PalermoWeb sta cambiando... resta in contatto su: www.palermoweb.net !

Monumenti
Palazzo Chiaramonte o Steri

 

 
Visualizza Palermo Tour ! in una mappa di dimensioni maggiori

Dove si trova
Piazza Marina

Orari di visita
Da Martedì a Sabato
ore 9:00/13:00 - 14:30/18:30
Domenica ore 10:00/14:00
Lunedì Chiuso

Info: tel. 091 6075306

Da vedere nelle vicinanze
Piazza Marina, Chiesa di Santa Maria della Catena, Villa Garibaldi, Porta Felice, Corso Vittorio Emanuele, Mura delle Cattive, quartiere Kalsa


(foto ©PalermoWeb)

Dal Sito dell'università di Palermo...

Nell'angolo sud-orientale di Piazza Marina abbiamo l'Ostario Magno dei Chiaramonte, noto cone Steri (dal latino "Hosterium", palazzo fortificato), oggi sede del Rettorato universitario palermitano.

La famiglia Chiaramonte, di origini francesi, raggiunse grande potenza politica ed esercitò il proprio dominio feudale per tutto il corso del XIV secolo. L'influenza fu tale che tutto quel secolo è ricordato nella storia dell Sicilia come "epoca chiaramontiana". Tale termine si estende anche per ciò che riguarda l'architettura e l'arte del periodo che, riprendendo temi e motivi dell'architettuta normanna sviluppò uno stile detto proprio "chiaramontiano".

La dimora fu costruita intorno al 1320 da Manfredi I Chiaramonte. Elegante e solenne il palazzo si ergeva come un volume nitido e chiuso, sulla parte più elevata del vasto pianoro prossimo al mare ed allora libero da costruzioni.

Di impianto quadrato l'edificio è incentrato attorno ad un raccolto cortile. Distribuito su due soli piani vi fu aggiunto nella seconda metà del 1300 un terzo livello e proseguita la scala del lato occidentale. Sopra l'alto basamento chiuso e lavorato a bugne si svolge la decorazione delle finestre del primo piano che forma una larga fascia ritmata. Tutti i piani prendono luce dalle bifore poste sui prospetti, tranne il salone settentrionale che presenta sue serie di eleganti trifore sui due lati lunghi e si affaccia sulla corte interna. Le aperture sono impostate su esili colonnine, di cui alcune tortili, e concluse da archetti recorate da fasce bicrome o da ghiere a bastoni disposti a zig-zag. Nelle trifore, tre decorazioni circolari inserite nella lunetta, formano un'ulteriore motivo decorativo.

Una fascia a movenze floreali corre sull'imposta degli archi ed unifica le varie aperture. Altre fasce orizzontali ornano il bordo inferiore delle stesse e separano idealmente i vari piani dell'edificio. Le finestre del secondo piano sono più semplici ed hanno minore cura del dettaglio. Agli angoli dei prospetti sono poste colonne inalveolate. L'ingresso principale è sul fianco laterale nel prospetto meridionale in posizione decentrata, elegantemente definito da una semplice doppia ghiera di conci, formanti arco ogivale.

Con l'arrivo dei re aragonesi nel 1392 si concluse tragicamente la vicenda politica dei Chiaramonte: Andrea, l'ultimo signore, venne decapitato davanti alla sua principesca dimora il primo giugno di quell'anno.

Dopo la confisca dei beni della famiglia lo Steri divenne residenza dei vicerè fino alla prima metà del XVI secolo; nel corso di quel secolo fu aggiunta una scala esterna per consentire l'accesso diretto alla sala del primo piano. Nel 1517 il piano terreno e gli ammezzati, costruiti appositamente, divennero uffici della dogana. Il complesso dello Steri fu poi sede del tribunale della Santa Inquisizione dal 1601 al 1782, anno in cui fu definitivamente abolito: nel 1623 fu aggiunto un nuovo corpo di fabbrica, detto Carceri della Penitenza, per custordire i prigionieri della Inquisizione, già in parte "ospitati" in prigioni ricavate all'interno del Palazzo: tra queste le temutissime "Filippine" disposte da Filippo III.

Tra il XVIII ed il XX secolo il complesso ha ospitato, oltre gli Uffici della Dogana, un rifugio per i poveri, l'Impresa del Lotto e gli Uffici Giudiziari.

Nel corso del '700 furono eseguiti dei restauri, diretti da Giacomo Amato, ed in questa occasione venne scoperto il portale su Piazza Marina.

Quando nel 1799 vi vennero nuovamente trasferiti gli uffici dei Tribunali, questi occuparono tutti gli edifici che gravitano sul cortile esterno.

L'adattamento a così diverse funzioni aveva comportato una serie di rovinosi aggiustamenti, aggiunte e demolizioni che avevano compromesso la lettura unitaria dell'insieme. Anche il cortile interno del palazzo ha subito parziali rimaneggiamenti, come la copertura di alcuni vani con tramezzature posticcie.

Il complesso è passato nel 1958 alla Regione Siciliana e poi all'Università degli Studi di Palermo che ha destinato Palazzo Steri a sede del Rettorato. In seguito è stato intrapreso il necessario restauro. Nel 1972 è stato completato quello dello Steri; intorno al 1980 quello relativo al palazzetto Abatellis dove sono oggi alloggiati alcuni uffici, mentre si sta provvedendo al restauro delle costruzioni antistanti.

Dal vano d'ingresso si accede al cortile porticato in due ordini: il primo massiccio, il secondo più aureo.

Alcune grandi sale al piano terra sono utilizzate per esposizioni temporanee. Ai piani superiori si trovano, sul versante settentrionale, due grandi sale (una per piano): al primo piano l'Aula Magna (o Sala dei Baroni), oggi aula di rappresentanza del Rettore ornato da un prezioso soffitto ligneo a grandi travature, dipinto nel 1377 dai pittori Dareneu di Palermo, Cecco di Naro e Simone da Corleone. I dipinti rappresentano una sequenza di scene che hanno come riferimento le avventure cavalleresche ed i cicli dei romanzi cortesi. Figure in azione, dame e cavalieri, scene di battaglie e città medievali si susseguono senza soluzione di continuità.La decorazione pittorica del soffitto dello Steri si inserisce nella tradizione della pittura su legno: pur se eseguita da maestri dell'arte popolare, esprime la raffinatezza di una classe emergente e laica ed è ritenuta uno dei capolavori della pittura medievale.

La sala del secondo piano è la Sala delle Capriate utilizzata per conferenze ed importanti avvenimenti culturali.

La storia del palazzo è la storia di Palermo, la sua architettura ha fatto scuola (stile chiaramontano) e per dirne solo una è stata sede del tribunale dell'inquisizione: nella piazza antistante dove oggi è impiantata la  venivano giustiziati, decapitati, bruciati i condannati a morte dal tribunale davanti al popolo !

Conserva la famosa tela di Guttuso "Vucciria"


Elenco Monumenti e Chiese

Itinerari a Palermo e Provincia

Album e Report Fotografici

<BACK

HOME

FEEDBACK PRIVACY

info@palermoweb.com

 PalermoWeb NEWS - Reg.Trib. Pa. n.26-17/09/07 - 1999-2015©Copyright PalermoWeb - Direttore: Rosalinda Camarda