Libero Cinema in Libera Terra: in provincia di Savona e a Mantova le prossime tappe

433

La settimana di Libero Cinema in Libera Terra si apre al Foro Boario di Carcare, in provincia di Savona, dove oggi, lunedì 8 luglio, il cine- furgone farà tappa partendo alle 21.15 con MAFIA LIQUIDA, performance di 30 min., tra cinema e fumetto, a cura di Vito Baroncini alla lavagna luminosa. A seguire, la proiezione di LIBERO (LIVRE) di Michel Toesca (Francia 2019, 100 min.), reportage di denuncia sulla politica dei respingimenti al confine tra Italia e Francia dove vive un contadino che offre ospitalità e assistenza alle persone che restano bloccate al confine. Un tema, quello trattato dal film scelto, che si allinea con quello scelto dall’edizione di quest’anno di Libero Cinema appunto i migranti, per riflettere sul fatto che le politiche  di chiusura di confini e porti sono disumane  e  ingiuste, in quanto non servono a contrastare il traffico di esseri umani in mano alle mafie.

LIBERO racconta di come nella Val Roia, divisa tra la Francia e l’Italia, ogni giorno decine di migranti cercano di superare il confine in cerca di una vita migliore. Ma in questo limbo, chiuso fra due Stati, le politiche sull’immigrazione rendono loro impossibile l’ingresso sul territorio francese. Cédric Herrou, un contadino della Valle, per queste persone è un eroe: da anni offre ospitalità a tutti i giovani e le famiglie che, senza avere altro posto dove andare, restano bloccati sul confine. Grazie all’aiuto di amici e volontari, Cédric sfida con coraggio le istituzioni francesi. Osservando senza filtri questa situazione drammatica, LIBERO denuncia, o meglio, urla ai quattro venti l’urgenza di un intervento da parte delle istituzioni.  

L’evento si realizza in collaborazione con Libera Savona “Filippo Ceravolo” e il  Comune di Carcare. La carovana di Libero Cinema giunge per la prima volta in provincia di Savona e la proiezione al Foro Boario fa parte dell’incontro tra Libero Cinema e Schermi in Classe.

Martedì 9 luglio ci si sposta Mantova, nella cui piazza Unione Europea, sarà proiettato “L’ORDINE DELLE COSE” di Andrea Segre (Italia 2017, 112 min.), film necessario sulla tratta di esseri umani tra Libia e Italia. Al centro i rapporti tra i due Paesi, gli accordi per fermare i migranti prima che prendano il mare, rinchiudendoli in centri di detenzione dove i diritti

umani non esistono. Un interrogativo universale, quello che si pone e pone a tutti il regista: tentare di cambiare gli squilibri inaccettabili della società o salvaguardare egoisticamente i propri privilegi?

Corrado è un alto funzionario del Ministero degli Interni con una specializzazione in missioni internazionali legate al tema dell’immigrazione irregolare. Scelto per un compito non facile: trovare in Libia degli accordi che portino progressivamente a una diminuzione sostanziale degli sbarchi sulle coste italiane. Le trattative, però, non sono facili perché i contrasti all’interno della realtà libica post Gheddafi sono molto forti e le forze in campo avverse con cui trattare molteplici. Andrea Segre prosegue il suo viaggio attraverso le condizioni esistenziali di chi migra e di chi si trova a confrontarsi con il fenomeno.

La tappa mantovana si realizza in collaborazione con Libera Mantova e il Comune di Mantova. Importante sapere che piazza Unione Europea è una grande area recuperata nel quartiere Lunetta e dopo anni di abbandono e degrado sta tornando a essere un punto importante di aggregazione. Il quartiere è diventato anche la galleria a cielo aperto di numerose opere di Street Art.

Tutti gli eventi hanno inizio alle 21.15 e sono a ingresso gratuito.

Libero Cinema in Libera Terra è promosso da: Cinemovel Foundation e Libera Partner istituzionale: Fondazione Unipolis, con il sostegno di: Miur e Mibac. Main partner: BNL Gruppo BNP Solidal partner: Coop Alleanza 3.0.

Per aggiornamenti e per seguire il viaggio della carovana, visitare il sito www.cinemovel.tvcome anche la pagina FB e TW.