Arena Sanlorenzo: a settembre la rassegna dei film d’animazione

313

A settembre quattro nuovi imperdibili appuntamenti con Arena Sanlorenzo, il cinema d’estate che anima il giardino del Mercato. L’ultimo ciclo di film all’aperto è “Non si è mai troppo grandi”, dedicato al grande cinema d’animazione Disney e Pixar

Si apre il 3 settembre “Non si è mai troppo grandi”, il nuovo ciclo di appuntamenti di Arena Sanlorenzo, il cinema sotto le stelle che ogni lunedì sera, a partire dalle 21, intrattiene e diverte gli ospiti del Mercato con un maxischermo e le immancabili sdraio di tela. Si può così godere gratuitamente un film sotto il cielo stellato, tra le erbe aromatiche e le prelibatezze delle dodici botteghe di Sanlorenzo Mercato, come la frutta fresca o il tipico “scaccio” siciliano.
Il ciclo tematico di settembre è dedicato all’animazione ma non solo per bambini: una selezione di storie straordinarie e universi fantastici che coinvolgono tutti, anche i più grandi. L’ingresso è gratuito e non occorre la prenotazione.

Ad aprire la rassegna il 3 settembre è Inside – Out, film diretto da Pete Docter, ennesimo capolavoro Pixar. Presentato in anteprima al Festival di Cannes 2015, ha vinto il Premio Oscar come miglior film d’animazione.
Protagonista è la giovane Riley che, costretta a trasferirsi con la famiglia in una nuova città, deve fare i conti anche con le emozioni che convivono nel centro di controllo della sua mente e guidano la sua quotidianità. Inside Out impersona le voci di dentro: cinque creature brillanti che animano un racconto di formazione in cui si incontrano emozioni e coscienza.

Si prosegue il 10 settembre con Monsters & Co., quarto lungometraggio della Pixar. In un mondo parallelo i mostri vivono in una società civile in cui spaventare bambini è un lavoro, il più importante di tutti, perché dalle loro urla si genera l’energia che alimenta la città. Tra gli spaventatori di professione, Sulley e Mike sono la coppia più affiatata, un punto di riferimento per tutti, almeno fino a che, per un errore, una bambina non passa dal mondo degli uomini a quello dei mostri, rischiando di metterne a repentaglio la carriera.

Il 17 settembre è la volta di Up, il film di animazione targato Disney che ha aperto per la prima volta il Festival di Cannes, ma anche il primo film Pixar ad essere realizzato in 3D. Protagonista l’anziano Carl che ha perso da poco l’amata moglie Ellie, scomparsa prima che lui riuscisse a regalarle il viaggio in Sud America che entrambi avevano sempre sognato fin da bambini. Come se non bastasse, adesso Carl è messo alle strette da una ditta di costruzioni pronta a espropriargli la casa e spedirlo in ospizio. Decide così di andarsene con tutta la sua casa, legandola a migliaia di palloncini che la trascineranno in cielo, per arrivare nel luogo sognato per tutta la vita. C’è solo un imprevisto: Russell, un boy scout grassottello, che, al momento del decollo, si trova sulla veranda di casa.

A chiudere la rassegna il 24 settembre è Nightmare before Christmas, film in stop motion in cui risulta inconfondibile lo stile di Tim Burton per l’impronta gotica dei toni e soprattutto per lo scontro tra realtà opposte, in cui il difforme svetta sul banale per coraggio e ingegno. Sull’esempio del malinconico Edward mani di forbice, anche Jack – protagonista del film – punta goffamente all’integrazione, dimenticando che il bene da preservare è invece la differenza. Jack Skeletron è il capo di Halloween, villaggio abitato da mostri. Piuttosto insoddisfatto e annoiato della sua vita, scopre per caso nel tronco di un albero l’entrata al regno di Babbo Natale. Decide subito di mettere in atto un piano semplicissimo: rapire Babbo Natale e sostituirlo con se stesso per la consegna dei regali. Per fortuna a fianco di Jack ci sarà Sally, la bambola di pezza innamorata di lui da tempo, che lo aiuterà a risolvere tutti i guai che combinerà.