Il cuore di una Palermo viva e pulsante nel primo libro del poeta Giovanni Mattaliano

448

“S’intitola “Rarichi di puisia” (edizioni Billeci) la prima silloge di poesie in vernacolo siciliano di Giovanni Mattaliano che verrà presentata alle 16.30 di sabato 30 marzo alla Real Fonderia della Cala.

Un testo, quello che si apre con i versi dedicati alla “carità di patri Pino Puglisi”, che racconta l’animo di questo poeta palermitano, “nato nel popolare quartiere di Ballarò – racconta nella sua prefazione la prof.ssa Maria Elena Mignosi Picone – e cresciuto nell’atmosfera ricca di colori, di voci dell’omonimo mercato rionale, capace di offrirci una poesia eco di sane consuetudini di vita, di puri e profondi sentimenti sbocciati nei vicoli, di sentite e riverenti devozioni”.

Una puisia, la sua, “nisciuta di lu cori e di la menti di beddi ricordi/passati ‘nta ‘sti viculi e chiazzi /di ‘sta vecchia, ma sempre bedda Palermu”; una puisia “fatta di genti allegra  di vecchi burgati/ca tutti si canuscinu e sunnu comu frati “. Una puisia che ci emoziona perchè tocca i nostri sentimenti, quelli legati al senso profondo della famiglia, all’amore per i figli e la donna…”U me cori tormintusu, come un ventu di bufera/ pi magia nisciu l’invernu e trasiu la primavera”.

 «L’arte è la capacità di dare fuoco – scrive nella sua introduzione al libro padre Giacomo Ribaudo, parroco della Chiesa “SS. Maria del Carmelo”, uno dei punti di riferimento nella vita di Giovanni Mattaliano –.  Il fuoco accende l’intelligenza e riscalda il cuore. La pittura dà fuoco ai colori, la scultura al marmo, al bronzo, alle pietre e alla plastica, la musica ai suoni, l’architettura agli spazi. La poesia è fatta di parole, ma non va oltre la parola, là dove la contemplazione riposa, la lava vulcanica scorre senza rumore e il volo dell’aquila è veloce e senza battito d’ale».

A interagire con l’autore, nel corso della presentazione del libro, saranno: Paolo Caracausi, consigliere comunale di Palermo; padre Giacomo Ribaudo; la prof.ssa Maria Elena Mignosi Picone; l’editore e poeta, Francesco Billeci. I poeti Francesco Ferrante, Salvo Galiano e Dorotea Matranga saranno le voci narranti che daranno ancora più anima ai versi del libro. Modererà Valentina Cicirello, vicepresidente dell’Organizzazione Umanitaria LIFE and LIFE.