Premio ‘Capitani dell’Anno 2015’:  ieri è stato assegnato a Santi Palazzolo per la categoria ‘Capitani nel Sociale’

610

santi_palazzolo

Santi Palazzolo vince il premio Capitano dell’Anno

Al pasticcere palermitano uno dei prestigiosi riconoscimenti

assegnati dall’Associazione culturale Editutto

“Non tutti hanno la forza e il coraggio dimostrati da Santi Palazzolo. Proprio per questo motivo il suo comportamento, che in qualsiasi altro Paese europeo sarebbe stato considerato normale, qui da noi continua a fare notizia ed a rappresentare un gesto di estremo coraggio ed integrità”.

E’ proprio nella speranza che il netto rifiuto di tali logiche distorte non appaia più come un singolo atto di eroismo, ma diventi pratica comune, che i membri della Giuria e dell’Associazione Culturale Editutto hanno conferito all’unanimità al pasticcere siciliano, recente protagonista di una clamorosa storia di tangenti e malaffare, uno dei prestigiosi riconoscimenti ‘Capitani dell’Anno 2015’. La consegna avverrà a Milano, il prossimo 29 marzo, alle ore 10 e 30, a Palazzo Cusani.

“Nel corso  delle sue 15 edizioni – afferma il comunicato della Giuria del Premio – ‘Capitani dell’Anno’ ha sempre voluto sottolineare i meriti ed il valore, anche etico, degli imprenditori italiani, a prescindere dai fatturati delle loro aziende. Il 2015 per la nostra manifestazione comincia proprio a Milano il prossimo 29 marzo (Firenze, Bologna e Roma le altre città che saranno coinvolte dall’iniziativa) con un evento speciale, con vista sull’Expo, dal titolo ‘Il cibo che verrà’, interamente dedicato alle eccellenze nostrane del settore agroalimentare ed enogastronomico”.

Una storia, quella di Palazzolo, per certi versi paradossale se si pensa all’ambientazione dei fatti: l’aeroporto palermitano di Punta Raisi intitolato alla memoria dei giudici Falcone e Borsellino, trasformato, secondo i pm  Claudia Ferrari e Luca Battinieri, in una vera e propria ‘centrale estorsiva’ facente capo al presidente della Camera di Commercio di Palermo  e vice presidente della Gesap, la società che gestisce i servizi dell’aerostazione palermitana, Roberto Helg. Accreditato di essere un paladino della legalità, a inizio marzo Helg è stato arrestato dai carabinieri pochi attimi dopo aver intascato una tangente da centomila euro. L’operazione, nata proprio  da una denuncia di Palazzolo e dal rifiuto del pasticcere di pagare la mazzetta richiesta da Helg per ‘sbloccare’ la pratica di rinnovo dell’affitto del locale occupato all’interno dell’aerostazione, ha scoperchiato quello che era a tutti gli effetti un sistema estorsivo che coinvolgeva molte delle attività della Gesap, dalle gare di appalto per l’ammodernamento della struttura, alla concessione di spazi commerciali all’interno dello scalo palermitano.

Le varie tappe di Capitani dell’Anno vengono realizzate con la collaborazione tecnica di Schroders Wealth Management, il sostegno di Air Berlin, la collaborazione di ADACI e con il coinvolgimento attivo di Federmanagement (Federazione Italiana delle Associazioni Manageriali), NovaPangea ed Emoticibo.