Giovani flauti nella sconosciuta chiesa della Presentazione di Maria nel cuore del Capo

1138
NATALE A PALERMO

UN ITINERARIO CULTURALE TRA ARTE, ARCHITETTURA E MUSICA
IX edizione |Palermo – 26 dicembre/6 gennaio
2 gennaio | ore 19 | Chiesa delle Presentazione di Maria Vergine al Collegio di Maria
ENSEMBLE SYRINX
Giro di boa per il ciclo di concerti gratuiti di “Natale a Palermo, un itinerario culturale tra arte architettura e musica”, la rassegna, organizzata dai club service cittadini, Rotary, Lions, Inner Wheel, Soroptimist, con Ande, Zonta Club, l’associazione Volo e Spazio Cultura che la offrono alla cittadinanza e ai turisti. La direzione artistica è di Gaetano Colajanni.
Si resta sempre nel cuore del mercato del Capo per scoprire questa bellissima chiesa, di solito non aperta al pubblico se non per le funzioni: la chiesa delle Presentazione di Maria Vergine al Collegio di Maria (via sant’Agostino) ospiterà il 2 gennaio alle 19 il giovane quartetto di flauti SYRINX, nato in seno al Conservatorio Bellini e curato da Salvatore Luna. Giovanni Bernardo, Valentina Castiglia, Irene Mazzamuto, Marco Santaluna sono giovani e molto amici tra loro, uniti da esperienze e studi comuni. Si metteranno alla prova con pagine virtuose di letteratura musicale per flauto, di Reich, Briccialdi, Faurè, Ciaikpwsky, Gershwin e Mozart.
Il quartetto di flauti Syrinx, formatosi negli anni ’80, è il frutto di un intenso lavoro musicale. Ma l’aspetto coesivo più interessante di questa giovane formazione è il forte legame di amicizia, maturata durante il comune percorso di crescita nell’”Arte dei suoni”. Il quartetto non è costituito sempre dai medesimi componenti , ma raccoglie in sé , col passare degli anni , gli apporti di diverse personalità musicali , a seconda dei percorsi di studio e di ricerca dei singoli elementi. Hanno scritto appositamente per l’ensemble Syrinx, Corrado Cristaldi con il trio Children’s March, composizione premiata a New York; Marcello Santaluna con due arrangiamenti di Duke Ellington per 4 flauti in do e flauto in sol , Fabio Correnti con delle trascrizioni per quattro flauti tratte dal repertorio classico napoletano , Salvatore Bellassai con lo “Scherzino” per tre flauti in do e flauto contralto e per la stessa formazione Andrea Ferrante con il brano”Gocce”, Fabio Ciulla con il brano “Luneide”e Giuseppe Musumeci con una trascrizione midley della colonna sonora dal film “Gli Aristogatti”.
PROSSIMO APPUNTAMENTO. Nella poco conosciuta Chiesa degli Agonizzanti, il 3 gennaio (alle 19) si esibirà un duo formato dal violinista Antonio Calosci e dalla pianista Anna Maria Cavalazzi che proporranno l’Integrale delle sonate di Brahms op.78, op.100 e op.108