WonderTime viene consegnata ufficialmente al patrimonio della città di Catania

235

Presentata nella sala giunta del Palazzo comunale la II edizione della rassegna internazionale di arte diffusa che si svolgerà dal 7 settembre al 7 ottobre

“Vogliamo seminare la bellezza a Catania, scoprire luoghi nascosti, dal fascino segreto, aprire siti e monumenti e farli rivivere nell’arte e nella conoscenza, in modo inclusivo, aperto e non elitario”.

Con queste parole l’imprenditrice e artista catanese Rossella Pezzino de Geronimo, ha presentato ufficialmente nella sala giunta del Palazzo degli Elefanti, la II edizione di WonderTime Catania, la rassegna internazionale di arte diffusa, di cui è ideatrice, alla presenza del sindaco Salvo Pogliese, dell’assessore alla Cultura e ai Grandi Eventi, Barbara Mirabella, dei cofondatori Pierluigi di Rosa e Daniela Arionte, della soprintendente ai Beni Culturali e Ambientali, Rosalba Panvini, della direttrice del Polo Museale, Maria Costanza Lentini e del direttore e commissario dell’Istituto di Incremento Ippico per la Sicilia, rispettivamente Alfredo Alessandra e Francesco Azzaro.

Un mese di cultura, tra musica, mostre, rappresentazioni teatrali e concorsi letterari, dal 7 settembre al 7 ottobre, con 100 artisti, provenienti non solo dall’Italia, ma anche dagli Stati Uniti, Russia, Francia e 30 tra i luoghi più belli e nascosti del centro storico di Catania, che quest’anno avranno come tema i quattro elementi “Acqua, Terra, Aria e Fuoco”.

Partendo da uno dei quartieri più intimi e controversi della città, San Cristoforo e tutte le vie limitrofe, si snoderanno gli spettacoli che faranno tappa, tra i vari luoghi, in via S. Barbara, dove si trovano i resti sotterranei della Tricora romana, il Foro romano all’interno del cortile S. Pantaleone, la Chiesa di S. Maria dell’Aiuto e le terme Sapuppo in piazza S. Antonio , fino al “fortino” dove , al di là della porta Garibaldi , si terrà uno degli appuntamenti più significativi della rassegna, con il concerto dell’orchestra del Teatro Massimo Bellini.

“Per la città di Catania è un dovere prima di tutto, e poi una grande opportunità accogliere e promuovere un progetto come WonderTime dalla forte valenza sociale oltre che artistica e turistica – ha commentato il sindaco Salvo Pogliese – che vuole valorizzare i quartieri della città, a partire dalla “riscoperta” dello spazio pubblico, concepito come bene comune”.

La qualità della vita di una città si misura attraverso le sue attività culturali e il modo in cui vengono proposte, ecco perché WonderTime, rappresenta un immenso patrimonio di ricchezze artistico e culturali, realizzate anche grazie alla collaborazione del comitato promotore, che in questi mesi ha lavorato, senza sosta, al programma che è stato ufficializzato durante la conferenza stampa.

Tra gli appuntamenti più significativi il solo show di “Salvador Dalì” all’interno dell’Istituto di Incremento Ippico, con l’installazione della monumentale scultura in bronzo di “Traiano a Cavallo”, in mostra grazie alla Galleria Arionte e al prestito del generoso collezionista francese Jean Naturel. Così come “Temporaryoung”, il progetto ideato da Marco Magnano San Lio, collezionista ed imprenditore catanese, che darà ai giovani una splendida vetrina, sempre all’interno della stessa location, con 18 micro-personali di altrettante giovanissime promesse dell’arte contemporanea, che affronteranno il tema fondante della rassegna sui 4 elementi, attraverso la pittura, la scultura e la fotografia.

“L’idea che un evento d’arte cosi significativo invada di bellezza le nostre periferie e la nostra città antica è un’occasione che non potevamo perdere -ha sottolineato l’assessore alla Cultura e Grandi Eventi, Barbara Mirabella – per questo abbiamo accolto con favore l’iniziativa WonderTime”.

Trenta giorni intensi di appuntamenti che per la loro varietà abbracceranno i gusti di tutti, dai bambini ai giovani a quali saranno dedicati diversi workshop, con un programma di rappresentazioni teatrali e musica.

“Mi auguro che WonderTime diventi “virale”, che l’amore per la nostra città “contagi” altri imprenditori disponibili a contribuire gratuitamente alla rinascita di Catania – spiega Rossella Pezzino de Geronimo – Secondo me, infatti, chi riceve da un territorio deve sentire il bisogno di restituire qualcosa alla propria comunità”.

Presente alla conferenza stampa l’assessore all’Ambiente, Ecologia e Sicurezza Fabio Cantarella e presidenti della I e V Municipalità, Paolo Fasanaro e Angelo Patanè di Fede.