Ago 26

Video e Foto Zingaro: oltre duemila in corteo per dire NO ai roghi

Condividi su:

Organizzato dal coordinamento Salviamo i Boschi composto da oltre 40 associazioni si è svolta ieri 25 agosto la seconda marcia dello Zingaro, in memoria della prima grande manifestazione svoltasi nel maggio del 1980 allora per contrastare la realizzazione di una strada che attraversasse l’intera costa che ebbe come conseguenza la creazione della riserva, la prima in Sicilia, oggi per salvaguardare sia la riserva che tutto il patrimonio boschivo siciliano dagli incendi palesemente dolosi perpetrati durante questa caldissima estate che non è ancora finita.

Guarda la gallery

In prima fila oltre gli organizzatori, WWF, Legambiente, LIPU, CAI ed decine di altre associazioni ambientaliste. Hanno partecipato anche rappresentanti di istituzioni locali e anche il Presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci in prima fila ad aprire il corteo insieme alla coordinatrice dei movimenti ed associazioni Mariangela Galante.

Punto di riunione è stato il parcheggio lato Scopello della riserva e in attesa della partenza, avvenuta alle 18:30, sono state raccolte firme per una petizione contro gli incendi e quindi organizzato il corteo.

Oltre duemila i partecipanti, alcuni fonti giornalistiche accreditate (ANSA) parlano di quasi tremila, comunque la grande manifestazione ambientalista è partita e alle 19 il corteo si è fermato nel piazzale antistante al Museo Naturalistico dove la vista sulle montagne bruciate è impressionante. In attesa degli altri aderenti proveniente da San Vito lo Capo si è svolta la posa delle pietre per realizzare “u castiddaru” un cumulo di sassi con una iscrizione, un disegno, un simbolo, un pensiero posato da ognuno dei partecipanti.

Emozionante vedere sfilare tantissimi cittadini indignati, turisti e anziani, ma soprattutto un bimbo che teneva stretta la bandiera della più grande organizzazione mondiale che ha come scopo la protezione del pianeta: il WWF. 

Arrivati quindi i partecipanti con lo striscione Salviamo i Boschi da San Vito lo Capo la coordinatrice ha preso la parola e ha ringraziato i partecipanti, le associazioni intervenute e ha espresso con molta enfasi e calore tutta l’indignazione sugli attentati alla natura e all’ambiente perpetrati dai delinquenti che con sistematica precisione appiccano i focolai in tutta la Sicilia ancora oggi.

PalermoWeb era lì oltre per diritto di cronaca per solidarietà alla’evento e si rende disponibile a promuovere tutte le iniziative volte a sconfiggere il cancro degli incendi in Sicilia.

Ecco il video integrale dell’evento presso il Museo Naturalistico.

Foto e Video ©Giorgio De Simone

 

Lascia un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com