In piazzetta Bagnasco, venerdì 9 ottobre, arriva “Operazione Violoncello” di Fabio Gagliano

165

Un thriller carico di ironia in cui un gruppo di delinquenti professionisti, capeggiati da un personaggio insospettabile, decidono di ottenere giustizia per una truffa subita, sfruttando le proprie capacità. È quello che promette e mantiene “Operazione violoncello”, l’ultimo libro di Fabio Gagliano, che verrà presentato alle 18 di venerdì 9 ottobre in piazzetta Bagnasco. Evento promosso da Mondadori Point in collaborazione con l’associazione “Piazzetta Bagnasco”.

IL LIBRO

Le vicende dell’Operazione Violoncello si imperniano sul gioco degli inganni. Inganni multipli compiuti ai danni dei vari personaggi che si scambiano i ruoli giocando sul distacco tra la realtà e le parole. Il romanzo è una satira culturale, un’allegoria che affronta con ironia i temi della sincerità, l’identità personale, la morale, la religiosità, il materialismo economico e il cinismo.

Con una visione del mondo moderna e disincantata, il racconto si snoda come una commedia del travestimento dal profondo significato simbolico in cui “niente è davvero come sembra”.

L’AUTORE

Fabio Gagliano è nato a Palermo nel 1956. Collabora ed è fondatore dell’associazione culturale no profit “Informazione Libera Network”. Già medico presso una Clinica Universitaria, è autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Nel 2012 decide di iniziare un percorso culturale parallelo, dando sfogo alla fantasia, pubblicando il suo primo romanzo. Questa è la sua sesta opera di narrativa. Ha pubblicato:

“La strana storia del barone Cultrera e del duca De Stefani Adda”, Torri del vento, 2012; “A che serve guardare le nuvole”, Torri del vento, 2016; “Quell’estate del ’79”, Informazione Libera, 2018; “La Mano Manca”, Informazione Libera, 2018; “Tutto è (più o meno) relativo”, Informazione Libera, 2019.