Verba Manent: al Teatro del Baglio di Villafrati arrivano le storie di ritorni di VOLVER

248

In scena sabato 23 novembre nell’ambito della quarta edizione della rassegna di teatro contemporaneo diretta artisticamente da Valeria Sara Lo Bue

Racconta “storie di migranti tra i migranti in un mondo di migrazioni” aprendo un ventaglio di opzioni sceniche fondate nella tradizione contempora­nea del teatro italiano: la pluralità delle lingue, gli strumenti della narrazione, il suono, il canto, la danza, in un teatro che può illuminarsi anche soltanto per la magia di una candela.

È VOLVER, il prossimo spettacolo – in programma alle 21.15 di sabato 23 novembre  – della quarta edizione di Verba Manent, rassegna di teatro e drammaturgia contemporanei del Teatro del Baglio, che si tiene nella splendida cornice di Palazzo Filangeri, in via Alcide De Gasperi 78, a Villafrati.

Vincitore del Premio “Dante Cappelletti” e Premio “MigrArti ’18”, lo spettacolo è scritto e diretto da Giuseppe Provinzano e vedrà in scena: Bandiougou Diawara, Alexsia Edman, Hajar Lahman, Gian Matteo Marie, Junaky Md Abdur, Bright Onyesue, Andrea Sapienza

Lo spettacolo

Si svolge tra Buenos Aires e Messina, tra un ‘800 di speranze e un ‘900 di disillusioni, accompagnato dai tanghi di Gardel e dalle ballate dei fratelli Mancuso. “Volver” è anche una storia di ritorni: i giovani protagonisti – un po’ per le lusinghe populiste del regime fascista e per la nostalgia della propria terra, un po’ per le difficoltà incontrate in Argentina e il sostanziale fallimento del loro sogno – dopo quasi vent’anni decidono di tornare in Sicilia; ma faranno in tempo a vivere nuovi amori, a mescolare nenie siciliane e sonorità latine, a condividere e assorbire usanze, idiomi, cibi, danze, a dare vita, insomma, a quella cultura meticciata che nel corso della storia dell’umanità ha rivitalizzato popoli e civiltà.

VOLVER fa parte del Progetto Amunì, nel cui laboratorio permanente figurano: Marta Bevilacqua, Rossella Guarneri, Yousif Jaralla, Giuseppe Provinzano e Luigi Rausa.

Scenografia: Juan Pablo Crichton Subercaseaux; luci: Gabriele Gugliara; diario di bordo: Emilia Esini per Maghweb; laboratorio musicale: Maurizio Maiorana; laboratorio tanguero: Maura Laudicina e Sadate Djiram; organizzazione: Agnese Gugliara; comunicazione: Silvia Maiuri; coordinamento: Diana Turdo; video: Giuseppe Galante; foto e grafica: Nayeli Salas.

Ingresso, 5 € euro al botteghino. Abbonamento a tutti gli spettacoli, 18 € (da potere richiedere al botteghino 30 minuti prima della rappresentazione).

Per ogni biglietto, inoltre, verrà consegnato un buono sconto del 10% per le consumazioni presso Garden food&drink e Pasticceria Gastronomia Dolce Sogno, validi fino al 31 dicembre.