Jazz in fall: parte la rassegna autunnale del Tatum art a Palermo

455

JAZZ IN FALL AL TATUM ART

Il 24 settembre inizia l’unica rassegna autunnale di jazz internazionale
di Palermo con il Joy Garrison quartet nel locale nel centro storico di
Palermo creato da Toti Cannistraro e Francesco Costanzo

Il jazz dei giorni in cui l’aria rinfresca e cadono le foglie. Il jazz
dei professionisti del genere. Il jazz internazionale che guarda a
Palermo.

Lunedì 24 settembre al Tatum art di Palermo inizia – con un primo set
alle 19,30 e un secondo alle 21,30 – “Jazz in fall”, la nuova rassegna
del Tatum art di Palermo, in via dell’Università 38 (traversa di via
Maqueda, a pochi passi dalla facoltà di Giurisprudenza), spazio per la
musica di qualità creato e ideato da Toti Cannistraro e Francesco
Costanzo.

A “sbagnare” musicalmente il palco sarà il Joy Garrison quartet. Joy
Garrison, newyorchese e figlia d’arte, comincia a cantare sotto la guida
di suo padre Jimmy Garrison, per anni contrabbassista dello storico
quartetto di John Coltrane. Ha cantato nei più importanti locali di
Manhattan al fianco di musicisti come Barney Kessel, Cameron Brown,
Billy Heart, Ronnie Matthews, Hank Jones, Kevin Hubanks, Alberta Hunter
solo per citarne alcuni. Il jazz, il gospel, il soul, il blues, il funk
sono le sue passioni. Da molti anni in Europa, ha all’attivo sei album
all’attivo. Fa concerti in tutta Europa, proponendo la sua musica che
attraversa tutte le forme espressive che il suo talento le consente.
Numerose le partecipazioni a trasmissioni televisive e radiofoniche come
solista o al fianco di artisti come Zucchero, Carmen Mc Rae, Giovanni
Tommaso, Tony Scott, Renzo Arbore, Romano Mussolini, Gloria Esteban e
tanti altri.

Con lei sul palco: Valerio Rizzo al piano, Stefano India al basso e
Giuseppe Urso alla batteria.

La rassegna continuerà nei giorni a seguire. Il 7 ottobre c’è il
Tittarelli Presti quintet, il 17 ottobre Ricky Margitza italian quartet,
il 23 ottobre Joel Frahm trio, l’1 novembre Martin wind trio featuring
Gary Versace e Matt Wilson, il 5 novembre Steve Kuhn trio, il 15
novembre Carlo Atti quartet, il 25 novembre Bill Carrothers, il 4
dicembre Alessandro Lanzoni quintet, il 13 dicembre The new messangers.

Partecipare allo spettacolo di Joy Garrison costa 8 euro il set delle
19,30, 12 euro quello delle 21,30.

Per chi si volesse abbonare alla rassegna, con postazione riservata, il
costo è 70 euro per il primo set e 110 euro per il secondo.

Per prenotare basta telefonare al 3494419873 o al 3397236001.