Patologie reumatiche nell’età pediatrica: impatto simile agli adulti

560

Intervista a Alberto Martini

Professore Ordinario di Pediatria, Università di Genova,
Direttore Dipartimento di Pediatria, Istituto Pediatrico Gaslini di Genova, Presidente della Società Europea di Reumatologia Pediatrica (PRES)

Che differenze esistono tra le malattie reumatiche dell’adulto e quelle del bambino? E quando sono diffuse queste ultime?
In linea di massima le malattie reumatiche sono meno frequenti nei bambini rispetto agli adulti, anzi nettamente inferiori come incidenza e prevalenza, tuttavia non meno importanti dal punto di vista clinico. Possiamo affermare che c’è un caso di artrite cronica ogni 1.000-2.000 bambini. Con il termine di artrite cronica ci riferiamo naturalmente a tutte le forme di artrite di origine sconosciuta, la cui sintomatologia persiste per più di 6 settimane o che non si risolvono spontaneamente nel tempo, sviluppando quindi una patologia reumatica cronica, tale è ad esempio l’artrite reumatoide. Sostanzialmente nel bambino le forme artritiche sono simili a quelle dell’adulto, sebbene esse coinvolgano nella fascia pediatrica un organismo e un apparato scheletrico in sviluppo, ad eccezione di una forma di artrite che rappresenta il 50% del totale che si osserva solo nel bambino ma non nell’adulto. Questa forma presenta di frequente un interessamento dell’occhio che va ricercato con periodici controlli, la cosiddetta uveite anteriore che consiste in un’alterazione dell’iride e del corpo ciliare. Accanto al dolore, al gonfiore e alla rigidità presenti in tutte le artriti, in questa forma caratteristica del bambino, a differenza dell’adulto, vengono interessate all’inizio solo le grandi articolazioni.

L’indagine di A.M.R.E.R. ha disegnato per la prima volta la situazione numerica dei pazienti con malattia reumatica nel nostro Paese. Quali sono a Suo avviso i dati più interessanti dell’indagine? Quanto è importante e che ruolo ha la figura del reumatologo e del Centro specialistico nella diagnosi precoce delle malattie reumatiche ad insorgenza pediatrica e nella presa in carico dei piccoli pazienti?
L’indagine di A.M.R.E.R. è estremamente pregevole dal momento che per la prima volta ha permesso di quantificare un dato certo sul numero di pazienti italiani esenti per patologia reumatica e non dobbiamo più fare riferimento a numeri di altri Paesi. È probabile che la rilevazione comporti seppur in minima parte una sottostima del fenomeno reale, ma è importante disporre di questi numeri che in ogni caso forniscono dei dati da cui decisori politici e amministratori dovranno partire per programmare uno scenario assistenziale ed economico più appropriato ed efficiente, che tenga conto dei bisogni e dei costi. In tale contesto, diventano essenziali la figura e il ruolo del reumatologo nella pianificazione della diagnosi, che deve essere il più precoce possibile, delle terapie, che devono essere tempestive per garantire il successo del trattamento, e del follow up, che, come negli adulti, è fondamentale. È il pediatra specializzato in reumatologia ad occuparsi dei bambini con malattie reumatiche, purtroppo in alcune regioni italiane si avverte qualche carenza in termini di specialisti e centri di riferimento che già di per sé sono pochi sul territorio nazionale essendo le patologie reumatiche dell’infanzia considerate malattie rare.

Come sappiamo l’attuale esenzione per AR mutua dai bisogni dell’adulto quelli del bambino. A Suo avviso, quanto è importante e perché, rendere più efficiente l’erogazione delle prestazioni legate alle esenzioni per patologia a seconda del bisogno specifico? E come questo può andare a incidere secondo Lei sulle risorse disponibili, ottimizzandole?
Certo, nella popolazione pediatrica mancano esenzioni per visite correlate a manifestazioni specifiche come, ad esempio l’iridociclite, che sono frequenti nella forma tipica del bambino e che non si osservano nell’adulto. Ampliare le prestazioni a seconda dei bisogni specifici inciderà sulla qualità dell’offerta migliorando i percorsi diagnostici-terapeutici e, prevediamo, potrà incidere positivamente sulla spesa.