Luciana Littizzetto al Teatro Santa Cecilia per presentare il suo ultimo libro

882

I tovagliolini dei bar che non asciugano, i cartelli stradali che ti abbandonano sul più bello, le calze che si bucano appena le metti, la paletta della scopa che lascia sempre una striscia di polvere (“la sottile linea grigia”), l’apertura impossibile del tonno in scatola, le date di scadenza illeggibili, i tubetti di pomata che appena li apri esplodono.

Praticamente quanto ci accade nella vita di tutti i giorni e che, grazie alla sua capacità di ironizzare intelligente su tutto, Luciana Littizzetto mette in  sequenza forse anche per dirci che la vita scorre allo stesso modo un po’ per tutti. E lo fa attraverso le pagine della sua ultima fatica letteraria, dal titolo “Ogni cosa è fulminata” che la libreria “Flaccovio Mondadori Store” presenterà alle 18.30 di giovedì 18 aprile al Teatro Santa Cecilia.

Un libro, il suo, che si presenta più che altro come un (divertentissimo) manifesto sull’importanza trascurata di quelle piccole cose che potrebbero facilitarci la vita e che, invece, ce la complicano. Un piccolo capolavoro di letteratura umoristica, che diventa anche un elogio della delicatezza, della sensibilità, dell’attenzione. Contro la prepotenza, la superficialità, l’incuria.

«Sarò la portavoce, l’ambasciatrice, la paladina delle micro-rotture del quotidiano – dice la stessa Littizzetto – , le incongruenze con le quali tutti, tutti i giorni, abbiamo a che fare. Quelle che ti fanno dire: “Ma perché? Ma ti sembra normale che? Non sarebbe più facile se?”. I piccoli e grandi scontri con un reale che sembra lontano dalla logica e dal buon senso. Vedrei con favore un partito che si occupasse delle cose quotidiane, che promettesse di risolvere minuzie che intossicano giorno dopo giorno il nostro tran tran abituale. Il partito delle Picicì, Piccole Cose Certe».

Con l’autrice, che vive a Torino e che, come lei stessa ama dire, di professione fa la scema, giovedì pomeriggio, dialogherà Pif. L’ingresso gratuito, ma è necessario ritirare il pass presso il teatro o la libreria.