HOME USANZE RITI MEDICINA LUOGHI GASTRONOMIA FESTE CURIOSITA' CALENDARIO PROVERBI
 

PANORMUS - GASTRONOMIA PALERMITANA

 
 

INFO TURISMO
HOTEL PALERMO
SICILY BOOKING
PALERMO BOOKING
AGRITURISMO
B & B
PALERMO TOUR
SCOPRIRE PALERMO
MAPPA TURISTICA
MONUMENTI
MUSEI
ITINERARI
MONDELLO
MONTE PELLEGRINO
LA PROVINCIA
I PARCHI
LE MADONIE
AREE VERDI
SPIAGGE
AGENZIE VIAGGI
SICILY TOUR

 

I biscotti a S di Monreale

Chi, recandosi a Monreale, non ha trascurato di acquistare i famosi biscotti ad S con i ghironi bianchi di zucchero, invenzione delle solerti monache benedettine dell'antico monastero di San Castrenze, sa bene che questi biscotti sono ancora oggi una delle più rinomate specialità dolciarie.


Il monastero di San Castrenze, che aveva un grosso influsso sulla vita del popolo monrealese, dimostrò sotto l'aspetto economico e commerciale di essere all'altezza di amministrare anche notevoli quantità di beni come: il possedimento di acque biviere, taverne, mulini e torrenti.

Al suo interno il convento possedeva una grossa farmacia che serviva tutto il comprensorio.

Ogni anno organizzava una grande fiera agricola che si svolgeva nel mese di maggio, a partire dall'anno 1508.

La fiera venne soppressa, unitamente ad altre attività derivanti dai beni di proprietà del convento, nel 1866, a seguito della soppressione degli ordini religiosi.

Successivamente, intorno al 1930, sull'area dove sorgeva questa gloriosa istituzione monastica, furono costruite la pretura e l'attuale caserma della polizia municipale.

Rimase invece immutata la chiesa parrocchiale di San Castrenze.

La diffusione di questo biscotto locale andò oltre il convento per merito di una suora che fece della sua famiglia il punto di riferimento monrealese, aprendo un grosso biscottificio che a Monreale è il più rinomato di tutti: Giangrande - Modica. Che rimane ancora oggi il più antico.


La ricetta: I Biscotti a S

Occorrente:
1 kg di farina tipo 00
nr. 1 uovo (tuorlo) la parte rimanente metterla da parte
200 gr latte
200 gr zucchero
200 gr strutto
nr 1 bustina di vaniglia o ammoniaca per dolci

Procedimento
impastare la farina con il tuorlo, il latte e la vaniglia (ammoniaca) e amalgamare il tutto formando un grosso impasto. Ridurre a bastoncini sagomandoli a forma di "S", deporli in una teglia, (ben unta con lo strutto) e preparare il forno ad una temperatura di 200 gradi. Nel contempo, per preparare i "ghironi" bianchi di zucchero, unire all'albume dell'uovo lo zucchero palpabile ed alcune gocce di limone, mescolando sempre in un senso. Una volta addensata questa crema, distribuirla al di sopra dei biscotti, seguendone il disegno ad "S", prima di infornare. I biscotti saranno cotti per una decina di minuti.

Le foto e i testi di questo sito sono protetti da copyright ©2013 Carlo Di Franco e concessi in esclusiva a ©PalermoWeb.com
E' possibile, su richiesta, ottenere delle copie per usi commerciali: contattaci