La transessualità ha origini genetiche! Parola di scienziato

702

Identificato il gene dei transessuali. La scoperta, che sovverte le tesi secondo cui il transessualismo sarebbe una mera scelta di vita, fornirebbe una base biologica a quanti si sentono nel corpo sbagliato. I ricercatori del Prince Henry’s Institute of Medical Research del Monash Medical Centre, in Australia, hanno scoperto che nel Dna di 112 uomini transessuali era presente una versione più lunga del normale di un recettore androgeno.

La prova del nove è stata condotta confrontando quei patrimoni genetici con quelli di 258 persone non transessuali. “E questa caratteristica – rivelano su Biological Psychiatry – determina un segnale più debole dell’ormone maschile, il testosterone”. In ogni caso, aggiungono gli scienziati, “ci sono altri interruttori genetici sospettati di avere un ruolo nel transessualismo da uomo a donna”.

Ma il fatto nuovo è che sono state identificate della cause biologiche, e non psicosociali, che determinano l’identità sessuale. “Il recettore del testosterone meno efficiente – ipotizza la ricercatrice australiana Lauren Hare – potrebbe influire nello sviluppo cerebrale sin dal feto”. E se così fosse, aggiunge Vincent Harley, “lo stigma sociale che addita l’identità transessuale come una scelta di vita verrebbe meno, lasciando il campo a una spiegazione biologica”. Queste conclusioni, benché siano frutto del più ampio studio mai condotto finora sulle cause del transessualismo, saranno ora messe alla prova con una sperimentazione da condurre su un campione ancora maggiore della popolazione.

fonte adnkronos