PalermoWeb sta cambiando... resta in contatto su: www.palermoweb.net !

MONDELLOWEB
La torre: si vede ma non c'è !

<MondelloHome


ESISTE SOLTANTO NELL'ARCHIVIO STORICO COMUNALE DI PALERMO...
di Francesca Mercadante

Il sette maggio 2003 all'Archivio Storico Comunale di Palermo, in occasione della Settimana della Cultura, si presentava l'ultima acquisizione, in ordine di tempo, dei documenti riguardanti le tonnare di mondello, Vergine Maria, Arenella e Solanto. Ordinati entro nove faldoni pergamenacei, il contenuto cartaceo rivelava una storia lunga tre secoli, da metà del Cinquecento alla fine dell'Ottocento.

Tale acquisizione si aggiungeva ai cinque faldoni di documenti già acquisiti dallo stesso Archivio Comunale, nel 2000, che riguardavano però solo la tonnara di Mondello. In precedenza, nel 1999 a seguito di una sottoscrizione volontaria operata da alcuni cittadini fu recuperata una prima miscellanea documentale, riguardante e la vendita della tonnara di Mondello da parte della Regia Curia a don Alfonso Guglia, che all'occasione assunse il titolo di Barone della Tonnara di Mondello, e l'esercizio della stessa tonnara fino alla fine della sua chiusura che avvenne nel 1954 ad opera degli ultimi proprietari, i fratelli D'Acquisto. Nel frattempo, tra un recupero e l'altro, sulla scorta del ritrovamento di altro materiale cartaceo si perveniva ad una esaustiva tesi di laurea, sull'ultimo periodo, quello del novecento della tonnara di Mondello.

Come sottolineato dalla dottoressa Eliana Calandra direttrice dell'Archivio Storico Comunale di Palermo, durante il convegno sulle tonnare, ad oggi il materiale documentale, sull'esercizio della pesca del tonno sulle coste che da Mondello si estendono al Capicello ed oltre sino a Solanto pare tutto recuperato.

Ma, a mio avviso, manca all'appello qualcosa. Una tonnara con il suo pescato e il relativo malfaraggio, luogo ove la ciurma lavora il tonno, sono elementi fondanti di una economia territoriale redditizia, pertanto necesse est una sua tutela, a protezione dei tempi. L'immaginario quanto mai pittoresco mondo dei pirati, così come a noi odierni appare fantasioso, in verità era una cruda realtà per chi fosse incappato nella maglia dei corsari. Ben che fosse, finiva schiavo nei mercati di Algeri e della Tunisia. Così, il luogo ove ripararsi, per avere salva la vita, era assolto dalla torre di turno.

In tutti i documenti ad oggi acquisiti alla pubblica fruizione, della menzione di tutela che aveva la torre di Mondello, non c'è nessun'ombra, mentre per alcune delle altre torri delle tonnare, esempio Vergine Maria, si rinvengono capitoli che addirittura riguardano la sua trasformazione, in dammuso reale, utilizzato da Ferdinando IV di Borbone, alla fine del Settecento, durante il soggiorno palermitano. Eppure, persino Gioacchino Di Marzo, nei suoi Diari della città di Palermo, menziona un attacco da parte di pirati alla tonnara di Mondello, in cui i tonnarioti dovettero correre ai ripari entro le possenti mura della torre!

Dove sono i documenti? E' un giallo che avrà una soluzione ....o cosa?

Certamente è un tassello mancante alla storia complessiva di un territorio, che precedentemente al recupero da parte di quarantatre cittadini, armati solo di un normale e comune senso civico, non si conosceva.

Oggi che la storia é più chiara, risulta quasi un danno che manchi, peccato, proprio la parte più pittoresca. Penso, che sia inutile e quanto mai stupido, che per collezionismo, o per "accentrismo cartaceo," fine a se stesso, non sia rivelato alla città, ciò che alla città appartiene, ovvero anche i piccoli aspetti locali della sua storia. Perciò, fuori dai cassetti privati i documenti della torre della tonnara di Mondello! Intanto la torre sta crollando.

Ma che crollasse davvero!, Così che, quando i danni sono irreparabili, i proprietari, le amministrazioni, le soprintendenze, i cittadini, il comune senso della disapprovazione, si mettono in moto!

Per la verità, abbiamo sperato, all'alba del terremoto ottobrino dello scorso anno che anche la torre... Macché! Nessuno, ma proprio nessuno, ha alzato un dito. Senza documenti di riconoscimento, ignorata com'è, sarà una torre fantasma?

Ecco, forse, se a Mondello, come gioco, dentro una dicerie d'untore, provassimo a inventarci l'esistenza di una torre fantasma, che tutti vedono ma che non esiste per nessuno; che nelle notti di plenilunio, don Alfonso Guglia, affacciandosi dalla finestrella alta, con un arpione in mano lanci strali a proprietari, amministrazioni, soprintendenze, cittadini e al comune senso della disapprovazione, affinchè l'ultima traccia di una storia lunga secoli non si dissolva nell'indifferenza massima, forse chissà, la torre riuscirà pure ad avere l'attenzione mediatica che altrimenti non avrà mai. Ma come gioco usa e getta, anche questo, finirebbe nel dimenticatoio. Bel guaio. E allora ? Allora siamo sinceri, una torre fantasma che tutti vedono ma che non esiste, che sta per crollare per giunta, non serve a nessuno.

Abbattiamola, abbattiamola e facciamola finita, quattro auto ci stanno comodamente al suo posto!

Ma l'altra notte, sognai Mondello.

Un arpione alzò il collo della mia camicia, nell'orecchio arrivò forte:

-Pirata!!!

- Pirata io? - risposi

-  Don Alfonso, allora era meglio che i documenti della Tonnara di Mondello li compravano i Giapponesi? Accontentatevi di fare ancora il fantasma nella torre fantasma, che noi qua sotto abbiamo altri problemi. Sono arrivati i tonni, e sono tutti .. .tonni fantasma.

- Vedi? Vedi? - sentivo dire.

- Turrium necessita est! Piratorum, giapponesorum, tunno-rum, amministratorum, proprietarorum, soprintendenzo-rum...

Mi svegliai.

Meno male, i documenti della torre della Tonnara di Mondello erano ancora nei cassetti di privati, la torre stava crollando, e tutti assistevano indifferenti.

Meno male era stato tutto un sogno.

<BACK

HOME

FEEDBACK PRIVACY

info@palermoweb.com

 PalermoWeb NEWS - Reg.Trib. Pa. n.26-17/09/07 - 1999-2015©Copyright PalermoWeb - Direttore: Rosalinda Camarda