PalermoWeb sta cambiando... resta in contatto su: www.palermoweb.net !

MONDELLOWEB
una volta c'era il tram...

<MondelloHome


NOSTALGIA DEL TRAM PALERMO - MONDELLO
di Giuseppe Quatriglio

L'immagine non è nitida, ma è custodita nella memoria. Riporta ai primi anni del secondo dopoguerra a palermo. agli anni della ricostruzione dopo il cataclisma di un conflitto devastante.

Siamo, nel ricordo, alla fine del 1944 e nel 1945. La vita cittadina riprende a fatica; la merce torna nelle botteghe; anche l'università riapre le facoltà e accoglie gli studenti; i giornali arrivano regolarmente nelle edicole.

Molte strade sono ancora dissestate, ma i mezzi pubblici di trasporto, quelli vecchi di un tempo, riprendono a circolare. Riappare la linea tranviaria Piazza Politeama-Mondello.

Una pausa per mettere a fuoco il ricordo. Sì, si andava in comitiva alla Favorita inforcando le biciclette. E che spasso pedalare con abiti leggeri addosso nel vento lieve di primavera, in un vociare divertito di amici e di amiche, quasi tutti colleghi di università (primo o secondo anno?) compagni fin dal liceo... Talvolta eravamo temerari.

Uscendo, ammassati da fare gruppo, dal cancello della Favorita, dopo avere attraversato tutto il parco, aspettavamo il passaggio del tram sulle lucide rotaie. Ne avvertivamo lo sferragliare, il lento procedere lungo la salita di Pallavicino. Era il momento per "agganciarlo" con le nostre mani e farci trascinare senza dover pedalare. Quasi nessuno dei viaggiatori ci notava e il bigliettaio di solito, avendo completato il suo lavoro, sonnecchiava in un angolo della vettura in attesa di raggiungere il capolinea.

L'aria profumata di pini cedeva a poco a poco al respiro ampio del mare che ci arrivava alle narici con un annuncio festoso sempre desiderato.

Avevamo già lasciato la vettura tranviaria quando scorgevamo la distesa azzurra di Mondello che ci appariva quasi un dono di libertà e spensieratezza. E il pensiero già correva al momento in cui potevamo percorrere a piedi nudi l'arenile dorato e tuffarci nelle acque limpide e trasparenti della baia, in una comunione assoluta con il liquido elemento che ci accoglieva con un abbraccio.

Quella vettura tranviaria, che dal centro di Palermo trasportava tanta gente fino alla borgata marinara, continuò a correre sui binari - come ricorda l'ingegnere Salvo Amoroso - fino alla primavera del 1947. Venne sostituita da filobus nuovi di zecca, e fu un avvenimento cittadino e anche una conquista perché si accorciavano di molto i tempi di percorrenza.

Si chiudeva una pagina di storia cittadina perché il tram che andava in pensione aveva cominciato a compiere il percorso città-borgata all'inizio del Novecento quando era stato già completato il risanamento delle paludi di Mondello.

Raccontare quella vicenda ci porta lontano, ci porta al tempo in cui Mondello era un modesto villaggio di pescatori che sopravviveva ai piedi della torre dell'antica tonnara. Tutto intorno una vasta zona paludosa.

Al tempo degli arabi e naturalmente anche prima, il villaggio di Mondello era stato paludoso, tanto che i geografi del XII secolo lo avevano chiamato Marsa 'at Tin (Porto del fango). Tuttavia, le zone collegate al mare divennero saline. E le saline rimasero attive per tutto il Seicento, come attesta un toponimo -via Saline- ancora esistente nella zona di Valdesi. Soltanto verso la fine del Settecento, il Senato (la municipalità) di Palermo affrontò il problema del risanamento della vasta zona paludosa, impegnandosi in lavori di drenaggio che, senza studi tecnici preliminari, portarono a vari fallimenti. E per di più la malaria apparve con il suo spettro funesto portando malattie e morte. Nemmeno l'aggregazione delle paludi di Mondello al Real Parco della Favorita, a fine Settecento - al tempo del soggiorno di Re Ferdinando a Palermo - migliorò la situazione. E soltanto verso la fine dell'Ottocento si trovò la soluzione giusta per sconfiggere le paludi, costruendo un solo ampio collettore in grado di convogliare le acque provenienti dall'entro-terra e portarle fino al mare.

A bonifica avvenuta, all'inizio del Novecento, avvenne la graduale trasformazione della borgata palermitana in una località balneare, con la costruzione dei primi villini.

Nel 1910 una società italo-belga ottenne la concessione per lo sfruttamento economico del territorio. Già allora si andava a Mondello in carrozza. E si raggiungevano così le prime cabine balneari in legno, simili a quelle già esistenti sul litorale di Romagnolo. Queste cabine naturalmente scomparvero dopo la costruzione del grande stabilimento in muratura.

Il tram sancì, nel nome del Progresso, l'avvio di una lunga stagione di trasformazioni. Quel tram, appunto che - giovanissimi - ci trascinava sulle nostre biciclette senza pedalare, senza fare tanta fatica; quel tram cigolante che scomparve definitivamente nel 1947.

 


<BACK

HOME

FEEDBACK PRIVACY

info@palermoweb.com

 PalermoWeb NEWS - Reg.Trib. Pa. n.26-17/09/07 - 1999-2015©Copyright PalermoWeb - Direttore: Rosalinda Camarda