I siti UNESCO di Palermo, Monreale e Cefalù, il video

446

Il 3 luglio 2015, nel corso della 39° sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale tenutasi a Bonn, il sito “Palermo Arabo-Normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale” è stato iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO (WHL).

I criteri UNESCO per i quali sono stati iscritti i nove monumenti nella WHL:

Criterio (2°): “Mostrare un importante interscambio di valori umani, in un lungo arco temporale o all’interno di un’area culturale del mondo, sugli sviluppi nell’architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio”.

Criterio (4°): “Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizio, di un insieme architettonico o tecnologico, o di un paesaggio, che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana”.

Dichiarazione dell’UNESCO di eccezionale valore universale

«L’insieme degli edifici costituenti il sito di “Palermo Arabo-Normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale” rappresenta un esempio materiale di convivenza, interazione e interscambio tra diverse componenti culturali di provenienza storica e geografica eterogenea.

Tale sincretismo ha generato un originale stile architettonico e artistico, di eccezionale valore universale, in cui sono mirabilmente fusi elementi bizantini, islamici e latini, capace di volta in volta di prodursi in combinazioni uniche, di eccelso valore artistico e straordinariamente unitarie.

Il sincretismo arabo-normanno ebbe un forte impatto nel medioevo, contribuendo significativamente alla formazione di una koinè mediterranea, condizione fondamentale per lo sviluppo della civiltà mediterraneo europea moderna».

Il video integrale della dichiarazione:

TAG: UNESCO IN QUESTO SITO


 

Articolo precedenteArcheologia: la nuova vita di Eraclea Minoa
Articolo successivoIl patrono dei farmacisti: Sant’Andrea