Piazzetta Bagnasco. “Il sistema fiscale tra tirannia e democrazia” é il tema dell’incontro di giovedì 10 giugno con Alessandro Dagnino

204
Alessandro Dagnino

I tributi sono necessari per finanziare le spese pubbliche e sono, dunque, espressione di democrazia ma, al contempo, la limitazione dell’eccessivo potere fiscale è sempre stato un giusto obiettivo perseguito in tutti i sistemi democratici.

La storia, infatti, insegna che, quando il potere di imposizione viene esercitato in modo distorto da istituzioni che, sotto l’egida di principi nobilitati da un’alta pseduo-eticità, “estraggono” rendite a beneficio delle élite dominanti, della democrazia non resta che un mero simulacro.

Progressività, tassazione dei patrimoni, imposta sulle successioni, armonizzazione europea. Come distinguere, in tempo di riforma fiscale, le proposte sinceramente democratiche, da quelle che nascondono il germe della tirannide?

Ne discuteremo con il prof. Alessandro Dagnino, docente universitario di diritto tributario e managing partner dello studio legale LEXIA Avvocati.

Ingresso libero sino a esaurimento dei posti con il consueto distanziamento.

Articolo precedenteIl Giardino di Maredolce aderisce alle “Giornate nazionali di valorizzazione di parchi e giardini storici”
Articolo successivo“Il miracolo del porto di Palermo”. Se ne parla il 17 giugno in piazzetta Bagnasco con Pasqualino Monti, Leonardo Agueci e Stefania Petyx