Sub & Diving č un sito PalermoWeb.com - Foto e testi sono copyright

Home page  eMail

 Siete su: [Sub & Diving]


La mappa degli itinerari

Sponsorship <<<<
Per prepararci fisicamente alle immersioni  possiamo vederci alla Body Star !

 La secca della "Formica" a Porticello 2^

<<parte 1^

Il tempo dedicato a questa oasi ecologica risulta come sempre il massimo consentito dai tempi di una prudente immersione e d'altronde la voglia di raggiungere il fondo non č prepotente come si possa immaginare considerato che alla base dello scoglio, a circa -50, il paesaggio si trasforma in una sconfortante distesa di sabbia e fango. Al contrario avvertiamo il desiderio di impiegare la risalita per fermarci con l'occasione delle tappe di sicurezza sul lato della Formica che guarda verso le Eolie dove a poco meno di 15 metri la vegetazione torna lussureggiante in un'esplosione di parazoanthus e di astroides che ricoprono intere pareti a picco sul fondo. Proprio qui, in una sorta di cappella naturale ricavata nella roccia l'escursione subacquea si conclude sostando accanto a un oggetto che racconta una storia e ricorda un proposito, quello di vivere qualunque sport rispettando sempre la vita. A chi dimenticasse questi aspetti dell'attivitā subacquea dovrebbe capitare di fare la scoperta che i ricercatori del circolo Tecnomare di Palermo fecero nel 1991 durante una delle tante immersioni allo scoglio della Formica. 

A circa 30 metri di profonditā, su un fondale estremamente sconnesso e semicoperto dal fango, trovarono una targhetta di ottone in gran parte corrosa dall'ossido. Per il desiderio di decifrarla subito ne strofinarono a lungo la superficie con i guanti fino a quando l'intera incisione divenne leggibile: "I subacquei palermitani ai loro amici scomparsi in mare - 1965".

In breve iniziarono la ricerca dell'avvenimento da cui aveva preso spunto la realizzazione di quell'oggetto e, attraverso le tante conoscenze nell'ambiente subacqueo palermitano, risalirono addirittura alle foto che documentavano la posa in opera della croce, dono del principe Gualtiero Belmonte, su cui era stata apposta la targa ritrovata.

Continua parte 3^>>

[ Indietro ] -[ e-Mail ]