Online il percorso di scrittura di comunità del “Newbook Community Lab”. Domenica 24 gennaio il prossimo appuntamento

328

Una scrittura di comunità che riempia i vuoti, che scriva sulle pagine bianche, per addolcire l’amara distanza che ci separa. Un bisogno che Newbookclub Community Lab sente particolarmente in questo momento in cui in tanti stiamo patendo l’impossibilità di incontrarci e condividere in presenza le nostre umanità. Ciò che ha sempre caratterizzato questo progetto sociale e letterario creato da Alessio Castiglione e sviluppato oggi con la collaborazione degli Starter, un team di giovani e adulti impegnati nel sociale che hanno costituito un piccolo gruppo organizzativo per la realizzazione gli incontri. Un laboratorio esperienziale di scrittura e comunità ad alta inclusività cresciuto così tanto dal primo incontro, realizzato  a ottobre 2012  nella sede della “Comunità All’Acchiappasogni” che oggi non esiste più, che si è fatto uno scatto in più costituendo l’associazione.

Un percorso che, in virtù di come si è trasformata la nostra vita e il modo di interagire con l’altrui essenza, che il Newbookclub Community Lab prosegue il suo viaggio con altri mezzi di trasporto, dando appuntamento alle 15.30 di domenica 24 gennaio sul web (https://meet.google.com/qge-rdbb-knr), per continuare a scrivere e ascoltarsi.

«Quel bisogno secondario di cui parlavamo all’inizio – spiega Alessio Castiglione, presidente dell’associazione “Newbookclub community lab APS” della quale fanno parte anche Simone Napoli, Gaia Gariofalo, Margherita Chinnici e Andrea Maria Lentini – è un diritto per tutte le persone e un dovere per noi. Dobbiamo trovare una strada migliore per stare insieme e la stiamo costruendo con i partecipanti e le loro storie, che ci suggeriscono di raddoppiare i nostri incontri e raccontare con altre parole questa zona rossa, facendola diventare uno stimolo per la creatività e non un ulteriore limite».

Le modalità sono semplici come sempre. Dalle 16 alle 17 ci sarà il momento di scrittura ispirati dal tema scelto, mentre dalle 17 alle 18 (in base al numero dei partecipanti) quello della lettura.

«Nel momento delle letture tutti si ascoltano a vicenda – prosegue Castiglione – , questo perché l’ascolto del prossimo è uno dei momenti più importanti e profondi del Newbookclub.
Ascoltando si entra in contatto con chi ci sta intorno e il contatto è proprio uno dei punti cardini del progetto perché genera un momento di condivisione con l’altro senza giudizi e pregiudizi. Chi ci conosce lo sa, ma ci teniamo a ribadirlo che questo gruppo è aperto a tutti e a tutte, grandi e piccoli. Non importa essere grandi scrittori o conoscitori della lingua italiana, basta esserci e provarci, provare a essere e a scoprirsi un po’ di più. Oltre al fatto che è tutto gratuito».

Oltre all’appuntamento di domenica 24, ci si incontrerà online anche alle 17.30 di sabato 30 gennaio. Per i detagli e per seguire le attività del NBC ci si può tenere in contatto attraverso i seguenti link:

https://www.facebook.com/newbookclub.communitylab/

https://instagram.com/newbookclubcommunitylab?igshid=dtodfzqkfpe5

https://chat.whatsapp.com/EWXBO07RnF01NH6Z57DoDg

https://t.me/newbookclub

Articolo precedente“Carota sulla luna”, il nuovo libro di Alessia Franco, approda al museo Pasqualino
Articolo successivo“Sos Impresa – Rete per la legalità/Sicilia”, presieduta dall’imprenditore Matteo Pezzino, parte civile contro gli usurai Giuseppe e Antonio Maira