Atletica: a Cefalù il Giro podistico internazionale di Sant’Ambrogio

474

Giro podistico Sant'AmbrogioSi correrà mercoledì 17 agosto alle 22.00, lungo le strade di Sant’Ambrogio, frazione di Cefalù, la tredicesima edizione del Giro podistico internazionale di Sant’Ambrogio.

La manifestazione, organizzata dall’Ascd Ambrosiana, avrà nel ruandese Felicien Muhitira, l’atleta da battere. A corollario della gara si svolgerà la staffetta della legalità.

Mancano ormai pochissime ore prima di poter vivere le sfide che caratterizzeranno la tredicesima edizione del Giro podistico internazionale di Sant’Ambrogio.

La gara, che manca dal palcoscenico dell’atletica da ben cinque anni, è organizzata dall’Ascd Ambrosiana e si disputerà in notturna, con partenza, alle 22.00, dalla piazza della Madonna della salute di Sant’Ambrogio, domani 17 agosto.

Diversi i nomi di spicco dell’edizione del ritorno, pronti a darsi battaglia lungo i dieci chilometri del tracciato che attribuiranno il Trofeo Nino Incaprera. Su tutti reciterà il ruolo di favorito Felicien Muhitira, fresco vincitore del 91° Giro podistico di Castelbuono.

A contrastare il ruandese ci saranno il keniano Daniel Kipkirui e il marocchino Bibi Hamad. I colori italiani saranno difesi dall’intramontabile eroe dell’ultramaratona, il romano Giorgio Calcaterra, più volte campione del mondo di specialità. Tra le donne, che si misureranno sulla distanza dei cinque chilometri, sarà un discorso a due tra la palermitana Barbara Bennici e la catanese Tatiana Betta.

Ad entusiasmare il pubblico ci sarà anche la staffetta della legalità, intitolata a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che vedrà le rappresentative dei paesi delle Madonie sfidarsi su quattro giri di percorso. Coinvolti anche i più piccoli che si divertiranno in una manifestazione non competitiva che aprirà la serata.

Prevista per intrattenere il pubblico, quale iniziativa di contorno, la “Sagra du pani cunzatu”.

ndr: del 18/8/2016

Felicien Muhitira vincitore Giro podistico internazionale di Sant'AmbrogioIl ruandese Felicien Muhitira ha vinto, tra due ali di folla, con il tempo totale di 31’,26” la tredicesima edizione del Giro podistico internazionale di Sant’Ambrogio. Alle spalle del vincitore hanno concluso nell’ordine il keniano Daniel Kipkirui e il marocchino Bibi Hamad. La palermitana Barbara Bennici si è imposta tra le dame. Al comune di San Mauro la staffetta della legalità.

Si è disputata tra due ali di pubblico la tredicesima edizione del Giro podistico internazionale di Sant’Ambrogio. La manifestazione, corsasi sulla distanza dei dieci chilometri lungo le strade della frazione del comune di Cefalù, mancava dal panorama delle gare podistiche su strada ormai da cinque anni e ha incoronato il giovane ventiduenne ruandese Felicien Muhitira che ha vinto con il tempo di 31’26”. L’atleta africano, dopo aver studiato i propri avversari per otto dei dieci giri in programma, a due giri dal termine ha impresso alla corsa un cambio di ritmo e ha staccato nettamente i propri avversari ad eccezione del keniano Daniel Kipkirui che ha cercato di contendergli il successo finale fino all’ultimo giro, prima di accontentarsi della piazza d’onore. Il podio è stato completato dal marocchino Bibi Hamad. Il migliore degli italiani al termine è stato il maratoneta Filippo Lo Piccolo che ha concluso al quarto posto e ha preceduto il Campione del mondo di ultramaratona Giorgio Calcaterra che ha affrontato la trasferta siciliana per preparare la sua difesa del titolo in vista dei prossimi mondiali che si correranno in Spagna. Soddisfazione hanno espresso gli uomini della Ascd Ambrosiana che sono riusciti a riproporre la gara dopo un lustro d’assenza.
Tutto secondo copione anche tra le donne, dove la palermitana Barbara Bennici si è imposta sulla catanese Tatiana Betta.
La staffetta della legalità, intitolata a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, è stata corsa dalle rappresentative di alcuni dei paesi delle Madonie e ha visto il successo dei giovani atleti del comune di San Mauro.
Classifica
1) Felicien Muhitira (Ruanda) in 31’26”
2) Daniel Kipkirui (Kenya) in 31’32”
3) Bibi Hamad (Marocco) in 32’29”
4) Filippo Lo Piccolo (Italia) in 33’04”
5) Giorgio Calcaterra (Italia) in 34’00”