Mafia: maxi-sequestro dei beni di Lucchese. Sos Impresa-Rete per la Legalità: sempre più distanza tra imprenditori collusi e imprenditori alla luce del sole

246

Complimenti ai finanzieri del Comando provinciale di Palermo per l’operazione “Schiticchio” che ha portato al maxi-sequestro da 150 milioni di euro al “re” dei supermercati Carmelo Lucchese. Giungono dal presidente di “Sos Impresa Sicilia”, Matteo Pezzino, e dal coordinatore regionale della Sicilia di “Rete per la legalità”, Pippo Foti, evidenziando come, grazie alla Direzione distrettuale antimafia e sulla base degli accertamenti svolti dal Gico del Nucleo di Polizia economico-finanziaria, si sia riusciti a delineare il profilo di “un soggetto socialmente pericoloso in quanto appartenente, anche se non partecipe, al sodalizio mafioso”.

“Tutto questo – affermano i due rappresentanti antiracket siciliani — , alla luce della vicinanza con esponenti di vertice della consorteria bagherese, grazie alla quale è riuscito a espandersi economicamente nel settore, acquisendo con l’intervento di cosa nostra ulteriori attività commerciali; scoraggiare la concorrenza anche attraverso atti di danneggiamento, risolvere controversie sorte con alcuni soci, ottenendo in loro pregiudizio la possibilità di rilevare l’impresa contesa“.

Un altro colpo messo a segno da forze dell’ordine e magistratura, che rafforza la distanza tra quegli imprenditori che seguono la strada della legalità per contribuire alla crescita del tessuto socio-economico del nostro Paese e gli imprenditori che si muovono nel terreno dell’illegalità.

Articolo precedenteMatrimoni: crollata di circa il 90% la “wedding industry”. L’allarme di Federmep. Dalla Sicilia la richiesta di incontrare la Regione
Articolo successivoPer “60 E NON LI DIMOSTRA”, alla Libreria Zacco, il libro di Fabio Ceraulo “El Diablo”. Un altro dei seguiti appuntamenti in streaming che celebrano l’importante anniversario