ll corretto uso dei social media per la costruzione della cittadinanza attiva. Se ne parla giovedì 22 aprile con Gianna Cappello

237
Gianna Cappello

Prosegue il ciclo di incontri del progetto “Breve Storia del Futuro”, promosso dalle associazioni “Genitori e Figli”, “Piazzetta Bagnasco”, dal “CIDI PALERMO” e da Logos.

S’intitola “Educare alla cittadinanza nella società in rete” l’incontro in programma dalle 21.15 alle 22 di giovedì 22 aprile e avrà come protagonista Gianna Cappello, docente universitaria esperta di Media Education. nonché presidente nazionale del MED, l’Associazione italiana per l’educazione ai media e alla comunicazione. Sarà l’occasione per comprendere meglio come l’educazione a un corretto e responsabile uso dei social media sia condizione indispensabile per la costruzione della cittadinanza attiva.

«Come tale – afferma Gianna Cappello –  non è una questione che pertiene solo alla scuola e ai genitori, ma al sistema sociale nella sua interezza».

L’incontro di giovedì prossimo è una delle numerose tappe del progetto “Breve storia del futuro. Quale cultura per la cittadinanza”, promosso dalle associazioni “Genitori e Figli”, “Piazzetta Bagnasco”, dal “CIDI PALERMO” e da Logos, valorizzando e dando nuova vita all’esperienza decennale dell’associazione “Genitori e Figli” e del CIDI PALERMO con il progetto “Educare oggi”.

La partecipazione a questa e alle altre videoconferenze in programma è gratuita. Basta iscriversi tramite il sito www.associazionegenitoriefigli.it. Ulteriori info al cell. 340 302 1273.

I prossimi incontri:

29 aprile: Silvia Vegetti Finzi, psicoterapeuta e docente di Psicologia dinamica all’Università di Pavia, Le donne, il futuro, la natalità: se non ora, quando?;

6 maggio: Sergio Sorgi, vice presidente di Progetica, studioso di welfare e temi socio grafici, Alla ricerca della felicità.

 

Articolo precedenteOperazione “Provinciale” a Messina. Scandurra, “Sos Impresa – Rete per la Legalità a fianco delle vittime di estorsione”.
Articolo successivoDal 10 maggio a Palermo le riprese di “Madeleine”, il cortometraggio che vede alla regia Francesco Benigno