Trappeto: sorpresa tra la sabbia alla Ciammarita… nate 50 tartarughe marine. Il presidio del WWF

458

Il WWF informa che il personale del lido, intorno alla mezzanotte del 26 agosto scorso, ha notato uno strano movimento sulla sabbia e, andati sul posto, hanno constatato un piccolo esercito di una cinquantina di piccole Caretta caretta che stavano puntando verso l’arenile, quindi raggiunta la battigia, hanno preso il largo.

Le protagoniste, nella foto di apertura sono Adriana e Flavia, dipendenti del lido, hanno avvisato il volontario attivista del WWF Sicilia Nord Occidentale Giuseppe D’Asaro che ha prontamente provveduto a recintare il nido e avvisare il gruppo tartarughe del wwf locale.

Una delle piccole fotografata dal personale del lido El Pam Pam a Trappeto Ciammarita

Francesco Paolo Palazzo, referente del sodalizio, per il progetto tartarughe marine, ha quindi verificato sul posto il punto di uscita delle piccole e si è provveduto alla sorveglianza sul posto.

Dopo quella notte sono uscite altre piccole in maniera sparuta. Si attenderà qualche giorno per poi verificare il nido.

Si ricorda che la Caretta caretta è una specie protetta e tutti gli avvistamenti devono essere comunicati prontamente alla Guardia Costiera numero 1530, anche di notte, anche in mare, per poi provvedere al recupero in caso di problemi al rettile o di controllo del nido in caso di deposizione.

Inoltre se si avvista una tartaruga in spiaggia NON SI DEVE NE’ AVVICINARE NE’ TOCCARE altrimenti non depositerà le uova.

Per due anni consecutivi questo tratto da mare vicino al paese di Trappeto ha dato i natali a oltre 150 piccole tartarughe confermandosi come lo si pensava da tempo un importante sito per questa straordinaria specie che vive sulla terra da oltre 100 milioni di anni ed è in forte pericolo di estinzione per la troppa pressione antropica provocata dai comportamenti dell’uomo.

Info su: https://www.facebook.com/wwf.palermo

Articolo precedenteArriva in Sicilia la COPPA EURO 2020: nell’Isola tre appuntamenti per rivivere il trionfo azzurro a Wembley
Articolo successivoIl Jazz per le strade di Palermo come a New Orleans. Luca Luzzu, DA del Sicilia Jazz Festival