Tumosi Rari: il Dossier

144

Paola Binetti
Presidente Intergruppo Malattie Rare

Indagine conoscitiva sulle Malattie Rare e risoluzione

Nel mese di settembre la Commissione Affari Sociali della Camera ha approvato all’unanimità una risoluzione sulle Malattie Rare (MR) che faceva seguito ad un’indagine conoscitiva svolta nei mesi precedenti su queste patologie.
Tra gli obiettivi principali della risoluzione c’è la richiesta al Governo di facilitare la creazione dei nuovi Centri di riferimento a livello europeo, ERN, European Reference Networks for rare diseases, per la ricerca e la presa in carico delle malattie rare.
L’Italia è sempre stata leader in questo campo specifico e la Rete nazionale MR, così come il Piano nazionale per le MR, costituiscono in Italia e in Europa uno strumento di lavoro prezioso non solo per gli addetti ai lavori, ma anche per tutte le Associazioni dei pazienti.
Oggi, in occasione del Convegno sui tumori rari, tra gli impegni specifici che vogliamo proporre al Governo, c’è la creazione della Rete nazionale per i tumori rari con le necessarie caratteristiche di rigore scientifico, e con una piena condivisione della struttura tra i vari Centri, per facilitare la ricerca scientifica da un lato e il servizio diretto ai pazienti e alle Associazioni di pazienti dall’altro. Vogliamo, inoltre, proporre di creare a livello europeo ERN specificamente dedicati ai tumori rari, che siano Centri di ricerca di altissimo profilo, ma che offrano anche un adeguato servizio ai pazienti e alle Associazioni da essi costituite.

Francesco De Lorenzo
Presidente FAVO

I rappresentanti delle associazioni e le loro esperienze

Ogni anno in Italia vengono diagnosticati circa 250.000 nuovi casi di tumore. Circa il 20% di essi si caratterizza per un incidenza inferiore a 6 casi/100.000 abitanti. Essi costituiscono un gruppo eterogeneo di neoplasie, il cui comune denominatore è la “rarità”. La rarità costituisce indubitabilmente un fattore di discriminazione, poiché essa impatta sia sulla qualità della diagnosi che sulla qualità della terapia.
È facile comprendere come una patologia oncologica rara implichi decisioni cliniche maggiormente a rischio di inappropriatezze. È una complessità che impatta sia sull’organizzazione dell’assistenza che sulla ricerca clinica. Tutti questi pazienti si devono confrontare con la difficoltà a vedere garantito il necessario “expertise” diagnostico e terapeutico. In estrema sintesi, un paziente affetto da tumore raro è a rischio di non ricevere diagnosi e terapie adeguate e, nello scenario migliore, è costretto ad affrontare gli oneri e i disagi di una migrazione sanitaria.
Per garantire tale “expertise”, e nel contempo assicurare accessibilità a terapie appropriate limitando la migrazione sanitaria, l’unica soluzione reale è rappresentata dallo sviluppo di “reti” oncologiche dedicate. Per i tumori rari solidi dell’adulto è attiva in Italia la Rete Nazionale Tumori Rari, purtroppo non ancora istituzionalizzata e che il volontariato oncologico chiede di riconoscere, sostenere e potenziare, anche in linea con le conclusioni delle Commissioni di cui al DM 14/2/13.
L’estrema complessità delle tematiche poste dalle forme neoplastiche rare non può che trovare risposte efficaci solo nel contesto di un’azione integrata di livello transnazionale. Per dare risposte a questi bisogni salvavita è necessario e urgente:
• disporre di un “elenco” dei tumori rari per rendere possibile l’adozione di tutti i provvedimenti da adottare in questo ambito;
• definire i criteri dei “centers of expertise” e delle “reference network” per i tumori rari, anche in relazione alla “Cross-border Healthcare Directive” dell’Unione Europea, così da elevare la qualità di cura dei tumori rari in Italia ed uniformarsi all’evoluzione in atto nei Paesi dell’Unione Europea;
• assicurare con urgenza il diritto dei malati di tumori rari all’uso “compassionevole” dei farmaci (uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica), da distinguere dall’uso off-label, in quanto senza oneri per il SSN. Per assicurare tale diritto, nel corso dell’indagine conoscitiva sui tumori rari FAVO ha richiesto la modifica del Decreto Ministeriale 8 maggio 2003.

Giovanni Apolone
Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano

La necessità di uno specifico riconoscimento
per i tumori rari

I tumori rari sono profondamente diversi dalle malattie rare non oncologiche, innanzitutto per il fatto che appartengono ad una patologia frequente come il cancro. Peraltro, gli stessi tumori rari sono rari singolarmente ma non cumulativamente. Infatti, essi costituiscono circa il 20% dei nuovi casi di tumore maligno, anche secondo una definizione che un progetto europeo guidato dall’Istituto Nazionale Tumori di Milano ha contribuito a sviluppare.
Fanno parte dei tumori rari tutta la famiglia dei tumori pediatrici, molti della famiglia dei tumori ematologici, dieci famiglie di tumori solidi dell’adulto. In pratica, quindi, si contano 12 famiglie di tumori rari che sono seguite da comunità diverse di medici, pazienti e istituzioni di riferimento.
D’altra parte, la globalità dei tumori rari viene affrontata nei Piani oncologici nazionali, nelle reti oncologiche regionali, nelle istituzioni oncologiche.
Anche a livello europeo, l’oncologia ha creato per i tumori rari delle reti: per la ricerca clinica, la produzione di linee guida per la pratica clinica e su progetti collaborativi ad hoc.
È perciò fondamentale che tutto ciò che si intende costruire nel campo dei tumori rari, e che può essere cruciale in questo momento per migliorarne la qualità di cura, venga costruito sulle realtà esistenti, nate “dal basso” e saldamente ancorate al mondo dell’oncologia nazionale, europea ed internazionale.

Paolo Casali
Rete Nazionale dei Tumori Rari e Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano

I Tumori Rari: tra reti nazionali ed europee

La collaborazione clinica in rete è fondamentale nei tumori rari. Questo è un momento critico per il futuro delle reti sui tumori rari, particolarmente in Italia per quel che riguarda la Rete Tumori Rari, ed in Europa per quanto riguarda le Reti di Riferimento Europee (ERN, European Reference Network) previste a partire dal 2016.
In Italia le reti dell’Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia pediatrica (AIEOP) e del Gruppo Italiano delle Malattie EMatologiche dell’Adulto (GIMEMA) sostengono da anni la ricerca clinica, rispettivamente nei tumori pediatrici e nei tumori ematologici, e contribuiscono a mantenere una buona qualità di cura tra centri di riferimento.
Per quanto riguarda il terzo e più numeroso gruppo di tumori rari, i tumori solidi dell’adulto, dal 1997 la Rete Tumori Rari sta cercando di migliorare la qualità di cura e al tempo stesso ridurre la migrazione sanitaria attraverso la condivisione a distanza di singoli casi clinici, attualmente circa 1.000 casi all’anno. Se essa fosse sostenuta dal Servizio Sanitario Nazionale questo numero potrebbe essere moltiplicato per dieci.
Nel 2012 e nel 2013 gli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale del SSN avevano incorporato il progetto della Rete Tumori Rari e alcune regioni (Abruzzo, Campania, Lazio, Sicilia Calabria, Lombardia e Veneto) avevano avviato una qualche forma di finanziamento delle strutture sanitarie partecipanti. Purtroppo, gli ultimi obiettivi di piano non prevedono più una linea progettuale relativa alla Rete Tumori Rari e dunque ci si augura che il Ministero della Salute attivi rapidamente un progetto finanziato che garantisca la continuità dell’operatività della Rete Tumori Rari.
Per le future ERN della UE, sarebbe fondamentale che il Governo italiano si adoperasse affinchè ne siano create almeno 12 per i tumori rari, quante cioè sono le famiglie di questi ultimi, e affinchè siano concepite dalla UE come “reti di reti”, piuttosto che semplici reti di poche istituzioni in alcuni Paesi.

Bruno Dallapiccola
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma

Le Malattie Rare nella prospettiva europea: gli ERN

Le malattie rare sono eterogenee, hanno piccoli numeri, le conoscenze sono limitate e scarsamente disponibili. A partire dal 2001, tutte le Regioni e le Pubbliche Amministrazioni hanno individuato con DGR i Centri accreditati per le malattie rare. Attualmente i presidi italiani sono 196. L’Italia è l’unico Paese europeo, insieme alla Francia, ad avere intrapreso questo processo istituzionale.
In attuazione della Direttiva sull’assistenza sanitaria transfrontaliera 24/2011, la Commissione Europea si prepara ad istituire le reti europee di riferimento (ERN) sulle malattie rare. Tali reti saranno costituite da Centri di valenza europea, a cui i malati rari, o sospetti tali, potranno rivolgersi gratuitamente, con costi a carico della Regione di residenza. La collaborazione tra i Centri di esperienza, i medici, gli esperti, i laboratori, i pazienti offre un valore aggiunto che deriva dallo scambio di conoscenze, dati, campioni biologici, immagini e dalla condivisione di database, registri, biobanche. L’obiettivo degli ERN è far viaggiare gli esperti piuttosto che i pazienti. La Commissione Europea ha programmato 21 ERN relativi a gruppi di patologie rare compresi i tumori rari (che in Italia non fanno ancora parte delle malattie rare).
Gli ERN saranno formati da almeno 8 Paesi e 10 Centri Esperti (associati) mentre gli altri Centri fuori della rete saranno collaboratori; integreranno ed armonizzeranno le risorse esistenti, favorendo lo sviluppo di Linee Guida di buona pratica clinica e potenziando la ricerca e la formazione. Inoltre si faranno carico anche dei pazienti senza diagnosi. Il bando per la creazione delle ERN sarà aperto all’inizio del 2016; per partecipare alle ERN è necessario che i Centri e i relativi ospedali italiani siano ufficialmente pre-candidati dal Ministero della Salute.
Il Ministero della Salute ha individuato, con specifico DM, un Gruppo Tecnico di Coordinamento e Monitoraggio, che avrà il compito di definire le modalità di partecipazione dei Centri italiani alle ERN.
Gli ERN offriranno l’opportunità di includere nelle reti europee gli ospedali italiani che hanno un’attività quantitativa e qualitativa eccellente e competitiva, in modo da:
• evitare migrazioni inutili e costose dei malati rari italiani verso Centri stranieri;
• favorire l’accesso dei pazienti stranieri verso i Centri italiani;
• facilitare l’accesso ai fondi di ricerca europei dedicati alla malattie rare;
• mantenere e rafforzare l’organizzazione delle attuali reti regionali di assistenza, evitando logiche non governabili né pianificabili da parte delle Regioni;
• implementare una struttura organizzativa in grado di favorire la consulenza a distanza ed altre prestazioni di tele-medicina dedicate ai malati rari.
Una proposta formulata dal Consiglio Superiore di Sanità e già recepita dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e dalle Associazioni dei pazienti prevede di:
• selezionare, in base alla numerosità della casistica di malati rari seguita dai Presidi accreditati dalle Regioni, quelli la cui attività si colloca al di sopra di una «soglia» definita da criteri oggettivi, tali da salvaguardare anche una rappresentanza relativamente equilibrata delle diverse aree del Paese. I Centri, la cui attività è al di sotto della soglia, continueranno a svolgere un’azione di interesse regionale e nazionale (Centri collaboratori);
• costituire 21 Consorzi, uno per ogni ERN, a cui parteciperanno gli ospedali selezionati, il MS/ISS, le Regioni e le PPAA, i rappresentanti delle Associazioni di utenza. Ciascun Consorzio assumerà la figura di soggetto giuridico che garantirà il collegamento tra i Centri della rete e con i sistemi regionali e dialogherà nell’ERN attraverso un Centro coordinatore. Il suo funzionamento sarà definito da uno statuto;
• verificare annualmente le attività svolte da ciascun Consorzio e Centro sulla base di indicatori misurabili. La permanenza dei Centri nel Consorzio dipenderà dallo standard qualitativo e quantitativo dell’attività svolta nell’anno. Ad un’analoga verifica saranno sottoposti anche i Centri non ancora ammessi al Consorzio, che potrebbero raggiungere livelli di attività tali da consentire loro di entrare nel Consorzio. Tutti i processi di valutazione saranno interni ai Consorzi ed esterni, affidati al Gruppo Tecnico di coordinamento e monitoraggio del Ministero della Salute;
• indicare, per ciascuna ERN, il corrispondente Consorzio come unico candidato dell’Italia per la partecipazione alla rete Europea ERN. Tale compito sarà svolto dal Ministero della Salute.
Il modello proposto dal Consiglio Superiore di Sanità è:
• trasparente e dinamico;
• non scompagina le reti regionali;
• garantisce un forte sistema di governance per la partecipazione italiana alle ERN e di coordinamento e controllo di quanto attivato e predisposto rispetto alla programmazione regionale e nazionale;
• rafforza la stanzialità dei malati;
• armonizza la qualità delle cure.

Paolo Delrio
SICO, Società Italiana di Chirurgia Oncologica, Istituto Nazionale Tumori
IRCCS “Fondazione G. Pascale”, Napoli

La formazione nel campo dei Tumori Rari:
vera sfida per l’eccellenza

La cura oncologica si fonda sulla integrazione multidisciplinare e con la traslazione in clinica dei risultati della ricerca di base. Ciò è vero sia per le neoplasie più frequenti ma soprattutto per le neoplasie definite rare per la bassa incidenza.
Alla base del buon funzionamento di un team integrato di specialisti vi è la competenza specifica dei singoli componenti nella patologia target e questa deriva da specifici programmi di formazione.
L’identificazione dei centri di eccellenza ha una rilevanza notevole anche per questo aspetto poiché la concentrazione dei casi nelle strutture “dedicate” alla cura della patologia rara garantisce la possibilità di creare le opportune integrazioni formative e gli approfondimenti sulla singola patologia per tutti gli specialisti coinvolti.
L’eccellenza definisce quindi anche percorsi formativi dedicati, delocalizzati rispetto alle tradizionali sedi universitarie ma ad esse collegate, anche grazie all’utilizzo di forme avanzate di web-based training.

Alessandro Gronchi
Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori, Milano

I centri di eccellenza nel campo della chirurgia
dei tumori rari

La chirurgia è il trattamento primario di ogni tumore solido e lo è quindi anche dei tumori rari. La sua qualità è uno degli elementi terapeutici determinanti che contribuisce alla guarigione della malattia oncologica. La qualità è funzione di conoscenza ed esperienza della malattia. I tumori rari hanno, quindi, particolare necessità di essere curati in centri di riferimento, perché i pazienti che ne sono affetti possano beneficiare di specialisti con esperienza analoga a quella disponibile per i tumori frequenti. È noto che il riferimento a tali centri non solo migliora la probabilità di guarigione di ogni singolo paziente, ma contribuisce anche ad un risparmio del costo complessivo di tali patologie per il sistema sanitario, perché vengono evitati errori, che poi richiedono trattamenti ulteriori non sempre in grado di recuperare la situazione. Questo aspetto, che potrebbe apparire secondario pensando alla loro rarità, ha una rilevanza tutt’altro che trascurabile, se si pensa che globalmente circa il 20% di tutti i tumori è raro. In pratica ogni anno si ammalano di tumore raro in Italia oltre 80.000 persone.
La chirurgia non fa parte delle fasi di trattamento che possono essere condivise in una logica di rete. Richiede specificamente una centralizzazione fisica. Appare perciò di importanza decisiva identificare centri di eccellenza, a cui affidare ufficialmente il trattamento di tali patologie.
La Società Italiana di Chirurgia Oncologica, in sintonia con quanto fatto dalle analoghe società nei diversi paesi dell’Unione Europea, si è interrogata su questo problema e ha condiviso tra i propri membri un questionario proponendo i criteri che lo studio epidemiologico europeo EUROCARE e EUROCAREnet aveva messo in luce come determinanti.
Tra i criteri a cui devono corrispondere tali centri di riferimento emersi come indispensabili, vi è certamente il numero di pazienti presi in carico ogni anno, affetti dalla patologia in questione. Si tratta di un valore indicativo e variabile da tumore raro a tumore raro. Ugualmente è un valore necessario per arrivare a definire criteri stringenti, attraverso cui certificare la qualità di un centro a cui indirizzare tali pazienti. A titolo di esempio, nel Regno Unito i centri di riferimento per i sarcomi delle parti molli devono essere in grado di prendere in carico almeno 100 nuovi pazienti/anno affetti da tale patologia.
Gli altri criteri riguardano più direttamente l’offerta di cui il centro si deve dotare ed includono:
• la presenza di un team multidisciplinare formalizzato, che si incontra settimanalmente;
• l’accesso a tutte le risorse terapeutiche disponibili per la singola patologia, anche attraverso partnership esterne formalizzate, quando non presenti direttamente nel centro in questione;
• la presenza di un data base prospettico in cui vengono registrati tutti i pazienti trattati, per tenere traccia della loro evoluzione;
• l’abitudine a riportare i dati di sopravvivenza in funzione dei trattamenti erogati;
• un’attività accademica attiva;
• l’accesso a studi clinici specifici.
Ogni centro di eccellenza deve essere certificato per la singola patologia, a causa della complessità e variabilità dei diversi tumori rari, ma i criteri sopra enunciati possono essere impiegati per tutti i tumori rari. È dunque auspicabile che si costituisca una commissione specifica, in grado di prendere decisioni operative, per iniziare un percorso ri-organizzativo indispensabile per stare al passo con gli altri paesi dell’Unione ed operare un risparmio di spesa effettivo massimizzando la qualità di cura di questi pazienti.

Andrea Lenzi
Società Italiana di Endocrinologia e Consiglio Universitario Nazionale

I Tumori Rari in endocrinologia: problematiche cliniche
e innovazione formativa in Facoltà di Medicina

La Malattia di Cushing e l’Acromegalia sono due tumori rari endocrinologici di incidenza rara:
• Malattia di Cushing: tra 1 e 2,4 casi per milione di abitanti [Etxabe J. et al. Clin Endocrinol (Oxf) 1994];
• Acromegalia: 3-4 casi per milione [Holdaway I.M. et al., Pituitary 1999].
Si tratta di due patologie che causano, attraverso l’ipersecrezione di ormoni ipofisari, gravi complicanze cardiocircolatorie, metaboliche e scheletriche, che possono compromettere drammaticamente la qualità di vita dei pazienti, il loro inserimento nel contesto familiare e lavorativo oltre che essere causa di aumentata mortalità.
Ad oggi tali patologie non risultano incluse nell’elenco delle malattie rare.
In questo contesto l’aggettivo raro assume diverse connotazioni:
1. raro per numerosità: incidenza tra 1 e 4 casi per milione di abitanti;
2. raro per scarsa conoscenza: Acromegalia e Malattia di Cushing sono ancora oggi patologie diagnosticate in ritardo, quando invece proprio la diagnosi precoce rappresenta un fattore chiave per ridurre il rischio che si sviluppino complicazioni gravi;
3. raro in quanto sono pochi sul territorio i centri di eccellenza dedicati alla cura dei tumori rari endocrinologici dove la multidisciplinarietà diventa un elemento fondamentale e imprescindibile per definire il corretto percorso diagnostico-terapeutico.
Sarebbe auspicabile che la Malattia di Cushing e l’Acromegalia siano incluse nell’ambito dell’aggiornamento della lista delle malattie rare, affinché possano godere di tutte le esenzioni e tutele necessarie a salvaguardare i pazienti che ne sono affetti.

Giuseppe Tonini
Policlinico Universitario Campus-Biomedico, Roma

I Tumori Rari: analogie e specificit
rispetto alle Malattie Rare

I tumori rari costituiscono una famiglia eterogenea di patologie che possono colpire pressoché tutti i distretti corporei. La lista dei tumori rari comprende circa 200 tumori, ma anche grazie alla sempre maggiore disponibilità della diagnostica molecolare questo numero è destinato ad aumentare nel corso dei prossimi anni.
Per definizione un tumore raro è una neoplasia con incidenza annuale inferiore o uguale a 6 casi per 100.000 persone. Il numero globale dei casi di tumore raro è elevato nonostante la scarsa numerosità di ciascun tumore e rappresenta complessivamente circa il 20% di tutte le neoplasie. La rarità di queste diagnosi determina alcuni problemi che si riflettono in maniera determinante sia sul percorso diagnostico che su quello terapeutico.
Pur rientrando dal punto di vista normativo nell’ambito delle patologie rare, i tumori rari riconoscono alcuni aspetti del tutto peculiari. Sono malattie che colpiscono trasversalmente tutte le fasce di età e si caratterizzano per un andamento subacuto, richiedendo, quindi una diagnosi ed una definizione dell’iter terapeutico in tempi brevi. Differentemente, le malattie rare vengono più spesso diagnostiche in età pediatrica e si caratterizzano per un andamento più indolente rendendosi quindi responsabili di invalidità a lungo termine. Sebbene con chiare differenze dal punto di vista clinico i tumori rari e le malattie rare riconoscono alcuni punti in comune, quali la difficoltà ad ottenere diagnosi circostanziate ed una strategia terapeutica appropriata, i pochi studi clinici disponibili ed il modesto interesse da parte delle case farmaceutiche a sviluppare farmaci per queste patologie.
Inoltre è bene sottolineare che un tumore raro non necessariamente va considerato incurabile o che le possibilità di guarigione siano più limitate rispetto a quelle di un tumore più comune; alcune neoplasie rare hanno infatti percentuali di guarigione o di controllo della malattia superiori a tumori molto più diffusi. Tuttavia, molto spesso i trattamenti potrebbero beneficiare di terapie oncologiche non propriamente testate nei tumori rari non consentendone quindi l’uso al di fuori di prescrizioni off-label.

Annalisa Trama
Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori, Milano

Aggiornamento sui dati relativi ai Tumori Rari in Italia,
nella logica del registro Nazionale

La definizione di tumori rari è stata proposta attraverso un processo di consenso dal progetto RARECARE (Surveillance of Rare Cancers in Europe) che ha definito queste neoplasie in base alla loro incidenza: sono rari tutti i tumori che hanno un’incidenza inferiore a 6 casi su 100.000 persone per anno. Questa definizione differisce da quella comunemente usata per le malattie rare (che si basa sulla prevalenza, uguale o inferiore a 50/100.000) perché i tumori rari, seppur condividano con le malattie rare i problemi legati alla rarità, rientrano nell’ambito dell’oncologia e hanno quindi peculiarità che li differenziano dalle altre patologie rare. I tumori rari sono malattie sub-acute caratterizzate da singoli eventi critici, possono colpire qualsiasi fascia d’età (bambini, adolescenti, adulti, anziani) e sono causati da diversi fattori di rischio (alcuni conosciuti ed altri no). Le malattie rare sono malattie croniche, progressive, degenerative, colpiscono soprattutto i bambini e per l’80% sono di origine genetica.
Nell’ambito del progetto RARECARE è stata proposta una lista di 198 tumori rari, che hanno incidenze molto diverse tra di loro e che si possono raggruppare in 12 famiglie principali (alcuni esempi: sarcomi, tumori neuroendocrini, tumori della testa e del collo, tumori infantili). In Italia i tumori rari rappresentano il 23% di tutte le nuove diagnosi di tumore, circa 85.000 nuovi casi l’anno; ovvero, circa un nuovo caso di cancro su cinque è rappresentato da un tumore raro. Riguardo alla prevalenza, che è un indicatore importante per definire il carico assistenziale per il Servizio sanitario, attualmente in Italia sono almeno 600.000 le persone che convivono con una diagnosi di tumore raro. I dati epidemiologici relativi all’Italia sono stati raccolti nell’ambito del progetto RITA2 (Rare Cancers in Italy: surveillance and evolution of the access to diagnosis and treatment) e si basano sui Registri Tumori di popolazione italiani dell’AIRTUM (htpp://www.registri-tumori.it/cms/it). Attualmente infatti non esiste un Registro nazionale dedicato ai tumori rari, diversamente da quanto avviene per le malattie rare per le quali il Decreto 279/2001 ha istituito un Registro nazionale presso l’Istituto Superiore della Sanità. Quindi per i dati epidemiologici sui tumori rari ci si avvale dei Registri Tumori, fonte affidabile grazie all’esperienza ultradecennale nel fornire correntemente i dati epidemiologici su tutti i tumori. Resta comunque il problema che sebbene l’AIRTUM sia impegnata nella produzione di una monografia dedicata ai tumori rari, tuttora questi tumori non appaiono ancora nelle statistiche correnti né in Italia né in altri Paesi europei.
Alla luce di queste premesse le criticità da affrontare sono di due tipi:
• come garantire cura e assistenza ai pazienti con tumori rari, in ambito nazionale ed europeo;
• come garantire un costante aggiornamento dei dati epidemiologici volto anche ad aumentare le informazioni di base raccolte sui tumori rari in modo da poterle utilizzare, ai fini sia di una adeguata programmazione dei servizi sanitari che per la valutazione del loro impatto.

Marco Vignetti
Fondazione GIMEMA onlus e Policlinico Umberto I, Sapienza Università di Roma

L’esperienza delle reti in Ematologia

La rete ematologica ha iniziato a svilupparsi negli anni ’80, come risposta alle richieste di alcuni ematologi del Centro-Sud che segnalavano la necessità di condividere percorsi diagnostico-terapeutici al fine di comprendere meglio il trattamento delle leucemie acute. A causa della rarità di queste patologie, infatti, un singolo centro non è in grado di raccogliere dati clinici nella misura necessaria a dedurre indicazioni sull’efficacia di un trattamento o sull’importanza di una procedura diagnostica.
Negli anni, la soluzione si è rivelata vincente e la rete clinica si è estesa fino a raccogliere l’adesione e la partecipazione di pressoché tutte le Ematologie italiane (circa 150).
A partire dagli anni ’90, alla rete clinica si è affiancata anche una rete di laboratori, costituita con l’obiettivo di standardizzare le risposte diagnostiche e mettere a disposizione di tutti pazienti le metodologie più evolute (biologia molecolare, citogenetica) per la diagnosi e per il monitoraggio della cura.
A coordinare e gestire le reti ematologiche sia sul piano logistico che finanziario, è la Fondazione GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie EMatologiche dell’Adulto) che si avvale di finanziamenti di privati erogati da charities o industrie farmaceutiche.
Tutto questo ha messo a disposizione dell’Ematologia italiana una rete assistenziale di livello nazionale, in grado di offrire a tutti i pazienti, indipendentemente dal luogo di residenza, le migliori procedure diagnostiche e terapeutiche. L’altro grande vantaggio offerto dalla Rete è la possibilità di raccogliere informazioni significative per numerosità e facilitare così le sperimentazioni di nuove terapie, che, in alcuni casi, sono diventate il riferimento per gli altri Paesi del mondo. Il tutto è stato ottenuto senza finanziamenti pubblici diretti, ma solo con fondi raccolti grazie alle donazioni e al supporto – non condizionato – delle industrie farmaceutiche. L’investimento nelle reti e nella ricerca, nel campo dell’ematologia, si è dimostrato una strategia efficace per migliorare la qualità delle cure e portare al paziente le innovazioni in tempi molto rapidi, e consente peraltro significativi risparmi per il Servizio Sanitario Nazionale.