ALCOL: GUIDARE INFORMATO E’ GUIDARE SICURO

576

Il consumo di alcol è terribilmente in crescita.

In Italia, l’alcol è bevuto da circa il 80% degli Italiani ed il 60% lo consuma abitualmente mentre il 4% della popolazione fra i 13 e i 16 anni lo utilizza più o meno regolarmente.
Sempre più di frequente gli impressionanti dati statistici sugli incidenti stradali confermano cause riconducibili all’uso di alcol, droghe e assunzione di farmaci.
Né le leggi né le campagne informative di prevenzione si sono rivelate sufficienti per impedire il verificarsi degli incidenti stradali come conseguenza dell’uso di alcol e droghe.
Da ciò, al di là di ogni considerazione è necessario che ciascuno di noi conosca il rischio dell’uso di alcol prima di mettersi alla guida.

GLI EFFETTI DELL’ALCOL

• Euforia
• Deficit di attenzione e concentrazione
• Difficoltà nei movimenti
• Instabilità emotiva
• Aumento dei battiti cardiaci e del respiro
• Confusione
• Loquacità
• Alterazione dello stato di coscienza
• Perdita dell’orientamento
• Perdita della memoria
• Grave diminuizione della temperatura corporea
• Coma
• morte

COSA SUCCEDE A CHI SI METTE ALLA GUIDA DOPO AVERE ECCESSIVAMENTE BEVUTO:

• l’euforia può indurre a sottovalutare situazioni di pericolo (passare col rosso, non frenare, Ecc.)
• la distanza di sicurezza fra un veicolo e l’altro e la velocità vengono percepiti in modo alterato
• la visibilità diminuisce e diviene a tunnel
• accecamento come sensibilità maggiore all’abbagliamento
• i tempi di reazione si accrescono per una riduzione della velocità della trasmissione nervosa
• probabilità elevata di colpi di sonno

A CHI COMUNQUE FA USO DI ALCOL E GUIDA È UTILE RICORDARE

• non mettersi al volante se non si è in grado di farlo
• bere a stomaco pieno
• non mischiare una o più bevande alcoliche con droghe e poi guidare
• non bere se si sono assunti ansiolitici, sonniferi e antidepressivi
• attendere di avere metabolizzato l’alcol e smaltito gli effetti prima di guidare

FALSI CONVINCIMENTI

• il tempo di eliminazione completa dell’alcol è determinato dalla qualità della sostanza ingerita. Questo varia da persona a persona ma all’opposto di come si pensa né il freddo né lo sforzo fisico né il caffè o la doccia fredda possono accelerare l’eliminazione.
• Chi svolge lavori pesanti non elimina più in fretta l’alcol
• L’alcol non fa digerire meglio perché, invece, rallenta lo svuotamento gastrico
• Non riscalda perché disperde il calore corporeo
• Non disseta anzi determina disidratazione
• Non aiuta a riprendersi da shock o situazioni stressanti
• Non dà forza ma determina una percezione maggiore dello sforzo e del dolore
• Non rende sicuri. È stato dimostrato che dopo l’iniziale momento di disinibizione rende più insicuri e timidi.

Articolo precedenteQUANDO LO SVILUPPO ECONOMICO COINCIDE CON LA LIBERTA’ PERSONALE
Articolo successivoPalermo: come stanno i nostri adolescenti