipario Mediterraneo”, frutto di un lento e minuzioso lavoro a quattro mani della scenografa Alessia D’Amico e la fiber artist Grazia Inserillo. “Ombre bianche sui muri”, installazione illuminotecnica di gobos e lamelle realizzata da Marcello D’Agostino sulle pareti del Museo; e le Sagome merlate in balcone di Tania Giordano, fantasmatiche presenze che si affacciano a bordo ringhiera, accogliendo il pubblico. Nel giardino del museo – recuperato e presentato per la prima volta – una capanna del Mali rivisitata dal CRESM e un suk ricreato con le “cabine” della spiaggia di Mondello. Nella Foresteria, la mostra “Cavalieri Antiqui”: modellini del teatro dei pupi, casotti de li vastasi e del luogo dove si raccontava il cunto, realizzati dai giovani dell’Accademia di Belle Arti; e le miniature di Gianfranco Di Miceli, di alcuni strumenti musicali rappresentati nelle muqarnas della Cappella Palatina. Soltanto questa mostra resterà visitabile fino al 30 giugno.

Gli spettacoli. Si inizia alle 19 con le marionette da tavolo manovrate a vista dell’Atelier La Lucciola, che le userà per raccontare tre avventure dello sciocco (ma furbo) Giufà, personaggio che si dividono un po’ tutti, i Paesi affacciati sul Mediterraneo. In programma i racconti: “Giufà e la statua”, “ Giufà e la tela” e “Giufà e la chioccia”. Alle 21, ritorna in scena uno spettacolo storico di Mimmo Cuticchio, quell’”Aladino di tutti i colori“ in cui il puparo veste i panni (arabescati) del Genio della Lampada, che appare ad un Aladino-pupo. Con il narratore iracheno Yousif Latif Jaralla; pupari: Giacomo e Tiziana Cuticchio, Tania Giordano e Floriana Patti. “Ho scelto di riportare in scena “Aladino di tutti i colori” pensando ai bambini del mondo, accarezzandoli virtualmente con una favola che parla d’integrazione e convivenza – dice Mimmo Cuticchio.
Alle 22,30 questa prima giornata della Macchina dei Sogni si chiuderà con il fiorentino Giancarlo Bloise e il suo Cucinar Ramingo, “piatto” dai mille sapori e odori, tanti quante sono le lingue dei popoli. Bloise propone un curioso e raffinato viaggio nel tempo e nel cibo, e racconta con lievità da giocoliere la forza simbolica e sociale del mangiare e del saper immaginare insieme tra sedani e cipolle. Testi di Giuliano Scabia, Giancarlo Bloise e Maurizio Meschia. In equilibrio tra il ritmo della narrazione e l’amore per le arti della cucina. INGRESSO LIBERO.

Permalink link a questo articolo: http://www.palermoweb.com/palermoweb/index.php/al-via-la-macchina-dei-sogni-festival-teatro-figura-mimmo-cuticchio-parla-tolleranza-allinterno-del-percorso-unesco

Lascia un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com