WWF: domenica visita l’Oasi delle Saline di Trapani e Paceco

291

Domenica 24 marzo il WWF Sicilia Nord Occidentale visita una riserva gestita proprio dal WWF Italia: la Riserva Naturale Orientata “Saline di Trapani e Paceco”

Appuntamento è fissato alle ore 8.15, con partenza 8:30 da piazzale Giotto, con le proprie autovetture per Trapani (220 km a/r, da Palermo, via Autostrada Palermo-Mazara con uscita a Trapani). Partecipa chi si presenta all’appuntamento, quindi non occorre prenotarsi. Le spese di viaggio come sempre verranno condivise fra gli occupanti di ogni singola auto.

La colazione, al sacco, è a carico di ogni partecipante e non bisogna dimenticare la provvista d’acqua. Si consiglia un abbigliamento adatto alla stagione e alle condizioni metereologiche della giornata (sono comunque essenziali zainetto e scarponcini o quantomeno comode scarpe sportive). Il contributo per i non soci è 5 Euro. Il contributo comprende l’assicurazione contro infortuni.

La località di inizio dell’escursione sarà il centro accoglienza della riserva, sito al Mulino Maria Stella, Strada Provinciale 21 Trapani

Visiteremo la R.N.O. Saline di Trapani e Paceco è stata istituita nel 1995 con D.A. n. 257/44 del 11 maggio ed affidata in gestione al WWF Italia.

L’area protetta ricadente nei comuni di Trapani e Paceco con un’estensione complessiva di circa 1000 ettari, è divisa in 2 zone, di cui 700 ha di zona A, coincidente con le vasche di salina, e circa 300 ha di zona B.

Le saline sono un importantissimo luogo di sosta per migliaia di uccelli durante le migrazioni, pertanto la zona risulta essere di particolare interesse ornitologico; infatti sono 208 le specie finora censite, molte svernanti (fenicotteri, spatole, aironi bianchi maggiori, garzette, falchi di palude, limicoli e più di 5.000 anatidi) e altre nidificanti (avocette, cavalieri d’Italia, fraticelli, fratini, calandrella). Tra le specie censite nella Riserva, il tarabuso, la garzetta, l’airone bianco maggiore, la spatola, il fenicottero, il cavaliere d’Italia, l’avocetta (presa a simbolo della Riserva), il gabbiano roseo, il fraticello, il martin pescatore.

Tra gli habitat di rilievo presenti si segnalano le lagune costiere, le steppe salate mediterranee, la vegetazione annua delle linee di deposito marine, i fruticeti alofili mediterranei e termo-atlantici (Sarcocornetea fruticosi).

Per questo elevato valore ambientale, le saline sono sottoposte a diversi vincoli di tutela: nel 2011, il Ministero dell’ambiente ha dichiarato la zona umida della riserva delle Saline di Trapani e Paceco sito “di importanza internazionale” ai sensi della “Convenzione di Ramsar”. Esse rientrano anche, secondo la Direttiva Habitat, tra i Siti di Interesse Comunitario, nonché tra le Zone Protezione Speciale previste dalla Direttiva Uccelli.

L’escursione avverrà lungo alcuni percorsi e si baserà principalmente sull’osservazione dell’avifauna. Da parte nostra porteremo cannocchiali e qualche binocolo, ma è consigliabile, per chi ne è in possesso, attrezzarsi con propri strumenti di osservazione per godere maggiormente le osservazioni. Durante la giornata faremo una pausa colazione in salina stessa. Si rientra a Palermo intorno le 17.