Altruisti senza divisa: Il sabato del villaggio in un quartiere termitano

385

Lo scorso diciassette luglio, il quartiere Beato Agostino Novello si è trasformato in un cantiere a cielo aperto. L’Associazione da cui prende nome è scesa in strada, insieme a tanti altri volenterosi, per ripulire una superficie di 1.500 metri quadrati.

I partecipanti all’iniziativa adulti, ragazzi e bambini, hanno fornito prova di grande amore per il proprio quartiere, lavorando sotto un sole cocente, dimostrando come la solidarietà sia un cardine cruciale nei giorni nostri, soprattutto tra i giovani.

Il volontariato è molto importante nella società in cui viviamo: la realtà che ci circonda è ogni giorno più difficile da gestire e affrontare da soli. La società in cui viviamo è piena di difficoltà, aiutarsi l’un l’altro è la base per sopravvivere in questa giungla urbana: e l’associazione Beato Agostino Novello dalla data della sua costituzione si è rimboccata le maniche per stare accanto ai cittadini, sia del quartiere sia della totalità degli abitanti, intervenendo laddove necessita la loro presenza per fornire supporto dove richiesto.

Per i bambini alla fine il coinvolgimento è diventato un momento ludico, una festa. Non si sono fermati un attimo, chiedendo all’associazione di aprire il campetto sportivo che, purtroppo, ancora non è completato.

Michele Longo, uno dei volontari dell’associazione: “Abbiamo ancora altri giorni da dedicare, anche se eravamo davvero in tanti, l’area è davvero estesa. Noi non demordiamo e siamo pronti alla prossima avventura, carichi di entusiasmo. Io penso che i quartieri non vanno lasciati indietro ma essere al passo con il resto della città sotto la guida dell’Amministrazione Comunale. Il nostro obiettivo rimane sempre e solo uno: mettere a disposizione il nostro tempo per il nostro territorio e per gli altri”.

Calderone Giovanni Battista, Presidente dell’Associazione: “Ringrazio tutte le persone intervenute a questa bella iniziativa nata spontaneamente. In modo particolare ringrazio i ragazzi del quartiere, Sono sempre più convinto che bisogna investire sui giovani, sono il nostro futuro”.

Madre Teresa di Calcutta diceva: “Chi nel cammino della vita ha acceso anche soltanto una fiaccola nell’ora buia di qualcuno non è vissuto invano”.

Rosalinda Camarda Signorino

 

Articolo precedenteLa corruzione al centro del prossimo film che proporrà “Libera Cinema in Libera Terra 2021” martedì 20 luglio. Tappa al C.E.R.C.A.T. di Cerignola
Articolo successivo“Per Vendemmia festanti” di Fausto Provenzano. La presentazione giovedì 22 Luglio in piazzetta Bagnasco