Incontro a Palazzo delle Aquile: Diamo Cittadinanza al lavoro

224

Si è tenuto lo scorso quattro ottobre, nell’Aula Consiliare di Palazzo delle Aquile di Palermo, un incontro/dibattito sulle Politiche del lavoro, tema conduttore ben rappresentato dal titolo scelto “Diamo Cittadinanza al lavoro”.

L’argomento in oggetto, tasto dolente della realtà italiana, ha avuto come focus la Sicilia, centro nevralgico di un malcostume del Bel Paese segnato dalle difficoltà nell’offrire concreto sviluppo e occupazione alle nuove generazioni di ambo i sessi, costringendole ad una reiterata sudditanza spesso difficoltosa verso i nuclei familiari di origine, ed indirizzandoli verso la strada dell’emigrazione internazionale.

A seguito dell’emergenza pandemica mondiale del COVID 19, la Sicilia si è ritrovata ad essere terreno fertile per una esponenziale intensificazione dei problemi occupazionali, non solo per l’incapacità di porre in essere nuovi posti di lavoro, ma anche togliendo quelli già esistenti colpendo con maggiore vigore le donne, in un cul de sac che ha visto trasformare le continue difficoltà preesistenti in uno sbarramento netto delle prospettive occupazionali giovanili e femminili.
Ad introdurre i lavori il presidente dei Senatori di Italia Viva, Davide Faraone, mentre sulla disanima e sulle possibili soluzioni si sono confrontate posizioni diverse, moderate dai responsabili regionali Lavoro Italia Viva, Salvatore Scelfo e Gabriella Lo Presti.

Sono intervenuti Alessandro Albanese, presidente Confindustria Sicilia; Alfio Mannino, segretario generale CGIL Sicilia; Rosanna Montalto, dottore commercialista; Sebastiano Cappuccio, segretario generale CISL Sicilia; Claudio Barone, segretario generale UIL Sicilia; Filippo Ribisi, vice presidente nazionale Confartigianato; Nicola Scaglione, segretario regionale Cisal; Fabio Sanfratello, vice presidente nazionale Ance; Marco Bentivogli, coordinatore nazionale Base Italia; Emiliano Abramo, presidente comunità Sant’Egidio.

Immancabile la voce di Donne Alfa, nella persona della Presidente Marcella Cannariato, che ha analizzato i disastrosi dati lasciati in eredità dal Covid 19, a danno soprattutto del tasso di natalità e dell’occupazione femminile, investendo nella famiglia e nelle politiche attive del lavoro, lette come un ascensore fermo da riportare giù onde poter accogliere uomini e donne senza pregiudizievoli sessismi.

Associazione Donne A.L.F.A.
Ufficio Stampa
Rosalinda Camarda Signorino

Articolo precedenteFine settimana di disquisizioni e corti a Villa Niscemi per “MoviMenti”, la mostra fotografica di Flavia Agar Di Piazza
Articolo successivoIl potere del cromosoma X oltre un femminismo da salotto