Mario Pintagro racconta ai microfoni di Radio Off la storia degli alberi di Palermo

1651

Arborea. La storia di Palermo in cento alberi illustri”(Helix Media Editore) è il libro di Mario Pintagro, grazie al quale dalle 10 alle 11.30 di sabato 6 agosto si potrà fare un tour virtuale di Palermo, avendo come invitati illustri della trasmissione alcuni tra i più noti alberi della città.

E sarà lo stesso giornalista e scrittore palermitano a condurci in questo viaggio all’insegna del verde ad ARTE A PARTE, la trasmissione condotta a RADIO OFF da Barbara Morana e Aldo Penna,  dando vita a un sabato rinfrescato da piccoli e grandi aneddoti che raccontano le vere “radici” di Palermo. In aiuto verrà proprio questo lavoro editoriale, considerato, il libro sugli alberi più venduto in Sicilia.

Mario Pintagro non è certamente nuovo a questi temi. È  prima di tutto uno storico degli alberi. Ha realizzato con un gruppo di botanici la mostra e il libro “Pomelia felicissima”, ideando anche un percorso per ipovedenti all’Orto botanico di Palermo. Con l’architetto Rosanna Pirajno, poi, ha realizzato il primo pomelieto della città, alla Cala. È nato a Palermo, al 38° parallelo.

Mario Pintagro
Mario Pintagro

È così innamorato della sua città che ha dimostrato  e scoperto che si può nascere nel capoluogo siciliano, ma a coordinate estremamente variabili. Con il collega fotografo Franco Lannino é, infatti, andato negli Stati Uniti e in Canada, dove ha scovato altre Palermo, veri e propri cloni della capitale del Mediterraneo. Ne è nato un libro, dal titolo “Americani di Palermo. Due cronisti fra i «palermitani» d’oltreoceano”

Si definisce un siciliano di mare aperto. Ama la cucina, la natura, gli piace correre e nuotare. Proprio per questo, detesta gli alberghi a 5 stelle: “Molto meglio un campeggio”.

Sarà, dunque, una puntata tutta seguire, collegandosi al sito www.radiooff.info. Per interagire in diretta, invece, si può chiamare al tel. 091. 9778665.

 

Articolo precedenteEffetti dell’attività fisica, sull’apparato respiratorio e cardiocircolatorio
Articolo successivoL’Irish Quartet e il calore dei paesaggi irlandesi al Caffè del Teatro Massimo