“La Sarta” di Marilena La Rosa alla libreria Zacco nell’ambito di “60 E NON LI DIMOSTRA”

189

Proseguono gli appuntamenti in streaming che la libreria Zacco di via Vittorio Emanuele 423 sta promuovendo nell’ambito di “60 anni e non li dimostra”, ricco programma di presentazioni online finalizzato a festeggiare i primi 60 anni di vita di questa storica libreria del Cassaro di Palermo attraverso  la presentazione delle ultime pubblicazioni di autori ed editori indipendenti. Un percorso compiuto in collaborazione con l’associazione “Cassaro Alto” e “La Via dei Librai”.

Alle 18 di venerdì 12 marzo sarà presentato “La Sarta” (Mohicani Edizioni) di Marilena La Rosa. A dialogare con l’autrice saranno Isidoro Farina e Gilda Sciortino. Introduce e modera Maurizio Zacco.

Per seguire l’incontro in diretta basterà collegarsi alla pagina Facebook della Libreria Zacco (https//it-it.facebook.com/libreriazacco) mentre chi vorrà affacciarsi in libreria potrà anche farsi autografare una copia del libro.

Il libro

Yumiko, protagonista del romanzo di Marilena La Rosa, non insegna ai suoi praticanti soltanto l’arte di cucire e ricamare perfettamente, ma anche l’arte di ascoltare parole e desideri, nonchè l’arte di leggere “nei pensieri e in fondo ai cuori”.

Il piccolo mondo di Santa Maria della Scala, in cui si muovono la sarta Yumiko, la sua apprendista Saele, il Sindaco e tutti gli altri personaggi, è intriso di realtà e di sogno, di passato e di futuro.

Il racconto si snoda su questo crinale, guidato da un’armonia interna che trascina il lettore e lo rende compagno di viaggio della miriade di personaggi caratterizzati da affetto e ironia.

La leggerezza di questo romanzo è costruita con arte, pazienza e fantasia ed è accompagnata dalla ricerca della bellezza, della bontà, della verità e dell’umanità.

L’autrice

Marilena La Rosa è nata ad Acireale ma è palermitana di adozione. Insegna Italiano e Latino, collabora con diverse riviste nazionali, ha curato un blog e ha pubblicato numerosi testi scolastici con le case editrici Palumbo, Rizzoli e Giunti. Nella scrittura ama praticare la leggerezza descrivendo con ironia la vita quotidiana.

 

Articolo precedenteMatrimoni ed eventi. Federmep: grazie all’emendamento proposto in Commissione Bilancio il nostro settore potrebbe tornare a nuova vita
Articolo successivo“Breve storia del futuro”, il progetto delle associazioni “Genitori e Figli”, “CIDI PALERMO” e “Piazzetta Bagnasco”. Dal 25 marzo al 6 maggio per interagire online con grandi esperti del sapere