PALERMO.CLOUD | PALERMOWEB.NET | SCOPRI LA CITTA' | TRASPORTI | UFFICI | I DINTORNI | LA SICILIA | EVENTI | NEWS | BOOKING ON LINE |

   v.2.017 

Turismo

Trasporti

Servizi

Eventi

News

Booking

Booking.com

Mondello

Mare

Monti

Dintorni

Sicilia

Home

Itinerario 10: Scoprire Palermo

Booking.com

Booking.com

Scoprire Palermo
Dalla Vucciria a Piazza Verdi


Visualizza Palermo Tour ! in una mappa di dimensioni maggiori

Segui la mappa anche in 3d colore nero

Se dopo essere stati sopraffatti dalla caratteristica zona di "grascia" della Vucciria avete deciso di andare a bighellonare altrove e temete di perdervi per vie e viuzze, potete adoperare la scalinata Caracciolo che collega la piazza con via Roma.

Alla vostra sinistra, la chiesa di S. Antonio Abate (eretta nel XIII sec, rinnovata nel 1536, restaurata in seguito al terremoto del 1823 e nel 1888).

Sul versante opposto della via Roma è il Teatro Biondo edificato nel 1903 in stile eclettico con elementi tipici ottocenteschi.

Poco più avanti imbocchiamo la via Bandiera, un tempo regno delle confetterie e dei pasticceri, oggi sede di negozi e bancarelle di tessuti, abbigliamento e generi vari.

Siete collezionisti di bomboniere o altri oggetti kitch o ancora cercate souvenir a prezzo modico? Siete nel posto adatto.

Diversi palazzi sono ubicati in questa via, alcuni di essi difficili da identificare in mezzo allo scempio dei negozi ma basta aguzzare la vista. Per venirvi incontro segnaliamo al n. 14 Palazzo Termine (costruito nel 1593), ornato all'esterno con torri e merli e all'interno con affreschi di Vito D'Anna e decorazioni di Ernesto Basile. Al n. 24 è il settecentesco Palazzo Oneto di Sperlinga.

Svoltando a destra per via Patania giungiamo a piazza Olivella su cui si affaccia il prospetto della chiesa di S. Ignazio, magnifico esempio di barocco palermitano (1598-1622, mentre la cupola è del 1732). Sul lato destro è l'oratorio tardo settecentesco. Sempre sulla piazza è la casa dei padri Filippini edificata nel XVI sec. e, sede dal 1866, del Museo Regionale Archeologico. All'interno si possono ammirare reperti di gran pregio, differenti per cronologia e provenienza.

Risalendo per via Bara all'Olivella ne approfittiamo per prendere gli orari degli spettacoli del teatro dei pupi (dico... vorrete perdervi le gesta dei paladini di Francia?)

Alla fine della via Bara (tetro come nome vero???) ci ritroviamo in via Maqueda: davanti ai nostri occhi il maestoso Teatro Massimo,manifesto neoclassico della cultura borghese ottocentesca. Come non rimanerne ammaliati? E pensare che per molti anni è apparso come lo spettro di un fasto passato, ingiallito e triste perfino nelle aiuole che lo costeggiavano.

Sorto sulle "ceneri" della Palermo barocca, progettato da G.B. Basile nel 1864, continuato dal figlio Ernesto e terminato nel 1897, è stato riaperto nel 1997 dopo ventitré anni d'inattività grazie all'impegno dell'allora amministrazione comunale presidiata da Leoluca Orlando che ha dato un volto nuovo all'intera zona di Piazza Verdi.

L'itinerario si chiude qui nel bel  mezzo della piazza Verdi, non ci resta che riposare seduti sullo scalone del teatro a goderci lo spettacolo che ci circonda. Dai gruppi bronzei raffiguranti Lirica e Tragedia, ai chioschi Ribaudo e Vicari, ennesimo tributo al Liberty del maestro Basile.


Continua: Da Porta Felice all'Orto Botanico


Altri Tour - Altri Itinerari

Elenco Monumenti e Chiese

Album e Report Fotografici

 PalermoWeb NEWS - Reg.Trib. Pa. n.26-17/09/07 - 1999-2017©Copyright PalermoWeb - Direttore: Rosalinda Camarda