Sempre più forte l’impegno delle donne BPW AdrionNet. Un centinaio le imprenditrici partecipanti al 4° Forum tenuto a Palermo

227

Un evento che ha lasciato il segno, il il 4th Forum BPW AdrionNet dal titolo “Encouragement and Promotion of Women Entrepreneurship in Adriatic Ionian Region”, tenuto a Palermo, che ha consentito alla BPW Italy di fare conoscere alle donne di diversi paesi europei collegate virtualmente le imprenditrici siciliane e il loro prezioso lavoro all’interno della Rete AdrionNet.

Un altro importante tassello nel percorso che sancisce la cooperazione tra le donne imprenditrici della BPW International del bacino adriatico ionico, con l’obiettivo di favorire i rapporti economici tra le donne in una prospettiva di sviluppo nel campo del turismo, della cultura, dell’agricoltura, così come promuovere in generale l’imprenditoria femminile nel territorio.

«È stato un evento atteso da molte socie siciliane, perché veramente significativo per il club BPW di Bagheria in quanto uno dei firmatari del gemellaggio da cui nasce il network – afferma Giuseppina Seidita, vicepresidente BPWI e vice Chair AdrionNet -. Quest’anno il Forum è stato organizzato a Palermo, dopo Pola, Atene e Benevento, dandoci la possibilità di raccontare le eccellenze della nostra terra.  Tutte le donne collegate con noi ci hanno dato importanti testimonianze componendo, insieme a quelle che erano nella sala delle Carrozze di Villa Niscemi, un mosaico di valori unici. Mi riferisco alla presidente internazionale, Catherine Bosshart Plugert, come anche alla Chair di AdrionNet e presidente BPW di Pola, Alida Perkov, che hanno impreziosito il dibattito».

Un momento indicativo del percorso che si vuole intraprendere, promuovendo le donne nella loro totalità.

«Quello che ci auguriamo – conclude la Seidita – è che sia stata solo una delle tante occasioni per scambiare esperienze perché, dalle donne che fanno parte della Rete AdrionNet e da quelle che si uniranno strada facendo, ci aspettiamo collaborazione per promuovere innovazione e buone pratiche nel mondo. La rete è lo strumento giusto per raggiungere questo obiettivo. Gli elementi della nostra azione sono la partnership, il network e la valorizzazione delle risorse umane, fondamentali in un momento di grave crisi economica globale. Le donne possono fare tanto e queste occasioni di incontro e confronto lo dimostrano ampiamente».

Articolo precedente“MoviMenti”, la mostra permanente di Flavia Agar Di Piazza, dal 2 al 14 ottobre a Villa Niscemi
Articolo successivoAlla Feltrinelli di Palermo, giovedì 7 ottobre, la presentazione di “Noemi Crack Bang” (La Banalità del Male) di Victor Matteucci e Gilda Sciortino