HOME USANZE RITI MEDICINA LUOGHI GASTRONOMIA FESTE CURIOSITA' CALENDARIO PROVERBI

PANORMUS - CALENDARIO POPOLARE

 
 

INFO TURISMO
HOTEL PALERMO
SICILY BOOKING
PALERMO BOOKING
AGRITURISMO
B & B
PALERMO TOUR
SCOPRIRE PALERMO
MAPPA TURISTICA
MONUMENTI
MUSEI
ITINERARI
MONDELLO
MONTE PELLEGRINO
LA PROVINCIA
I PARCHI
LE MADONIE
AREE VERDI
SPIAGGE
AGENZIE VIAGGI
SICILY TOUR

 

GENNAIO

Gennaio, che è il primo mese del calendario, per noi gregoriano, nel vecchio mondo contadino palermitano è considerato il mese dove tutto inizia e, se inizia bene, questa credenza si prolungherà per il resto degli altri mesi dell'anno, molti sono i proverbi ad esso legati, specialmente quelli agricoli, "zoccu si fa pi capu rannu, si fa pi tuttu l'annu".

Con l'avvento dell'Epifania "tutte le feste porta via", dice un antico detto, e in questo mese poche sono in realtà le feste prescritte.


1 Gennaio

Capodanno. Il primo giorno dell'anno nel quale si tengono in tutto il mondo, feste e manifestazioni che hanno carattere augurale.

Il calendario liturgico fa coincidere questo giorno con la circoncisione di Gesù, atto simbolico che esprime il patto d'alleanza tra Dio e la discendenza di Abramo. Simbolismo di pace, e il fuoco purificatore che scaccia il male, che in tempi moderni si e trasformato in fuochi d'artificio e "buotti" auspicali.

Nelle feste religiose e palermitane in genere, il dolce era "divuzione", stabilito dalla consuetudine alla quale nessuno fa eccezione, per capodanno si preparavano "i mustazzuoli" e si centellinava un bicchierino di "rosolio" fatto in casa.

6 Gennaio

Epifania. Dal greco 'ta epiphaaneia, manifestazione della divinità, secondo la tradizione cristiana rappresenta la festa della prima rivelazione di Gesù ai Magi, ideali rappresentanti di tutti i popoli.

All'occasione nel presepe si aggiungono le statuine di questi re orientali come esige la tradizione nella notte tra il cinque e il sei gennaio.

Su questi personaggi si e detto molto, come al solito, noi palermitani per una nostra esclusività, gli abbiamo dedicate una chiesa, unica e sola in tutto il resto del nostro pianeta, costruita dalla congregazione dei "putiara" di frutta fresca e secca ("scacciu").

Secondo le credenze popolari, in questa giornata corrisponde l'arrivo della Befana, una vecchia brutta e generosa, a cavallo di una scopa e, porta i doni per i bambini buoni e carbone a quelli cattivi, essa tratteggia la personificazione della Natura, passaggio dal vecchio al nuovo ha creato diversi riti propiziatori che si svolgono in alcuni paesi dell'entroterra palermitano.

15 Gennaio

Festa della Madonna della Provvidenza a San Giuseppe dei Teatini (Corso Vittorio Emanuele ai 4 canti)

17 Gennaio

Sant' Antonio Abate. Protettore degli animali, il popolino sotto la sua tutela ha messo il maiale, la tradizione palermitana vuole che esso sia simboleggiato con un dolce dalla testa di porco.

20 Gennaio

San Sebastiano. In questo giorno anticamente a Palermo si soleva festeggiare il Santo con una processione alla quale intervenivano tutti gli ordini religiosi della città e il Senato per ringraziarlo della sua intercessione nella peste del 1575.
La statua legata ad un tronco d'albero, era trasportata con il dorso nudo, secondo il popolino; da tale giorno diminuiva il freddo in quanto se lo attirava il Santo "Bastianu", attualmente è il patrono dei Vigili Urbani.


Le foto e i testi di questo sito sono protetti da copyright ©2013 Carlo Di Franco e concessi in esclusiva a ©PalermoWeb.com
E' possibile, su richiesta, ottenere delle copie per usi commerciali: contattaci